Il presidente dell'Abruzzo attacca l'Enel: "Dubbi su manutenzione della rete"

Il presidente della Regione Abruzzo Luciano d'Alfonso si è scagliato contro l'Enel sui lavori di manutenzione effettuati nel 2016 che non corrispondono all'importo speso

Dopo che maltempo e terremoto hanno messo in ginocchio la Regione Abruzzo, il presidente Luciano d'Alfonso ha parlato durante la trasmissione Agorà dell'Enel, lanciando pesanti accuse.

Per alcuni giorni, infatti, diversi paesi della regione hanno combattuto anche con l'elettricità dopo essere stati rimasti al buio e isolati. Secondo il governatore l'Enel avrebbe investito sulla carta 50 milioni per la manutenzione della rete ma i lavori effettuati non corrisponderebbero all'importo speso.

"Dal 2016 hanno cominciato a investire 50 milioni di euro l'anno. Non sono convinto che nel 2016 50 milioni di euro siano stati effettuati come lavori di modernizzazione e manutenzione all'altezza della qualità esecutiva. Quella che una volta si chiamava esecuzione a regola d'arte. Non sono convinto che il pagato, l'effettuato, corrisponda al qualitativamente contrattuallizzato".

"Per modernizzare un chilometro lineare di rete si spendono 70 mila euro, 50 milioni di investimento mi devono dare luogo a un imponente quantità di chilometri di rete rinnovata", ha concluso d'Alfonso.