Quando legno e cemento vanno d'accordo

di Antonio Torretti

A chi non è mai passata per la testa l’idea di portarsi un po’ di natura dentro casa? Ma stavolta non parliamo delle classiche piantine più o meno grandi o di mini coltivazioni da balcone: stiamo infatti parlando dell’originale idea di Ottobarradieci che si allontana dagli standard tradizionali per realizzare opere che tramutano la loro naturale essenza e vengono investite di nuovi, originali, significati.

L’inclinazione di Ottobarradieci per questo tipo di design nasce da una forte passione per il viaggio e una conseguente curiosità per tutto ciò che è diverso . In questo modo gli oggetti diventano elementi capaci di dare emozioni che escono fuori dalle mura per rivivere contesti più rustici e naturali. Tra le opere presentate al Fuori Salone, in zona Ventura Lambrate, saltano subito agli occhi le creazioni di legno e cemento, due elementi non più visti come antitetici ma come armoniosamente complementari all’interno dello spazio domestico. Il non viene lavorato particolarmente: i protagonisti sono i rami che facilmente possono essere reperiti nei boschi. Poltrone e piccoli mobili incarnano questa idea e, nonostante l’aspetto ed i materiali, si rivelano davvero leggerissimi e comodi.

Ma non finisce qui. Altro oggetto svuotato (letteralmente) di significato e ridefinito secondo un nuovo standard è la tanica personalizzata che funge da lampada. In questo caso una grande scritta impressa sul bidone permette di caratterizzare come meglio si crede il proprio bidone.

Pezzo pregiato della collezione è poi il “giardino appeso”, un’opera realizzata in un anno e mezzo in cui il prato fiorito cambia letteralmente verso. Un tocco di verde ricercato in cui ogni singolo filo d’erba è dotato di un’anima, rappresentata metaforicamente, dal fil di ferro ed unito con la colla a caldo ed appeso alla parete e quindi ruotato di 90 gradi rispetto alla tradizionale posizione per un effetto assolutamente spiazzante.

Anche nella grande metropoli diventa quindi possibile portarsi dietro elementi di natura senza dover fare a meno dei classici materiali considerati nemici del verde.

Unica accortezza: evitare di avvicinarli troppo al camino.

GUARDA IL VIDEO