Pilota Easyjet vola sotto l'effetto dell'ecstasy: condannato a un anno

Un pilota della Easyjet è stato condannato a un anno di reclusione per aver volato sotto l'effetto di stupefacenti mettendo in pericolo la vita di passeggeri e equipaggio

Un pilota francese di 49 anni della compagnia aerea Easyjet ha ammesso di aver avuto difficoltà in fase di atterraggio perché era sotto l'effetto dell'ecstasy: condannato e revocata la licenza.

Avrebbe potuto causare una tragedia quando lo scorso maggio si è sentito male durante la fase di atterraggio all’aeroporto parigino di Orly: un atterraggio avvenuto senza controllo perché il pilota era sotto gli effetti dell'ecstasy.

Non è stata resa nota l'identità dell'uomo, di lui si sa solo che è francese, ha 49 anni, è papà di tre bimbi e pilota gli Airbus 380 per la compagnia low cost Easyjet. Nell'ultimo volo che ha compiuto, a maggio, si è sentito male in cabina. Durante le indagini è stato intercettato dai carabinieri mentre raccontava la vicenda a uno dei suoi quattro spacciatori.

"Ho avvertito una sudorazione improvvisa, non mi sono sentito bene. Ho fatto qualche sciocchezza in atterraggio. Credevo che gli effetti della droga fossero limitati a un paio d’ore dopo l’assunzione", si è lamentato telefonicamente il pilota con l'uomo che lo aveva rifornito di ecstasy e qualche volta anche di cocaina.

Messo alle strette dagli inquirenti, ha ammesso di aver volato sotto l'effetto di droghe e che quel giorno aveva avuto difficoltà ad atterrare perché il giorno prima aveva consumato un terzo di una pasticca di ecstasy. L’uomo ha confessato davanti ai giudici di essere dipendente dalla droga da circa un anno e mezzo, ma che in genere consumava la sostanza stupefacente due o tre giorni prima di volare. Durante l'ultimo volo, invece, quello in cui si era sentito male, aveva assunto dell'ecstasy il giorno prima.

Per questo il pilota è stato condannato a un anno di reclusione con la condizionale per aver messo a rischio la vita altrui. Inoltre, un tribunale di Creteil, un comune alle porte di Parigi, gli ha anche revocato la licenza da pilota.

Dopo la condanna, la compagnia low cost ha diffuso una nota in cui annunciava che sin "dall’avvio delle indagini, il pilota è stato rimosso dal suo incarico e nei suoi confronti è stato avviato un procedimento disciplinare". "La sicurezza dei passeggeri e dell’equipaggio è la prima priorità per EasyJet - si legge nella nota - EasyJet ha una politica di tolleranza zero su droghe ed alcool e i piloti sono tra le categorie professionali i più soggette a regolamenti e controlli al mondo".

Commenti

il sorpasso

Lun, 07/08/2017 - 17:38

Un anno mi sembra un po' pochino, almeno 50!

sparviero51

Lun, 07/08/2017 - 18:51

NON C'E'PIU RELIGIONE ,ORMAI SIAMO ALLA FOLLIA IN OGNI CAMPO !!!

Fjr

Lun, 07/08/2017 - 19:58

Considerato i danni che poteva fare un'anno è nulla ,come minimo la compagnia solo in perdita d'immagine gli chiederà un rimborso record

NoSantoro

Lun, 07/08/2017 - 21:50

La notizia di un airbus 380 della easyJet è veramente esilarante.

Silvio B Parodi

Mar, 08/08/2017 - 02:12

un anno??? si ma di sberle quotidiane e galera per i pusher.

NoSantoro

Mar, 08/08/2017 - 08:15

La notizia dell'Airbus 380 della EasyJet è da Premio Pulitzer.