In Italia boom di poveri. Sono 5 milioni: +182%

Il campione di riferimento sono le circa 200mila persone incontrate nei centri d'ascolto delle Caritas parrocchiali e diocesane. Gli utenti hanno un'età media di 44 anni, ma la fascia d'età più numerosa è quella dei giovani tra i 18 e i 34 anni

A determinare una condizione di povertà incide anche la rottura dei legami familiari. Per la stessa ragione, è in aumento anche il numero dei senza fissa dimora. Questo è quanto emerge dal rapporto 2018 della Caritas italiana presentato oggi a Roma.

"La situazione risulta particolarmente preoccupante perché le deprivazioni materiali attivano spesso dei circoli viziosi che tramandano di generazione in generazione le situazioni di svantaggio", si legge nel documento su povertà e politiche di contrasto.

Il campione di riferimento sono le circa 200mila persone incontrate nei centri d'ascolto delle Caritas parrocchiali e diocesane. Gli utenti hanno un'età media di 44 anni, ma la fascia d'età più numerosa è quella dei giovani tra i 18 e i 34 anni.

Gli stranieri rappresentano invece il 64,7%, mentre gli italiani prevalgono nelle fasce d'età tra 45 e 54 anni e tra 55 e 64 anni. I pensionati sono il 15,6%.

Sebbene il numero dei coniugati, 45,9%, sia maggiore rispetto a quello di celibi/nubili, il rapporto denuncia un aumento delle storie di solitudine e una diminuzione di coloro che sperimentano una stabilità relazionale grazie a un'unione coniugale.

Delle 200mila persone ascoltate, 89mila ha figli e in 26mila casi si tratta di minori.

Basso il livello di istruzione degli utenti che si rivolgono alla Caritas: oltre i due terzi hanno un titolo di studio pari o inferiore alla licenza media, il 68,3%. Condizione che riguarda il 77,4% degli utenti italiani.

Allarmante soprattutto per la categoria dei giovani tra i 18 e i 34 anni: il 60,9% possiede solo la licenza media, il 7,5% la licenza elementare.

Ciò chiarisce anche l'elevato numero dei disoccupati, il 63,8%, che sale al 67,4% nel caso degli stranieri.

Nonostante i timidi segnali di ripresa sul fronte economico e occupazionale "In Italia il numero dei poveri assoluti, cioè persone che non riescono a raggiungere uno standard di vita dignitoso, continua ad aumentare, passando da oltre 4milioni 700mila del 2016 a 5milioni 58mila del 2017", si legge nel rapporto.

Il numero dei poveri è aumentato del 182%, un dato che dà il senso dello stravolgimento avvenuto per effetto della recessione economica.

Commenti

venco

Mer, 17/10/2018 - 14:27

Per tanti italiani questa povertà si risolve con l'accoglienza dei clandestini.

ROUTE66

Mer, 17/10/2018 - 15:06

Parole Sante, siamo cosi ricchi che abbiamo creato milioni di POVERI.

stefano_

Mer, 17/10/2018 - 23:56

Ecco, piuttosto che fare un burocratico, demagogico e fallimentare Rdc, bastava andare a raccogliere per strada questi milioni di poveri e senza dimora, dargli un lavoro di interesse pubblico e pagarli! Si risolveva il problema povertà!