Piero Angela ricorda il padre: "Così salvò tanti ebrei"

Nel Giorno della memoria la città di Torino ricorda le gesta di Carlo Angela che gli valsero il titolo di "Giusto tra le Nazioni"

In molti conosciamo la storia di Piero Angela e del figlio Alberto per via delle trasmissioni televisive di enorme successo. In pochi però ricordano la vita del papà e nonno Carlo Angela che nella sua breve esistenza ebbe il merito di salvare molti ebrei dal genocidio.

Nel Giorno della memoria la città di Torino ha deciso di ricordare il padre di Piero Angela con un concerto per raccontare come riuscì a portare in salvo diversi ebrei. Gesto che gli valse il titolo di "Giusto tra le Nazioni", ovvero il riconoscimento che viene attribuito ai non-ebrei che hanno agito in modo eroico a rischio della propria vita e senza interesse personale per salvare la vita anche di un solo ebreo dal genocidio nazista della Shoah.

Intervistato da Repubblica.it, Piero Angela ricorda con orgoglio il padre: "Mi fa molto piacere che venga ricordato, assieme ad altre figure, perché lui, che era un antifascista sino dalla prima ora, ha fatto sempre il suo dovere senza mai chiedere niente in cambio o dare risonanza alle sue azioni. Semplicemente ha voluto aiutare gli altri e l'ha fatto in silenzio, senza mettersi in evidenza". È sempre il figlio a spiegare lo strategemma con cui Carlo Angela riuscì a salvare molti ebrei: "Era uno psichiatra e durante le persecuzioni razziali nascose nella clinica che dirigeva a San Maurizio Canavese ebrei, uomini e donne anche perseguitati, accogliendoli sotto falso nome. Li istruì su come fingersi falsi malati, facendoli passare per matti, e in questo modo li salvò". Una storia che è giusto ricordare nel Giorno della memoria.

Commenti

Gianni11

Sab, 27/01/2018 - 14:48

E adesso gli italiani chi li salva dall'invasione?

Una-mattina-mi-...

Sab, 27/01/2018 - 14:55

FA PIACERE SAPERE CHE IL PADRE DI ANGELA "era un antifascista sino dalla prima ora, ha fatto sempre il suo dovere..." NON FACEVO IL FASCISMPO COSI' TOLLERANTE CON I DISSIDENTI, ALTRO CHE OGGIGIORNO

VittorioMar

Sab, 27/01/2018 - 17:05

..NEL GIORNO DELLA MEMORIA VORREI RICORDARE TUTTI I PERSEGUITATI IMPRIGIONATI NEI CAMPI DI "LAVORO" ...MILITARI ITALIANI PRIGIONIERI E MORTI SENZA ALCUNA COLPA !!..MOLTE FAMIGLIE ITALIANE HANNO AVUTO CONGIUNTI MORTI IN QUEI CAMPI..RICORDIAMOLI TUTTI NON SOLO UNA PARTE...E' COSI' CHE SI ONORA IL GIORNO DELLE MEMORIE !!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 27/01/2018 - 19:44

@Vittorio Mar - giusto e corretto quanto scrivi.

brunog

Sab, 27/01/2018 - 22:56

Mentre Napolitano era iscritto alla Gioventu' Universitaria Fascista.

justic2015

Dom, 28/01/2018 - 03:33

Pure a questo gli e tornata la memoria ma faccia il piacere ipocriti.