Poliziotto usa il taser contro due studenti che stanno litigando

Il poliziotto è passato subito alle maniere forti senza neanche provare a separare i due con un avvertimento

Brutta avventura per due giovani studenti di un liceo americano che, non si sa per quale motivo, hanno deciso di darsele di santa ragione dopo che il suono della campanella li aveva liberati dalle lezioni in classe.

In un video diffuso negli scorsi giorni su Youtube si può vedere uno dei tanti episodi di bullismo e violenza che accadono quotidianamente in ambito scolastico.

Due ragazzi, di fronte ad una scuola in Georgia, si stanno picchiando con calci e pugni in una vera e propria lotta, mentre i compagni li incitano, li circondano e li riprendono con gli smartphone. Non si sa neanche se i due si stanno picchiando per goliardia ma, ad un certo punto arriva un poliziotto che compie l'inaspettato.

Anziché intervenire da adulto, cercando di separare i due ragazzi con le parole, con un semplice avvertimento o avvicinandosi nella speranza che alla vista della divisa i due possano smetterla, l'agente tira fuori il taser, lo punta sui due lottatori e li paralizza con l'elettricità sprigionata dalla pistola.

I compagni di classe presenti continuano a riprendere, mentre il poliziotto, per non sporcarsi le mani, continua a scaricare la potenza dell'arma elettrica sui corpi dei due ragazzi, ormai immobilizzati a terra.

Poi chiama i rinforzi con la ricetrasmittente e si abbassa su uno dei ragazzi per ammanettarlo, mentre un collega appena arrivato si occupa dell'altro pericolosissimo delinquente.

L'episodio ha suscitato molte polemiche sia perché molti ritengono che l'uso del taser in questo caso sia stato improprio, sia perché il dibattito sulle armi in questo momento è un tema molto caldo negli Stati Uniti.

Commenti

venco

Dom, 20/09/2015 - 17:40

E gli è andata pure bene ai malcapitati, che potevano finire facilmente all'altro mondo.

maricap

Dom, 20/09/2015 - 19:39

E si, avrebbe prima dovuto esortarli a non farsi del male eccessivo, magari dandosi solo qualche calcio alle palle, e qualche cazzottone sugli occhi. Se poi per sbaglio, un colpo finiva sulla tempia di uno dei contendenti, accoppandolo... e chi se ne frega, the show must go on. Buonisti, solo un'accozzagl8ia di idioti.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 21/09/2015 - 16:08

E' tutta colpa di Obama che ha esaltato la filosofia "Yes we can".