"Equitalia mi vuole spezzare Ma non riuscirà a piegarmi"

L'intervista a Mauro Merlino, il disobbediente gandhiano che protesta contro Equitalia: "Porterò avanti la mia protesta stando in piedi e con le mani legate"

Lui, disoccupato di 45 anni, aveva pubblicato un video su youtube per dire che “Equitalia andrebbe denunciata per istigazione al suicidio”. E Attilio Befera, ex numero uno dell’ente di riscossione, l’aveva querelato per diffamazione. Mauro Merlino, autore di un filmato di 40 secondi pubblicato sul web nel 2012, e poi rimosso, “per parlare della situazione che oggi si trovano a vivere milioni di italiani, strangolati dalla disoccupazione e dalle tasse”, andrà a processo il 29 marzo prossimo in tribunale a Modena. Nel corso degli anni il processo è stato rimandato più volte dal momento che la parte querelante non si è mai presentata.

Adesso Mauro aspetta che Befera si palesi al processo e nel frattempo mette in atto uno sciopero della fame come forma di protesta estrema. Lo abbiamo intervistato per capire cos'ha intenzione di fare:

Mauro quelle cose su Equitalia le pensi tuttora? Saresti in grado di ripeterle dopo tutto quello che ti è successo?
Io dissi che Equitalia andrebbe denunciata per istigazione al suicidio. Adesso, non essendo cambiato nulla da allora, lo ribadisco: Equitalia va denunciata per istigazione al suicidio. E continuerò a gridarlo.

Dopo la querela hai iniziato uno sciopero della fame che ti ha fatto perdere 9 kg, qual è lo scopo di questo sciopero?
Lo scopo è dimostrare la mia solidarietà a tutte quelle famiglie, vittime di Equitalia, costrette a chiudere la propria azienda, ridotte sul lastrico e in alcuni casi indotte al suicidio. Quelle famiglie oltre ad essere vessate sono abbandonate e lasciate a se stesse nell'indifferenza generale. Il 29 cercherò di dare una voce anche a loro.

Il tuo gesto di disobbedienza civile è riconducibile a qualche movimento o pensiero politico in particolare?
Più che politico direi spirituale, infatti mi considero un gandhiano: la mia è una protesta pacifica e di disobbedienza civile. Quando mi vengono fatte delle richieste assurde, come pagare delle tasse insostenibili, l'unico modo che ho per ribellarmi è incrociare le braccia e rifiutarmi di pagare.

Con il tuo esempio hai attirato l'adesione di altre persone, creando così una rete che hai chiamato "la voce degli inascoltati", ma chi sono gli "inascoltati"?
Gli inascoltati sono tutte quelle persone oneste che trovandosi in un momento di difficoltà si sono viste sbattere la porta in faccia dalle istituzioni. Quelle istituzioni sempre pronte a pretendere dagli italiani ma incapaci di ascoltare quando è necessario.

Hai intenzione di protestare anche nel giorno del processo?
Sì, soprattutto in quel giorno. Porterò avanti la mia protesta stando in piedi e con le mani legate dal 28 al 29, davanti al tribunale, a rappresentare quell'Italia che non vuole morire nonostante tutto. Questo è il messaggio che voglio trasmettere con la mia protesta. Con me ci saranno molte persone che si sono mobilitate spontaneamente perché condividono questa battaglia.

Se Befera non si presentasse al processo, in che modo reagiresti?
Se non dovesse presentarsi io rimarrò ad oltranza, davanti al tribunale, fino a quando non ce la farò più. A testimoniare l'indifferenza di quest'uomo.

Sei riuscito a trovare un lavoro?
In realtà non mi sono mai fermato, ho sempre fatto qualsiasi lavoro. Adesso lavoro in un'azienda come interinale ma nonostante tutto vado avanti. Devo sentirmi uomo, marito e padre facendo qualcosa. Anche se non guadagno molto per me l'importante è lavorare, sentirmi utile.

Un messaggio per Befera?
Lo invito a presentarsi e di farsi un esame di coscienza. Basta.

In bocca al lupo
Crepi il lupo.

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 25/03/2016 - 16:27

Il problema è poi nella magistratura "democratica" che di norma assolve questi qua e condanna quelli là.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 25/03/2016 - 16:30

Sciopero della fame? Mm... occhio perché Il cerusico "democratico" cura questi qua e fa fuori quelli là.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 25/03/2016 - 16:34

Lo spreco del gettito fiscale è più colpevole dell'evasione perché il dissoluto "democraticamente" frega i soldi che non ha guadagnato lui. Ma i magistrati "democratici" che fanno? Semplice assolvono questi qua e condannano quelli là.

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 25/03/2016 - 16:34

Ammirevole,non c'è che dire...quanto a befera il mio giudizio su di lui è da censura......

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 25/03/2016 - 16:35

Cane non mangia cane. Democratico non mangia democratico.

Giacinto49

Ven, 25/03/2016 - 16:45

Per risanare il bilancio dello Stato si dovrebbe partire da tutt'altra parte.

uccellino44

Ven, 25/03/2016 - 16:46

Bravo Mauro! Ce ne fossero tanti come te, l'Italia ed il suo fisco andrebbero meglio!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 25/03/2016 - 17:31

RIPROVOOO!!! No caro mauro, CREPI EQUITALIA e non il povero Lupo. Saludos e FELICITACIONES dal Nicaragua.

Una-mattina-mi-...

Ven, 25/03/2016 - 17:40

Ma non avevano depenalizzato?

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 25/03/2016 - 17:42

Dovremmo tutti fare quadrato attorno a questo uomo coraggioso e combattere con lui, in modo da aprire una breccia e far crollare la diga della protervia di questo stato predatore, che regala agli amici e ai parassiti risorse estorte agli onesti. Uno da solo è come una canna sbattuta dal vento, una moltitudine solidale potrebbe abbattere il meccanismo burocratico perverso di questo stato ladrone e indolente.

mezzalunapiena

Ven, 25/03/2016 - 18:21

mi piacciano tutti gli animali compresi i lupi quindi anche se qualche bipede passa a miglior sorte pace all'anima sua.

MOSTARDELLIS

Ven, 25/03/2016 - 18:27

E' incredibile, sia la denuncia di Befera, sia la magistratura italiana che gli consente di fare un processo a un povero cristo. Spero che al processo vi sia un giudice onesto in modo il processo si rivolti contro Befera.

forbot

Ven, 25/03/2016 - 18:45

# X gianky53 # Tu dici bene; ma da dove incominciamo?

flip

Ven, 25/03/2016 - 18:51

il lavoro latita. la disoccupazione ha numeri paurosi, (checchè ne dicano l'inps, l'istat ed il governo). soldi pochi , fame e miseria tanta e questo governo, tramite il suo sceriffo esattore, non guarda in faccia a nessuno. i loro portafogli sono gonfi e sempre più gonfi e qualcuno anche esente dalle tasse. AMEN

Juniovalerio

Ven, 25/03/2016 - 21:08

Befera vaffanculo!

Alba16

Ven, 25/03/2016 - 22:47

Attenzione, ho ricevuto due cartelle Equitalia e ho riscontrato che alcuni debiti erano riportati in entrambe, cioè me li facevamo pagare due volte....la devono finire di torturarci, devo fare un riscontro anche con una vecchia cartella che ho già finito di pagare...non mi fido...questi se vedono che paghi ti perseguitano a vita

Alba16

Ven, 25/03/2016 - 23:47

Ma come, i soldi per aiutare i clandestini integrarli ecc. ci sono, e per aiutare le povere famiglie italiane in difficoltà non ci sono, che anzi sono perseguitate da queste società di riscossione crediti, come Equitalia SPA, che non guardano in faccia a nessuno, perché non si da lavoro agli italiani in difficoltà, prima che ai clandestini. Così hanno la possibilità di pagare anche le tasse.

Silvio B Parodi

Sab, 26/03/2016 - 01:47

il troppo stroppia diceva mia madre!!! siamo al limite qualcuno ci rimettera la crapa gli italiani stanno per scoppiare attenti politici ne va della vostra pelle

meloni.bruno@ya...

Sab, 26/03/2016 - 06:32

Le lingue biforcute dell'apparato statale l'obbiettivo lo hanno raggiunto,mettere a TACERE cittadini che potessero mettere a RISCHIO i propri privileggi!Questo è uno stato delinquente coaudiuvato da da altri delinquenti della publica amministrazione,che giorno dopo giorno terrorizzano la metà del popolo italiano che produceva.Tutta la mia solidarietà a Mauro perchè è soltanto una goccia nell'oceano dei parassiti privileggiati sopratutto quelli che si fanno timbrare i cartellini.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Sab, 26/03/2016 - 07:52

QUI CI VUOLE ROBIN HOOD !!!!

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Sab, 26/03/2016 - 07:57

STATO FEUDALE. Questa oggi é l'Italia. I politici sono i nobili moderni, l'Italia é spartita in feudi , tutti obbedienti al sovrano di turno purché sia democraticamente PIDIOTA KATTOKOMUNISTA. Equitalia altro non é che l'espressione più becera della sopraffazione che questa casta pseudonobiliare impone al popolo. POPOLO ITALIANO, quando avrai perso tutto, cosa farai ???? La storia d'oltralpe insegna ????

giovauriem

Sab, 26/03/2016 - 08:46

caro mauro , a cosa serve lo sciopero della fame , qui occorrono i metodi adottati dai musulmani .