"Red bull non mette le ali" E l'azienda risarcisce i clienti

L'azienda costretta in Usa a sborsare 13 milioni di dollari: non garantisce prestazioni migliori

La Red Bull non "mette le ali". Quello che a molti sembra solo uno spot iperbolico è stato bollato negli Stati uniti come pubblicità ingannevole.

Tutto è partito dalla denuncia di un cittadino americano che ha accusato il colosso austriaco di ingannare gli utenti perché non ci sono prove scientifiche che la bevanda energetica migliori prestazioni e velocità di reazione. L'uomo, in particolare, non avrebbe avuto alcun giovamento nelle sue performance atletiche nonostante consumi Red Bull dal 2002. 

Pur negando qualsiasi responsabilità, "per evitare un lungo e caro iter giudiziario" l'azienda di Salisburgo ha patteggiato un risarcimento da 13 milioni di dollari che verranno suddivisi tra chi lo richiederà entro marzo 2015. Per ottenere i 10 dollari in contanti o 15 dollari di lattine bisognerà provare di aver acquistato un Red Bull tra il 1 gennaio 2002 e il 3 ottobre 2014. 

Commenti
Ritratto di sekhmet

sekhmet

Ven, 10/10/2014 - 00:31

Buffoni! Sekhmet.

lakos29

Ven, 10/10/2014 - 05:24

Che sfiga, ho cestinato l'altro giorno l'unico scontrino in cui avevo acquistato una red bull datato 2004. Scherzi a parte chi cavolo conserva scontrini per 12 anni?