Vietano il presepe a scuola? Il sindaco leghista li sfida: "Incollo i crocifissi in classe"

Il primo cittadino di Telgate, comune della bergamasca, a ilGiornale.it: "Mi devono spiegare come un presepe possa turbare qualcuno…"

“Cosa c’è di meglio del presepe per raffigurare la natività, l’integrazione, l’accoglienza e la gioia? Mi sembra assurdo proibire un rito millenario e discriminare chi crede, rispetto a chi è nostro ospite”. Crocifissi non troppo ben visti e presepi vietati nelle scuole. Fabrizio Sala, sindaco di Telgate (piccolo comune in provincia di Bergamo) dice la sua. Eletto il 25 maggio scorso con la Lega Nord – con il 51.15% dei voti – il primo cittadino aveva già fatto parlare di sé per un’ordinanza che vietava la dimora a chi non fosse in possesso di un certificato medico. Un provvedimento presto battezzato “anti Ebola”. Lui, sul modello di Salvini – “Mi riconosco al duecento per cento nella sua linea politica – ci motiva le sue delibere.

Signor sindaco, ha indetto un concorso per la sacra famiglia più bella. È una risposta a chi?

“È la replica a quanto successo a De Amicis di Bergamo. Come amministrazione abbiamo deciso di indire un concorso, premiando la miglior foto del presepe di tutti i bambini e ragazzi di materne, elementari e medie. Venerdì 19 premieremo tutte le eccellenza scolastiche e gli alunni meritevoli di borse di studio finanziate dal comune. E sarà l’occasione per esporre i presepi e incoronare i tre più belli”.

In nome della tradizione.

“Certo, le nostre tradizioni devono essere tutelate in tutti i modi possibili. Ma poi cosa c’è di meglio del presepe per raffigurare la natività, l’integrazione, l’accoglienza e la gioia? Mi sembra assurdo proibire un rito millenario e discriminare chi crede, rispetto a chi è nostro ospite. Che poi mi devono spiegare come un presepe possa turbare qualcuno…”.

Poi con una delibera ha predisposto l’ “affissione inamovibile“ di crocifissi nelle scuole di Telgate.

“Premettendo che a Telgate non si sono mai manifestate volontà di togliere i crocifissi dai muri, abbiamo notato che in alcune aule mancavano; a causa di lavori vari come l’imbiancature delle classi capita che vengano tolti e magari dimenticati. Di conseguenza li abbiamo ordinati e abbiamo anche deciso di renderli inamovibili, incollandoli al muro. Ma non c’è alcun atto di sfida verso nessuno”.

E qualche tempo prima aveva fatto molto discutere la sua ordinanza che prevedeva il divieto di dimora per chi non fosse in possesso di un certificato medico. Una misura ribattezzata “anti Ebola”.

“È un provvedimento che cerca di prevenire il diffondersi delle malattie infettive. L’han voluta chiamare “anti Ebola”, che comunque è sempre una malattia infettiva. Di fatto viene vietata la dimora (anche occasionale) per persone sprovviste di regolare documento d’identità, tessera sanitaria e di certificato medico di buona salute”.

Chi viene trovato sprovvisto di tali requisiti?

“Entro tre giorni deve fornire la certificazione sanitaria che sta bene. Non lo nascondo certo: è un’ordinanza che va contro i clandestini, in un territorio come il nostro che ha un’altissima percentuale di immigrati, di cui solo il 27% sono regolari. Mare Nostrum non si ferma e anzi con la questione Frontex ha quasi raddoppiato i numeri: io non voglio immigrati che mi arrivano domani mattina”.

Come risponde alle critiche?

“Da quando siamo arrivati abbiamo fatto una serie di iniziative che hanno fatto discutere, come le panchine anticlochard all’interno del paese e il taglio del bonus famiglie numerose (il nuovo Isee), in quanto lo riteniamo discriminatorio per tutti i cittadini italiani. Poi la mia giunta ha deliberato sull’idoneità alloggiativa portandola da 100 a 325 euro, una misura poi adottata da altri comuni”.

Pensa che Salvini sia contento del suo operato?

“Eh, bella domanda. Bisognerebbe chiederlo a lui: penso e spero di sì, ma bisognerebbe chiederlo a lui”.

E lei cosa pensa della leadership del suo segretario?

È indiscutibile. È l’uomo nuovo della politica italiana: quello che propone a livello di tassazione, immigrazione, industria e società è un’alternativa credibile e valida al governo Renzi. È il nostro capitano e condottiero, ci ha traghettato dal 3% a un 12-13%: ha fatto un miracolo. Io mi riconosco al duecento per cento nella sua linea politica.

Commenti
Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mar, 16/12/2014 - 12:51

Chi NON ACCETTA il NOSTRO CREDO, è libero di professare altre Religioni (visto che lo permettono) ma DEVE, ACCETTARE e RISPETTARE la maggior parte degli ITALIANI senza compromessi così come accade in altri Paesi!! E' ora di FINIRLA con ste BUFFONATE pubblicitarie e di COMODO per scambio di VOTI!!!

gio 42

Mar, 16/12/2014 - 12:54

Buongiorno, signor sindaco, capisco la sfida non è il suo pensiero. La religione cristiana cattolica nel corso dei millenni non ha mai sfidato nessuno ha sempre subito, anche se qualche volta l'uomo andando contro l'insegnamento del suo Maestro si è comportato in maniera opposta. Ma la Chiesa non ha mai sfidato nessuno ha sempre subito, anche se oggigiorno alcuni ci rimproverano di non porgere sempre l'altra guancia. Cosa che loro si guardano bene dal fare. Saluti

Ritratto di elisa65

elisa65

Mar, 16/12/2014 - 13:04

Grande Sindaco, le sue iniziative sul Crocifisso e sul presepe sono, a mio parere, ottime. Complimenti :-))

ferry1

Mar, 16/12/2014 - 13:05

Se qualcuno si turba per un presepe se ne faccia una ragione ! Hanno rotto , BASTA!

GVO

Mar, 16/12/2014 - 13:15

evviva il Papa comunista.., tra non molto più nessuno andrà in chiesa......

giovauriem

Mar, 16/12/2014 - 13:30

sindaco , la risposta al suo quesito "mi devono spiegare come un presepe possa turbare qualcuno" l'ha puo chiedere alla mafia romana alla ,boldrini, a ventola , a napolitano, a renzi a bersani

Ritratto di bracco

bracco

Mar, 16/12/2014 - 13:43

Ben fatto sindaco, 10,100,1000,100000 così, direi che tutti i sindaci italiani dovrebbero essere così visto che nelle feste sfoggiano la fascia tricolore e non quella di un paese islamico dovendo fare gli interessi degli italiani e non degli islamici. Non esiste un posto che per non offendere un ospite, la quasi totalità degli islamici lo sono, uno deve togliere simboli, tradizioni millenarie, e ogni cosa che possa offendere questi "OSPITI", SAREBBE UN SEGNO DI IMPOTENZA, PARASITTISMO E VIGLIACCHERIA VERSO I LA POPOLAZIONE ITALIANA.

glasnost

Mar, 16/12/2014 - 13:51

Anche io sono turbato, mio figlio si spaventa, se vedo donne col burka. Ma secondo voi perbenisti, caxxo, posso pretendere che le donne musulmane, a casa loro, si tolgano il burka per me???? Forse siamo su "scherzi a parte"!! O avete da guadagnarci come a Roma con le coop????

Totonno58

Mar, 16/12/2014 - 14:03

Anche se si tratta di tematiche religiose, posso dire che mi sono rotto le p...e di sentire quotidianamente notizie del genere?..comunque la trovata del presepe è stato il non plus ultra!

Libertà75

Mar, 16/12/2014 - 14:15

Il presepe è un simbolo di pace trans-religiosa. Abolire il presepe non solo è da ignoranti, ma è utile solo a creare discordia tra i vari credo.

Libertà75

Mar, 16/12/2014 - 14:26

@totonno, lei ha ragione, il PD e SEL hanno stufato con questo odio verso i simboli religiosi. Fanno parte della cultura... è come se qualcuno decidesse di carcerare tutti quelli che hanno una maglietta di che guevara... Fortuna che la gente come lei sa che il presepe è un patrimonio culturale di questo Paese. Buonagiornata

fisis

Mar, 16/12/2014 - 15:00

Vietare il presepe e altre follie? Ma questi ignoranti sanno che l'arte italiana è piena zeppa di simboli religiosi? Madonne col bambino, santi, croci di tutte le foggie, presepi etc. Che facciamo? distruggiamo le nostre opere d'arte di gran parte del Rinascimento, distruggiamo le chiese e le cattedrali, anche esse luoghi sacri e, al contempo, musei preziosi, come hanno fatto i talebani? Ai comunisti, non a tutti, ma a quelli ignoranti sì, diciamo: si mettano l'anima in pace, la cultura e l'arte europea e italiana sono strettamente e inscindibilmente connesse al cristianesimo e ai suoi simboli, che piaccia loro o no.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Mar, 16/12/2014 - 15:00

MENOMAMALE KE LA LEGA C'è !!!

Ritratto di Michimaus

Michimaus

Mar, 16/12/2014 - 15:01

bene, questa e la strada giusta!

Ritratto di semovente

semovente

Mar, 16/12/2014 - 15:23

VAI SINDACO, NON TI PREOCCUPARE, LA GENTE SERIA E COSCIENTE E' CON TE.

Totonno58

Mar, 16/12/2014 - 15:28

Libertà75...c'è molta saggezza nelle sue parole...tra l'altro sappiamo tutti che il Natale è davvero festa per tutti, anche nel Corano si parla della nascita di Gesù con grande rispetto...a parte che i presepi contemporanei, pieni di pizzaioli, salumieri, politici ecc.ecc. che turbamento potrebbero dare?!?:)

lamwolf

Mar, 16/12/2014 - 15:41

C'è ancora gente nelle scuole che vieta il presepe. Meglio chiamarli imbec....Il presepe è gioia per tutta la famiglia, la ricorrenza della natività con la pace, l’integrazione, l’accoglienza e la festa? Assurdo proibire un rito millenario e discriminare chi crede, rispetto a chi è nostro ospite. Di questi imbe.... ancora non c'è uno che ci spiega come un presepe possa turbare qualcuno senza preoccuparsi che la vita quotidiana turba e violenta i nostri giovani tutti i giorni.

Bellator

Mar, 16/12/2014 - 16:00

A quegli imbecilli di Italiani e a questi islamici, che ci hanno rotto le p...le, che non vedono di buon grado le nostre tradizioni Cristiane, si deve rispondere con le parole di PUTIN, fatte nel Discorso alla Duma, riferendosi alle minoranze islamiche che vogliono vivere in Russia,..."chi viene in Russia per lavorare!!,deve imparare la lingua, rispettare le Leggi Russe. Se preferiscono la legge della SHARIA, allora noi li consigliamo di tornare nel loro paese,. La Russia non ha bisogno di minoranze, loro hanno bisogno di noi... non concederemo privilegi.. le nostre tradizioni non sono compatibili con la mancanza di cultura o dei modi primitivi della maggior parte delle minoranze. Da far leggere al Presidente Boldrini,per impararlo a memoria !!.

gesmund@

Mar, 16/12/2014 - 16:04

"Che poi mi devono spiegare come un presepe possa turbare qualcuno…”.Spiegazione semplice: i servi di Satana non hanno problemi a nominare Dio, ma hanno un vero terrore di Gesù Cristo e di tutto ciò che lo rappresenta.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mar, 16/12/2014 - 16:23

Fantastico ! Qualcuno comincia a reagire e come sempre dal basso. Spero tanto che anche Papa Francesco parli e promuova il Presepe con la sua autorevolezza .Quanto ai Presidi Italiani che non vogliono il Presepe credo non siano in grado di educare nessuno dato che rinnegano la storia e le radici del nostro paese.

Ritratto di marione1944

marione1944

Mar, 16/12/2014 - 16:38

Grande sindaco, le auguro di tutto cuore un Buon Santo Natale. E che altri sindaci imparino a stare in Italia.

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Mar, 16/12/2014 - 16:53

Se ne possono benissimo tornare ai loro paesi i musulmani!nessuno li vuole e tantomeno nessuno li ha invitati.L'italia è un paese cristiano, cattolico, si festeggia il NATALE E IL CROCIFISSO IN CLASSE È SEMPRE STATO IL NOSTRO SIMBOLO!Non esiste che dobbiamo noi in casa nostra adattarci alle usanze di questi signori! Se stanno scomodi che se ne vadano via subito, nessuno di certo sentirà la loro mancanza.

Ritratto di frank60

frank60

Mar, 16/12/2014 - 16:54

Grande sindaco!!

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Mar, 16/12/2014 - 17:02

La questione del presepe non la voglio nemmeno commentare.E' vergognoso, che noi italiani, invasi dagli extracomunitari irregolari al 70% ci dobbiamo adattare alle loro esigenze! Col cavolo che lo faremo, vadano al diavolo.L'italia è un paese cattolico, cristiano, si festeggia il Natale, il crocifisso in classe e' un simbolo inamovibile e il presepe deve essere un'insegnamento per i nostri bambini fin dall'infanzia.Gli extracomunitari non distruggeranno questo paese, non glielo permetteremo.Alla prossime elezioni votate Lega Nord o La Destra di Storace, e' l'unico modo per rimpatriare gli irregolari che delinquono e fanno ciò che gli pare a nostro discapito.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 16/12/2014 - 17:20

Bravo sindaco, fregatene delle critiche della stampa farabutta e venduta, la gente onesta la pensa come te.

BlackMen

Mar, 16/12/2014 - 17:32

GVO: perchè dice che questo papa è comunista?

st.it

Mar, 16/12/2014 - 17:33

ITALIANI ? Semplicemente ridicoli incapaci di affermare le proprie origini la propria storia le proprie tradizioni , gente più pavida è introvabile , tutti questi esterofili facessero le valigie e vedano se in altri luoghi si fanno scrupolo di turbarli se appendono qualcuno in piazza , così da esempio , per far capire cosa succede a chi delinque .Questa gente tanto diseducativa non dovrebbe appartenere alla categoria dei docenti facciano un altro mestiere non gliel'ha prescritto il medico di fare l'insegnante.

scipione

Mar, 16/12/2014 - 17:41

Senza tante chiacchere e polemiche bisogna rispondere allo stesso modo di questo sindaco al buonismo peloso e criminale della Kienge e della Boldrini.

biricc

Mar, 16/12/2014 - 18:06

Il crocifisso non è solo un simbolo, è la realtà di una vita spesa per la salvezza di tutti gli uomini di buona volontà. Gli altri, cioè quelli che credono di essere i più furbi e intelligenti hanno tutto il tempo per ravvedersi e mettersi nella retta via. Diversamente, saranno cazzi amari.

colian

Mar, 16/12/2014 - 18:15

Che cos'è questa assurda equazione italiani=cattolici? Io sono italianissimo e al tempo stesso laico, e trovo medioevale issare i vessilli religiosi su scuole e uffici pubblici, questo succede solo in Italia e nei Paesi islamici. In Europa, compresi i Paesi a maggioranza cattolica, questi esibizionismi di simboli religiosi sono sconosciuti, forse perché all'estero danno più importanza alla morale interiore e non a queste ostentazioni farisaiche ed ipocrite.

ilbarzo

Mar, 16/12/2014 - 18:46

Per buona fortuna in Italia abbiamo ancora qualche sindaco con la testa attaccata sul collo e agisce di conseguenza come gli detta la sua coscienza,anche se purtroppo ve ne sono rimasti assai pochi.Solo alcuni, non comunisti.

ilbarzo

Mar, 16/12/2014 - 18:46

Per buona fortuna in Italia abbiamo ancora qualche sindaco con la testa attaccata sul collo e agisce di conseguenza come gli detta la sua coscienza,anche se purtroppo ve ne sono rimasti assai pochi.Solo alcuni non comunisti.

maurizio50

Mar, 16/12/2014 - 18:51

Bravo Sindaco!! La tutela degli Italiani nei confronti dell'invasione musulmana si realizza anche con la tutela delle tradizioni italiane : e non c'è tradizione più autentica del Presepe!!!!!!!

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Mar, 16/12/2014 - 19:00

...Sindaco Fabrizio! Condivido i suoi provvedimenti! L'ospite, in particolare quello non invitato ma anche quello invitato, deve adeguarsi all'ospitante.

Alcv83

Mar, 16/12/2014 - 19:03

volete una scuola atea dove la religione non esiste? benissimo, ma i compagni li voglio vedere a lavorare il 25 dicembre e l'8 e il 26 e alla befana e a pasqua..

capatosta

Mar, 16/12/2014 - 19:09

Povero Cristo, crocifisso una seconda volta dal sindaco leghista.

manolito

Mar, 16/12/2014 - 19:11

CON QUESTE IDIOZIE SINISTROIDI RAZZISTI DIVENTEREMO MA DI BRUTTO--A CASA MIA SE NON GLI STA BENE RAUSCH-- BRAVO IL SINDACO CHE HA LE PALLE --

GMfederal

Mar, 16/12/2014 - 19:14

finalmente torniamo alle crociate per difendere la cristianità. maledetti sinistronzi!!!

bruco52

Mar, 16/12/2014 - 19:36

se i leghisti, ripudiato il Bossi e tutto il suo cerchio magico, non invocheranno più la secessione, con la nascita della utopica Padania, non disprezzeranno più gli italiani a sud del Po, ma si batteranno per tutta l'Italia unita, per l'ordine e il rispetto delle nostre usanze e tradizione, allora si che potranno essere il vero polo d'attrazione per un altro centrodestra...ma lo faranno tutto questo, si potranno liberare delle scorie bossiane, che tanto danno hanno fatto all'alleanza di centro-destra?..ci provino, hai visto mai...

scipione

Mar, 16/12/2014 - 19:52

colian,ignorante,tu non sai o fai finta di non sapere che in Italia c'e' anche lo Stato vaticano e che tra Italia e Stato vaticano ( diversamente dagli altri stati europei ) sono stati firmati i patti lateranensi.E poi,non meno rilevante,l'Italia e'la patria di S.Francesco autore del PRESEPE amato da tutti ( o quasi tranne quelli come te ) gli italiani.Quali " ostentazioni farisaiche e ipocrite",cog....ne,USI,COSTUMI E TRADIZIONI di un POPOLO CREDENTE.

lamiaterra

Mar, 16/12/2014 - 19:54

FINALMENTE UN SINDACO VERO ITALIANO CHE NON TRADISCE IL SUO POPOLO!!!!! ----

lamiaterra

Mar, 16/12/2014 - 19:59

UN SINDACO CHE E' VERO ITALIANO CHE NON TRADISCE LA SUA PATRIA E IL SUO POPOLO!!!!! ---- VAI AVANT COSI' QUASI TUTTI I VERI ITALIANI SONO AL TUO FIANCO!!!! ---- PADRONI A CASA NOSTRA E OGNUNO A CASA SUA CACCIARE GLI INVASORI STRANIERI DALL'ITALIA PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI!!!!

Seawolf1

Mar, 16/12/2014 - 20:00

E quando dovremo anche indossare il burka per compiacere gli extracomuniotari in casa nostra?

lamiaterra

Mar, 16/12/2014 - 20:03

BRAVO SINDACO !!!! VAI AVANTI COSI' QUASI TUTTI I VERI ITALIANI SONO AL TUO FIANCO!!!! ---- E OGNUNO A CASA SUA CACCIARE GLI INVASORI STRANIERI DALL'ITALIA PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI. ---- ADRONI A CASA NOSTRA!!!

Seawolf1

Mar, 16/12/2014 - 20:03

e pensare che c'è ancora gente che vota PD...

gio 42

Mar, 16/12/2014 - 21:10

Buonasera ho finalmente un commento che rispecchia la realtà delle cose.""In Europa, compresi i Paesi a maggioranza cattolica, questi esibizionismi di simboli religiosi sono sconosciuti, forse perché all'estero danno più importanza alla morale interiore e non a queste ostentazioni farisaiche ed ipocrite."" questo si chiama parlare chiaro e da europei. Infatti si vede quanto aiuto CONCRETO da l'Europa all'Italia a questa per NOI tragedia. E quanto gli europei vanno d'accordo su TUTTE le questioni sia morali che materiali. Solo su una cosa sono tutti d'accordo, dare addosso al Cristianesimo, che li ha istruiti e protetti nei secoli dalle invasioni. Saluti

Ritratto di Dulcamara

Dulcamara

Mer, 17/12/2014 - 00:13

Bravo il Sindaco di Telgate. Per essere addirittura bravissimo dovrebbe CROCIFIGGERE quegli insegnanti o presidi che non vogliono il Cristo in classe. Nei paesi di quella gentaglia che secondo questi deficienti nostrani si offenderebbe alla vista del simbolo dlla cristianità, in senso contrario lo farebbero senza un attimo di esitazione. Anzi fanno già anche di molto peggio. Delenda Carthago

Ritratto di ohm

ohm

Mer, 17/12/2014 - 00:16

Sindaco vai avanti e non guardare in faccia nessuno : hai ragione! A casa nostra noi dettiamo le leggi e chi non le accetta ha solo da rimanere a casa sua ...nessuno lo ha invitato e tanto meno come ospite deve accettare e stare zitto. W il presepe W il crocifisso di nostro Signore!

Roberto Casnati

Mer, 17/12/2014 - 01:19

Bene! Anzi benissimo! Signor sindaco ha tutto il mio plauso e, credo, quello della maggior parte degli italiani onesti.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 17/12/2014 - 01:24

Licenziate quel PRESIDE, che proibisce il presepe, per manifesta imbecillità. Non è un educatore ma un povero sprovveduto con il cervello infestato dall'ideologia comunista. INTERVENGA IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE CONTRO GLI ABUSI DI QUESTI IMBECILLI CHE OCCUPANO INDEGNAMENTE LA CARICA DI PRESIDE.

james baker

Mer, 17/12/2014 - 02:55

Non c'é bisogno di essere leghista per rispettare la nostra tradizione. [ Non posso inviare la foto del presepe che ho realizzato con le mie mani per un bambino che me lo ha chiesto : vincerebbe il primo premio ]. Approfitto per inviare i miei AUGURI DI BUON NATALE A TUTTI VOI ED A TUTTI I VOSTRI CARI. -james baker-.

swiller

Mer, 17/12/2014 - 07:26

Ricacciateli al loro paese.

nino47

Mer, 17/12/2014 - 11:01

Certo che il presepe turba qualcuno: quei coglioni dei professori e quegli alienati dei presidi. Vi pare poco??

Ritratto di COCUZZA85

COCUZZA85

Gio, 17/09/2015 - 14:09

La tradizione si può difendere anche così, e va bene, ma la fede cristiana è tutt'altra faccenda e per durare deve essere radicata nel profondo dei cuori, se no alla prima difficoltà svanisce. La nota dolente e punto nodale, però, è che questa Chiesa, questo Papa, con il volenteroso aiuto di troppi bolsi e ideologizzati sacerdoti, che non annunciano più la Buona Novella ma esclusivamente il loro ventre gonfio, stanno letteralmente sbaraccando il complesso teologico che sorreggeva il Vaticano.