Poliziotti costretti a mangiare sugli scudi: "Migranti trattati meglio di noi"

Il pasto consumato sul mezzo senza sedie né tavoli. Ira della polizia: "Garantire la dignità"

In questi giorni si fa un gran parlare di polizia, carabinieri uccisi, forze dell'ordine. I "servitori dello Stato" perdono la vita in strada, vengono aggrediti, guadagnano poco e poi incassano encomi da destra e sinistra. Gli italiani hanno fiducia nelle divise, i politici li elogiano senza lesinare complimenti. "Eroi". "Sempre in prima linea". "Valorosi". Convenevoli più o meno sentiti. Il problema è che poi nella pratica i "coraggiosi eroi servitori dello Stato" lamentano trattamenti non sempre di riguardo dalle istituzioni che difendono. Lo sanno bene i poliziotti della Squadra mobile in questi giorni impegnati in Puglia, costretti a banchettare scomodi usando il proprio scudo come mensa.

"Agenti, c'è il rancio". Niente sedie, tavoli o sgabelli per consumarlo. Solo il clipeo di ordinanza e il mezzo di servizio come momentanea sala da pranzo. Quella pasta al pesto e salsiccia sarà stata buona, sicuramente saranno state gustose pure le patate al forno e l'insalata mista. Il problema è di "decoro". La foto del pasto consumato a bordo del furgone ("scudato", in gergo) sta circolando da qualche ora nelle chat interne di poliziotti e non solo. Chi la osserva s'indigna. Altri fanno notare che "gli immigrati o i carcerati sono trattati meglio di noi". In generale c'è frustrazione. Perché elogiare pubblicamente le forze dell'ordine solo quando muoiono (come il povero maresciallo a Cagnano Varano) è facile. Più coerente sarebbe metterle sempre in condizione di "dignità" e "decenza" mentre prestano servizio.

Lo scatto, assicurano fonti informate di polizia, arriva dal cantiere del Tap in Puglia presidiato da circa 80 uomini. All'interno dell'area ci sono container per pranzare e cenare. Ma chi effettua servizio all'esterno deve banchettare sui furgoni: chi effettua il turno fino alle una di notte attacca già dalle 15 e alle 18 va a ritirare i cestini presso un ristorante convenzionato a Lecce. Poi li porta a Melendugno e se li pappa sugli scudi. "Il personale non è sufficiente per organizzarsi in turni che permettano di allontanarsi per il pranzo - spiega Fabio Di Monte, del Fsp Polizia in Puglia - E così gli agenti non possono spostarsi e consumano il cibo in loco".

Il presidio però è praticamente fisso e si protrae da tempo. Domanda: non era possibile organizzarsi diversamente?

"Le fanno passare come esigenze di servizio - spiega Michele Dressadore, segretario nazionale del Sap - ma in realtà spesso è solo la convenienza di chi è responsabile del cibo". Per il sindacalista le questure "tendono a usare metodi sbrigativi". E così gli agenti invece di sedersi comodamente a un tavolo si ritrovano a posare forchetta e coltello sullo scudo con cui si difendono dalle sassaiole. "Ho visto circolare anche altre fotografie - continua Dressadore - con poliziotti che appoggiano il piatto su tombini o colonnine elettriche". A "dimostrazione" che "si tratta di una brutta abitudine".

Un paio di mesi fa è stato raggiunto un accordo tra sindacati e dipartimento di Ps per dirimere la questione. "Stiamo aspettando - insiste Dressadore - ma la direttiva tarda ad arrivare". Sul piatto ci sono "disposizioni più stringenti" per "evitare che queste spiacevoli situazioni si ripetano". Le divise chiedono che per i pasti la prima opzione sia sempre la mensa. Se non fosse possibile, allora si potrebbe optare per un esercizio pubblico che fornisca il pranzo o la cena. E se invece occorresse per forza ricorrere al catering, che ci siano almeno delle sedie, un tavolo e magari un tendone sotto cui ripararsi. "I poliziotti fanno sacrifici enormi - dice Valter Mazzetti, Segretario Generale Fsp Polizia - gettano il cuore oltre l'ostacolo e non badando a orari, problemi, difficoltà, perché il dovere viene sempre prima e questo lavoro non si fa per comodità". In caso di emergenza per l'ordine pubblico, ogni agente è pronto a mangiare anche per terra se necessario. Ma quando "tutto questo viene dato per scontato" o diventa "una scusa per il sistema", allora le cose cambiano. "Se svolgiamo un turno massacrante - insiste Mezzetti - non significa che spariscano come per magia esigenze, bisogni, necessità che sono umane".

In fondo i poliziotti non chiedono "i camerieri". E neppure medaglie. Solo un pizzico di dignità.

Commenti

Maura S.

Mar, 16/04/2019 - 09:11

Hanno ragione i poliziotti, siamo nelle mani di questi nuovi anti Italiani che difendono l'invasione nord africana in barba alle nostre tradizioni come europei. Vorrebbero pure negare il crocifisso e forse cambiarlo con la mezzaluna, e qui non si tratta di religione ma di usi e costumi che sono la base delle nostre credenze. Purtroppo l'incendio e la quasi distruzione della cattedrale di Notre Dame rispecchia la decadenza dell'Italia e della UE

aldoroma

Mar, 16/04/2019 - 09:12

FICO legga questo articolo

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mar, 16/04/2019 - 09:19

E' uno schifo, le forze di polizia che difendono la giustizia ed i cittadini onesti, trattati peggio degli invasori. Solo in un Paese d'idioti ed incivili i difensori dell'ordine pubblico vengono trattati in modo cosi barbaro. Un sentito grazie a tutti loro per il lavoro duro che fanno ed un enorme plauso da parte di tutti i cittadini onesti e corretti.

vince50

Mar, 16/04/2019 - 10:00

La dignità va meritata e nessun dubbio che voi la meritiate.Per ottenere questo la dignità va tolta a chi non la merita,ciò che conta è l'esito non il metodo.

Ritratto di Antero

Antero

Mar, 16/04/2019 - 10:13

hanno ragione !

Giorgio Colomba

Mar, 16/04/2019 - 10:27

Ennesimo esempio che dà la misura del nostro grado di (in)civiltà.

aleppiu

Mar, 16/04/2019 - 10:27

Maura S. non so se si e' resa conto che da oltre un anno al governo c'e' la lega e i 5S, e' ora di finirla di dare le colpe al pd, lei dice siamo nelle mani di questi nuovi anti italiani???puo' essere, se si riferisce alla lega, che fino a qualche anno fa inneggiava al Vesuvio di sterminare i napoletani!

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 16/04/2019 - 10:56

Siamo diventati un paese INDECENTE,e sappiamo benissimo CHI ringraziare. Speriamo Salvini riesca a ribaltare questo vergognoso ordine di cose.

graffio2018

Mar, 16/04/2019 - 11:38

aleppiu oltre un anno? io mi ricordo da metà giugno, se va bene... e come si è insediato ha dovuto combattere con europa e partiti vari perchè ogni legge che proponeva (flat tax, reddito, difesa ecc eccc) non andava bene ed è una guerra!!! praticamente non riescono a fare nulla di tutto quello che propongono e vorrebbero

honhil

Mar, 16/04/2019 - 11:41

Agli extracomunitari gli chef con nel curriculum piatti etnici dell’Africa e ai tutori dell’ordine un’umiliazione senza fine. Questa è l’Italia che i dem hanno fortemente voluto. Con una contraddizione in termine che vede da una parte ogni possibile tipo di disagio per gli uomini in divisa e dall’altra la forte propensione dei radical chic a pretendere, ad ogni soffiar di vento, scorte numerose e bene armate.

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 16/04/2019 - 11:43

Non capisco il perchè che i parlamentari e ai falsi buonisti, che fanno loro queste VILLANIE, diano ancora la scorta militare!!!

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 16/04/2019 - 11:44

I "Poliziotti" hanno ragione la loro dignità è gravemente messa in pericolo ormai da troppo tempo. Il governo attuale dovra occuparsi anche di questo.

Ritratto di navajo

navajo

Mar, 16/04/2019 - 12:30

Vergogna ignobile!!!!

i-taglianibravagente

Mar, 16/04/2019 - 12:50

Un paese con le forze dell'ordine con uno stipendio decente e in potere di fare pienamente quello che dovrebbero, si chiama STATO DI POLIZIA per la cultura di sinistra....e questi sono I frutti.

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 16/04/2019 - 13:00

eh ma loro scappano dalla guerra, dalla fame e dai lager libici! giusto mantenerli nei resort a 6 stelle

blackbird

Mar, 16/04/2019 - 13:14

Finchè trovano persone disposte a fare questi sacrifici, ad essere sottopagate, processate se si difendono, ecc. ecc. nessuno cambierà l'andazzo.

maurizio-macold

Mar, 16/04/2019 - 13:37

Sono molti i lavoratori italiani senza mensa aziendale che sono costretti a mangiare per strada, in macchina, o se gli va bene in qualche bar. Evidentemente chi si scandalizza in questo forum vive di rendita in quartieri tipo Parioli lontano dalla realta' quotidiana.

no_balls

Mar, 16/04/2019 - 14:09

Ma se durante il servizio vogliono mangiare al ristorante non vedo nessun problema...... liberi di farlo ... e di restituire la quota aggiuntiva allo stipendio che percepiscono per il disturbo di lavorare nei reparti mobili.... che se non mi hanno detto una sciocchezza sono 1000 euro al mese in più..... Finiamola dai.....

Dordolio

Mar, 16/04/2019 - 14:23

Detesto Macold e i suoi interventi. Ma oggi non mi sembra abbia torto. Stiamo parlando di un CORPO MILITARE. E bontà loro che non gli hanno dato razioni conseguenti, ma a quanto vedo cibi appetitosi. Certo, al tavolo si mangerebbee meglio e con più gusto. A meno che non mi si dica che quando sono in caserma per far gli sparagnini (?!?!) non li si obblighi D'ABITUDINE a consumarli comunque sullo scudato.... C'è comunque un problema evidente di organizzazione della mensa a quanto vedo. Risolvibile certamente se lo si vuole fare. Partecipo - per il mio lavoro - a fiere professionali specializzate di alto livello. Dove figurando in missione vengo rifocillato con il soprannominato "sacchetto del muratore": Panino imbottito, mela, dolcetto, 1/2 minerale. Consumare in piedi. Facciamo il cambio?

dado1

Mar, 16/04/2019 - 14:46

ma pensate che sino gli unici a mangiare cosi????? cara grazia che non devono anche pagarsela, come fa la maggior parte di noi...e poi visto che sono sottopagati, senza divise, rischiano la pelle, devono farsi benzina da soli…..ma perché non danno le dimissioni e vanno a cercarsi un altro lavoro?????perché i concorsi sono sempre strapieni?????....andate a chiedere a chi lavora per strada, muratori, imbianchini ecc ecc dove mangiano di solito

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mar, 16/04/2019 - 14:57

Ma non diciamo corbellerie: da quando mondo e mondo nei servizi di ordine pubblico si mangia al sacco sui mezzi di servizio. Quando ho fatto il poliziotto le cose non erano differenti. Si mangiava sul ''tigrotto OM'' e nessuno aveva nulla da ridire per quanto riguardava il sacchetto viveri e sulle modalitá della consumazione del pranzo. Si aveva invece da ridire (ma sottovoce perché avevamo le stellette e protestare significava tribunale militare) sul servizio pesante che poteva durare anche 24 ore senza riposo. Ma allora i tempi erano quelli che erano. Erano gli anni duri dell'anarchia del '68 e degli anni di piombo successivi.

ale76

Mar, 16/04/2019 - 18:18

Anche troppo!

Ritratto di navigatore

navigatore

Mar, 16/04/2019 - 19:40

il rispetto è dovuto a tutti ed in primo ordine a che serve lo STATO, ma per molti beceri politici comunisti, i delinquenti in carcere sono considerati superiori a queste persone, è solo pura vergogna..

Vincenzo65

Mar, 16/04/2019 - 19:50

Gli Esponenti delle Forze dell’0rdine in generale solo per quello che rischiano quotidianamente dovrebbero essere considerati una categoria privilegiata, è triste vedere calpestata cosi la loro dignità, purtroppo qualcuno ha capito che Poliziotti, Carabinieri e Finanzieri nel momento del bisogno non pensano certo allo stipendio o alla divisa che spesso si devono pagare da soli ma intervengono e a volte non tornano più a casa come il Carabiniere Eroe Carlo Vincenzo Di Gennaro. Come succede spesso e in qualsiasi categoria del lavoro gli incapaci eloquenti percepiscono stipendi da favola e chi si sporca le mani e rischia la vita fa la fame; rassegniamoci non c’è soluzione il mondo funziona così.

perseveranza

Mar, 16/04/2019 - 20:53

Verissimo. In Italia l'unica categoria che ha diritto a tutta la comprensione e l'aiuto, all'approccio incondizionato di stampa tv e Chiesa sono i migranti.

Maura S.

Mar, 16/04/2019 - 21:54

aleppiu = Io mi riferisco agli anti-italiani che pur di andare contro al governo attuale ( Bene o male che sia votato dagli Italiani)insistono nell'aprire i porti a quella massa di nullafacenti, tra l'altro anche assassini, ladri e pusher ( cioè venditori di morte)

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 16/04/2019 - 23:11

Almeno MANGIANOOOO!!!!jajajajajaja.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 16/04/2019 - 23:47

Concordo con quelli che sostengono che le Forze dell'Ordine non siano mammolette e possano abitualmente accontentarsi di "razioni K"... PERO', diciamocela tutta, un conto e' consumare "razioni K" durante una manifestazione, un servizio d'ordine "limitato nel tempo", e un altro conto e' consumare "razioni quasi K" ABITUALMENTE durante un presidio che dura DA MESI... suvvia, sembra una caserma senza sedie e senza brande! Se sono a bordo di furgoni, che ci vuole ad allestire un mini tavolino pieghevole, che all'occorrrenza puo' venire utile pure per dispiegarci carte o documenti vari? Poi, magari si dovrebbe fare spazio ad un minimo di "inventiva personale", com'era d'abitudine "sotto la naja"...