Puglia, immigrato arriva nascosto nell’autobus di una scolaresca in gita

Da Dubrovnik a Galatina nel Salento, il palestinese ha viaggiato nel vano motore

Un viaggio della speranza, nel vero senso della parola. E la speranza era quella di non essere scoperto. Ma non è andata bene a un migrante che da Dubrovnik, in Croazia, a Galatina, in provincia di Lecce, ha viaggiato nel vano motore dell'autobus di una scolaresca in gita. È rimasto nascosto per oltre quindici ore di viaggio.
Si tratta di un giovane palestinese di 24 anni. I ragazzi in gita erano gli alunni al quinto anno del liceo scientifico "A. Vallone" del Comune leccese che erano andati a Sarajevo per un viaggio di istruzione.
Ieri, alle 14 circa, il bus si è fermato vicino alla scuola ed è proprio in quel momento che è stato scoperto il giovane pare intrufolatosi nel pullman una volta imbarcato sul traghetto.
Il giovane uomo è stato subito soccorso dagli insegnati e dagli studenti come si legge sul giornale on line "Nuovo Quotidiano di Puglia". Gli è stato offerto cibo e l'opportunità di lavarsi in un bar vicino alla scuola. È stata però anche chiamata la polizia a cui l'uomo ha spiegato di essere stato picchiato quando era in Grecia e perciò si è deciso a partire. Per ora il giovane è stato accompagnato nel centro di prima accoglienza di Otranto in attesa, poi, di essere poi trasferito e trovare un’altra sistemazione.

Commenti
Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 16/05/2019 - 17:08

Lo rimanderanno in Grecia, come hanno sempre fatto, e come previsto dal trattato di Dublino. A meno che non sia minorenne. In tal caso rimane in Italia.