Reggio Emilia, lite tra genitori alla festa di fine anno scolastico dei figli

Un uomo è stato ferito al braccio con il taglierino da un altro papà. Quest'ultimo è stato denunciato dai carabinieri. La lite era inizialmente scoppiata tra i bambini

Quella che doveva essere una festa, organizzata da una scuola di Correggio, in provincia di Reggio Emilia, per salutare la fine dell'anno scolastico, è stato il teatro di un acceso litigio tra genitori dei bambini con tanto di minacce e il ferimento di un genitore intervenuto per sedare la lite. Questa è la premessa dei fatti che si sono verificati nel tardo pomeriggio di sabato scorso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Correggio che hanno denunciato, alla procura di Reggio Emilia, un uomo di 40 anni con le accuse di minaccia e lesioni personali aggravate nonché porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

Alla base del grave episodio la lite tra la figlia dell'indagato e un compagno di scuola. Un ingenuo litigio tra bambini che ha visto il papà della piccola intervenire per sgridare in maniera ferma il compagno della figlia. Un intervento che non è piaciuto alla madre e allo zio del bambino, presenti alla festa, che sono a loro volta intervenuti chiedendo al 40enne le ragioni di questo gesto. Ne è nato un diverbio con l'uomo che, stando a quanto riferito e ricostruito dai militari dell'Arma, ha estratto un taglierino minacciando i due cognati.

Un 47enne, genitore di un altro scolaro, accortosi di quanto stava accadendo, è intervenuto per sedare la lite ed è stato a sua volta ferito al braccio destro dal 40enne che, a quel punto, si è allontanato. Il malcapitato è stato subito soccorso. L'uomo ha avuto dieci giorni di prognosi per la ferita al gomito. Dall'istituto scolastico dove era in svolgimento la festa di fine anno, è partito l'allarme al 112. Sul posto sono arrivati i carabinieri che si sono messi alle ricerca del 40enne rintracciato lungo la strada di casa.