Piero Angela: "I movimenti ecologisti sono sempre esistiti"

Il popolare conduttore spiega che si parla molto delle foreste ma quasi mai degli oceani. E aggiunge che "oggi le cose stanno peggiorando. Gli accordi di Parigi sono disattesi da paesi che a parole dicono di rispettarli e poi non lo fanno"

I movimenti ecologisti sono sempre esistiti”. Lo evidenzia Piero Angela in un’intervista al Messaggero in cui parla delle problematiche ambientali e della loro pericolosità per l'uomo.

Il divulgatore scientifico spiega che oggi ci si concentra molto sulle foreste ma non si parla quasi mai sugli oceani, che assorbono un terzo dell’anidride carbonica e producono un terzo di ossigeno in più dell’Amazzonia. Come già sottolineato dalla stessa Greta Thunberg, se viene turbato il loro equilibrio ci saranno grossi problemi. Angela però chiarisce che “queste cose si sapevano anche trent'anni fa, ma nessuno le voleva ascoltare. Oggi, certo, le cose stanno peggiorando. Gli accordi di Parigi sono disattesi da paesi che a parole dicono di rispettarli e poi non lo fanno”. Secondo il popolare conduttore, il vero problema è che viviamo in un eterno presente, navigando a vista.

Angela sarà protagonista a teatro dello spettacolo I segreti del mare. Due le tappe: stasera all'Auditorium Parco della Musica di Roma e il 17 dicembre al teatro La Fenice di Venezia. Insieme all'esploratore e amico Alberto Luca Recchi, il padre di Quark racconterà “le meraviglie e le fragilità del mare, un secondo paradiso che rischiamo di perdere”. Condotto da Pino Strabioli, lo show verrà accompagnato dalla voce di Noa nella tappa romana e dal pianoforte del jazzista Danilo Rea in quella veneta.

Commenti

parmenide

Lun, 21/10/2019 - 14:06

pensate un pò la informazione scientifica anche se si tratta di volgarizzazione della scienza in mano ad Angela jazzista a tempo perso e laureato in giurispridenza chiamato alla Rai più di 50 aani fa a svolgere un ruolo che nel mondo anglosassone è affidato o a scienziati di chiara fama o a laureati in fisica o fisica mmatematica. Si deduce che in italia non trovino niente di meglio se non lui nepotista del figlio.

chebarba

Lun, 21/10/2019 - 14:57

BASTEREBBE UN PO' DI BUON SENSO PER NON FARE DA CASSA DI RISONANZA AD UNA RAGAZZINA ISTERICA, PREOCCUPARSI PER L'INQUINAMNETO è GIUSTO INSIEME AI PROBLEMI POLITICI, SOCIALI, GUERRA, FAME, UMANITARI BEN PIU' GRAVI. TUTTO E' COLLEGATO E SE NON SI FOSSE PROFONDAMENTE IGNORANTI E SI FOSSE CONSAPEVOLI DI QUANTO SIAMO PICCOLI NELL'UNIVERSO SI CAPIREBBE MEGLIO CHE TUTTO PRIMA O POI SI TRASFORMA,QUESTO PIANETA IN ERE GEOLOGICHE DURANTE MILIARDI DI ANNI HA VISTO COSE.. SE PARAGONASSIMO IL TEMPO TRASCORSO DAL BIG BANG AD OGGI A UNA GIORNATA DI 24 ORE L'UOMO SAREBBE APPARSO SULLA TERRA A DUE MINUTI DALLA MEZZANOTTE... QUALE PARAMETRO DI GIUDIZIO POSSIAMO AVERE? ABBIAMO TRASFORMATO LA TERRA E NOI STESSI DOBBIAMO LAVORARE PER MIGLIORARE PER AMORE DELLA TERRA, IN OGNI CASO NULLA SULLA TERRA E NELL'UNIVERSO RIMANE MAI UGUALE..E' IMPOSSIBILE

vince50

Lun, 21/10/2019 - 16:14

La Gretina sta facendo un sacco di soldi altro che ecologia

Lugar

Lun, 21/10/2019 - 17:58

L'Europa del dolce far niente, dovrebbe attivarsi per fare anche ricerca per le sue industrie, instaurare una specie di ufficio acquisti per avere migliori condizioni dai fornitori e inoltre cercare di darsi un volto comune per affrontare meglio il mercato e non attivarsi per fare del buonismo sterile.