Picchia la moglie e resiste ai finanzieri: marocchino arrestato

Un marocchino ha aggredito selvaggiamente la moglie, per motivi ancora da chiarire, procurandole varie ferite al volto e la frattura del setto nasale. Le urla della donna hanno attirato l’attenzione dei militari della Guardia di Finanza che sono intervenuti nella casa arrestando il nordafricano, con precedenti proprio per aggressione

Un nuovo caso di aggressione contro una donna si è verificato mercoledì sera a Luino, in provincia di Varese; un cittadino marocchino di 46 anni, infatti, è stato arrestato dai militari della Guardia di finanza per aver picchiato selvaggiamente la moglie, tanto da procurarle una frattura del setto nasale ed altre ferite al volto.

Il grave episodio di violenza è accaduto intorno alle 23:30 in un appartamento in piazza Risorgimento. Le grida che provenivano dall’abitazione erano così forti che hanno catturato l’attenzione sia dei residenti della zona che degli uomini delle Fiamme gialle, la cui caserma si trova in prossimità della casa. I militari, così, sono subito intervenuti e, dopo aver fatto irruzione nell'alloggio sono entrati nella camera da letto dove hanno trovato il nordafricano intento a picchiare con estrema ferocia la moglie, la quale aveva varie escoriazioni ed ecchimosi al volto e tracce di sangue sul viso e sui vestiti.

Anche di fronte ai finanzieri l'uomo, in preda ad una furia cieca, ha continuato ad aggredire la donna. A quel punto i militari hanno agito riuscendo a dividere i coniugi e ad ammanettare, non senza difficoltà, il 46enne evitando che la situazione, già grave, potesse ulteriormente peggiorare.

Il marocchino, con regolare permesso di soggiorno, è risultato avere diversi precedenti legati proprio al suo comportamento aggressivo. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Varese: dovrà rispondere di vari reati che vanno dalle lesioni alla resistenza a Pubblico Ufficiale.

La moglie, invece, dopo i primi soccorsi ricevuti sul posto dal personale del 118 è stata trasportata all'ospedale di Luino in codice giallo. I medici le hanno riscontrato vari traumi in diverse zone del corpo e la frattura scomposta delle ossa nasali.

Da un sopralluogo effettuato dai finanzieri sarebbero state trovate tracce di sangue in diverse stanze dell'appartamento, segno che la feroce aggressione si era protratta in più punti della casa.