Ragazza si rifà il seno, ma le protesi la infettano: "È stato un avvelenamento"

Dopo l’intervento di chirurgia estetica, la giovane ha iniziato a stare male, rischiando la vita

Si è rifatta il seno a 22 anni. Per insicurezza, per piacersi un po’ di più. Ma quell’operazione che avrebbe dovuto darle più autostima, si è trasformata presto in un calvario.

Già perché Annapaola Xodo entra ed esce dall'ospedale dal 2011. È lei stessa sulla sua pagina Instagram a raccontare l’odissea che sta continuando a vivere, nonostante la rimozione delle protesi responsabili delle sue sofferenze.

"Ero così giovane , ero così ingenua, ero così bella, ero così insicura. Maledetta insicurezza" scrive in un post. Uno dei tanti del suo diario social, dove spiega come siano state le protesi in silicone a innescare il tutto: "Avevano intossicato il mio corpo. Dal 2011 a 2018 ho avuto quasi 70 ingressi in pronto soccorso e due ricoveri. Un calvario che non auguro a nessuno. I medici qui in Italia non capivano cosa avessi. Perché avevo esami perfetti, ero solo anemica, un fattore comune nelle donne che hanno questa malattia oscura".

E allora è andata a farsi curare oltre oceano, negli States. Qui, lo scorso giugno, si è fatta operare per togliere le capsule: "Da lì è iniziata la mia rinascita. Il mio è stato un vero e proprio avvelenamento. Il mio obbiettivo ora è lanciare il messaggio: bisogna amarsi per come si è […] Amatevi per quello che siete....fate dei vostri difettivostri pregi". E ancora: "Siamo una macchina perfetta, che non va toccata. Ho vissuto un dolore atroce ma ora sono qui più forte di prima". E

Soffocavo il dolore con il ghiaccio .. neanche una Tachipirina potevo prendere.... ero talmente avvelenata e sensibile che non potevo prendere nessu antidolorifico.... un male atroce .. un male che non auguro a nessuno . Sentivo tutte le costole bruciare ... avevo paura di romperle muovendomi. Sentivo tutti i muscoli tirare e bruciare .. sembrava avessi il fuoco dentro... un male tremendo ... lo soffocavo cn kg di ghiaccio addosso.. nn ho potuto muovere le braccia per due settimana ... mia madre e mio marito mi lavavano,mi imboccavano , mi pulivano ..due angeli .. i miei angeli... piangevo ma cercavo di avere sempre il sorriso e mi ripetevo di essere felice perché avevo Vinto io .. ero Viva e avevo sconfitto qst battaglia che mi stava portando alla morte.#breastimplantillness #malattiaoscura #annapaolaxodo #nnsmetteremaidicredereesognare

Un post condiviso da AnnapaolaXodo (@annapaolaxodo) in data:

Commenti

Tatanka78

Mer, 24/10/2018 - 13:54

Brutta storia, buon per lei che ne sia uscita, di sicuro però non può dire che ha imparato ad apprezzarsi così come natura l'ha fatta... Seno a parte, si era rifatta pure labbra e naso, si vede lontano un chilometro, sicuramente ha imparato ad apprezzarsi così com'è adesso. Ed era pure ora direi, prima di finire come certi mostri tipo il Ken umano ed altre nefandezze della chirurgia estetica...

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 24/10/2018 - 14:09

Anni fa, non ricordo dove sono state trovate protesi, fatte col silicone industriale, che furono ritirate dal commercio. Sicuramente si tratta di una serie di queste, la tipa pero dovrebbe denunciare la clinica dove gli sono state impiantate. AMEN

gneo58

Mer, 24/10/2018 - 16:17

chi e' causa del suo male pianga se stesso - non mi fa' pena anzi.....

paolone67

Gio, 25/10/2018 - 14:24

Spiace che si sia accorta di quanto sia stupida un'operazione di plastica al seno a 22 anni solo dopo 70 ricorsi al pronto soccorso.