Le preoccupazioni per il 2016: sempre più guerre e profughi

Secondo le maggiori agenzie umanitarie del mondo le crisi che hanno segnato quest'anno peggioreranno nei prossimi dodici mesi

Se pensate che il 2015 sia stato l'anno dell'emergenza immigrazione, preparatevi. Nel 2016 le cose andranno anche peggio.

L'allarme arriva da un'indagine della Fondazione Thomson Reuters, che riporta i pareri di 15 agenzie umanitarie fra le più importanti al mondo. E le previsioni non sono rosee: nei prossimi dodici mesi assisteremo ad un aggravarsi dei conflitti bellici e delle crisi umanitarie in tutto il pianeta.

In Siria, ad esempio, quasi nessuno azzarda previsioni ottimistiche per il prossimo futuro e anzi c'è chi teme un'escalation della violenza, paragonando l'anno che inizia al 1914.

Preoccupante inoltre la situazione in Africa, dove al conflitto in Repubblica Centrafricana si sommano quello in Sud Sudan e le violenze politiche in moltissimi Stati dilaniati da scontri tra bande rivali come la Nigeria, la Somalia o il Burundi.

Da non dimenticare, infine, la terribile guerra che da mesi insanguina lo Yemen. Si tratta di conflitti che inevitabilmente provocheranno un aumento esponenziale del numero di profughi ed immigrati diretti verso le coste di un'Europa già provata da mesi difficilissimi.

Oltre alle sfide poste dalla guerra, tra le maggiori fonti di preoccupazione le agenzie interpellate dalla Fondazione Thomson Reuters citano la minaccia ambientale rappresentata dal El Niño, il fenomeno meterologico che periodicamente sconvolge il pianeta con alluvioni e siccità, freddo e tempeste. Imprevedibili le conseguenze sull'ecosistema e sui mercati alimentari.

Come non bastasse, a tutto questo vanno sommati gli sviluppi imprevedibili della minaccia del terrorismo.

Secondo le Nazioni Unite sono ottantasette i milioni di persone sulla Terra che avrebbero bisogno di urgenti aiuti umanitari, per un costo complessivo stimato in più di venti miliardi di dollari.

@giovannimasini

Commenti
Ritratto di Kommissar

Kommissar

Sab, 02/01/2016 - 12:43

I conflitti, e le crisi umanitarie, sono sempre alimentati dai Paesi occidentali - per motivi politici, economici, ma al limite anche solo con il traffico di armi - gli stessi Paesi che poi si lamentano dell'immigrazione coseguente. Parliamone...

claudio faleri

Sab, 02/01/2016 - 12:44

chi scatena le guerre, si tenga gli immigrati e i suoi sudditi

venco

Sab, 02/01/2016 - 13:12

Ma i profughi se sono islamici vengono per combatterci.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Sab, 02/01/2016 - 13:26

Certo il piano d'oltreoceano prevede questo... Per scardinare il competitore No. 1 (ossia l'Europa che ha un PIL collettivo SUPERIORE a quello degli USA) va scardinato il tessuto sociale e vanno causate delle spese aggiuntive (leggasi mantenere i trogloditi che entrano abusivamente) nel corso del prossimo decennio. In questo modo, l'Europa riceve il colpo di grazia (sanzioni alla Russia comprese che ci pesano) e il nostro alleato ce lo mette in quel posto per benino... E senza mezzi termini.

fisis

Sab, 02/01/2016 - 15:09

@Italia Nostra: Basterebbe uscire dalla Nato, dalla Ue e associarsi economicamente e politicamente alla Russia.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 02/01/2016 - 15:09

Tutto studiato a tavolino.... il Caos globale è l'unica strategia rimasta agli USA, prima ovviamente della Guerra Mondiale

Trentinowalsche

Sab, 02/01/2016 - 15:14

Il solito cliché di conflitti e crisi umanitarie alimentati dai Paesi occidentali...L'immigrazione è dovuta dall'inadeguatezza di quei all'autogoverno.Si può certo affermare, come sanno da sempre i veri analisti, che il periodo coloniale fu il punto di massimo splendore per quelle popolazioni. La decolonizzazione fu l'inizio del loro inferno.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 02/01/2016 - 17:14

Quando si parla di occidente occorre distinguere bene. La parte malata è quella anglosassone: Inghilterra e USA che sono dominate dalla massoneria, dai mondialisti, dalla plutocrazia. L'Europa è loro ostaggio.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 02/01/2016 - 17:29

Destabilizzare, o meglio, distruggere l'Europa. Questo è l'obiettivo della mafia mondialista plutocratica: separazione dalla Russia, immigrazione genocida, culturicidio a base di americanismo, gender, materialismo, individualismo, piano Kalergi.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 02/01/2016 - 17:58

I plutocrati massoni e sionisti non sono ancora soddisfatti. Il genocidio dei popoli europei procede lentamente e qualche popolo inizia a svegliarsi. Ecco che quindi è necessario aumentare il ritmo dell'invasione islamica e africana.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 02/01/2016 - 18:19

Brzezinski, settembre 1998: "Il compito degli Stati Uniti è gestire al meglio i conflitti e i rapporti tra Europa, Asia e Medioriente cosicché non sorga nessun'altra potenza che possa minacciare il nostro potere". Parole chiare e inequivocabili. Ora diteci che Brzezinski è "complottista" o "antiamericano"...su...

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 02/01/2016 - 18:50

vi ho già detto che ci sono 900 milioni di africani che si stanno dirigendo sulle coste del Mediterraneo , la bellissima Italia l'Elodorado è vicino mangiare a sbafo senza lavorare ed esser e pagati e ramazzare donne italiane sposate e non un terno al lotto, mai successo un caso così di emigranti italiani all'estero. Chissà la Svizzera quante migliaia di italiani fece entrare durante la seconda guerra mondiale ajajajajajajaj.POLLI.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 02/01/2016 - 18:50

mangiare a sbafo senza lavorare ed esser e pagati e ramazzare donne italiane sposate e non un terno al lotto, mai successo un caso così di emigranti italiani all'estero. Chissà la Svizzera quante migliaia di italiani fece entrare durante la seconda guerra mondiale ajajajajajajaj.POLLI....

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 03/01/2016 - 12:13

fisis - È quello che penso anch'io da anni oramai, anche perché il diritto di veto entro le 36 ore non lo esercita nessuno nei paesi OTAN. Sono d'accordo con Ausonio in quanto i dati oggettivi e dell'intelligence a mia disposizione puntano tutti in quella direzione. Ordo ad chao dicevano i latini no? E quindi... gli USA furono concepiti ad immagine e somiglianza dell'Impero Romano (versione un po' bruttina pure direi) con logge massoniche che comandano ed interagiscono nel complesso militare industriale (denunciato anche da Kennedy 6 mesi prima di essere assassinato).