Il "ri-scatto" degli homeless Così raccontano il Fuorisalone

Quando la solidarietà e la voglia di mettersi in gioco e provare a cambiare vita si incontrano, il risultato non può che essere interessante. Parliamo della onlus “Riscatti”, nata nel 2013 su idea di Federica Balestrieri con lo scopo di supportare l’integrazione sociale di persone senza fissa dimora attraverso la fotografia

Quando la solidarietà e la voglia di mettersi in gioco e provare a cambiare vita si incontrano, il risultato non può che essere interessante. Parliamo della onlus “Riscatti”, nata nel 2013 su idea di Federica Balestrieri con lo scopo di supportare l’integrazione sociale di persone senza fissa dimora attraverso la fotografia.

In occasione della settimana del Fuorisalone, quattro dei quindici homeless coinvolti nel progetto, Dino Bertoli, Sofiene Bouzaiene, Massimo La Fauci e Karim Hamras, sono stati ingaggiati dall’associazione 5 VIE Art + Design. Il loro compito? Passare al setaccio tutte le aree di Milano in cui si respira aria di Fuorisalone e, armati di reflex, documentare i concitati momenti che precedono l’inaugurazione delle mostre e delle installazioni. Dallo Spazio Rossana Orlandi a Palazzo Turati, passando per Palazzo Litta e altre gallerie d’arte prestigiose, i fotoreporter del “dietro le quinte” hanno lavorato sotto la supervisione dei professionisti del magazine di fotogiornalismo Witness Journal. I “guru” a cui hanno cercato di rubare qualche trucco del mestiere per coronare il loro sogno professionale. Gli scatti, stampati da Simone Salatino di “Al Laboratorio”, sono esposti fino a domenica, dalle 10 alle 20, allo Spazio Sanremo di via Zecca Vecchia, a due passi dal Duomo. Qui, i visitatori avranno anche la possibilità di dare una concreta mano all’associazione di volontariato che se ne occupa: basta una donazione minima di 50 euro per ogni scatto. “Siamo fatti della sostanza dei sogni” scriveva Shakespeare nel quarto atto di “The Tempest”. Dal talento mostrato negli scatti in esposizione, gli homeless di “Riscatti”, una possibilità di vivere il loro sogno la meritano senz’altro.