Riccione, uccise donna per "tempesta emotiva": pena quasi dimezzata

La Corte di appello di Bologna ha quasi dimezzato la pena per Michele Castaldo, il 57enne che nel 2016 uccise a Riccione una donna con la quale aveva una relazione. L’assassino era stato condannato in primo grado a 30 anni

Una tempesta emotiva” causata da una forte gelosia può attenuare la grave responsabilità di chi commette un omicidio. Sostanzialmente è questo il succo della sentenza emessa dalla Corte di appello di Bologna che ha quasi dimezzato la pena inflitta a Michele Castaldo, il 57enne omicida reo confesso di Olga Matei, la donna con cui aveva una relazione e che strangolò a mani nude il 5 ottobre 2016 a Riccione.

In primo grado, l’uomo era stato condannato a 30 anni dal gup di Rimini per omicidio aggravato dai motivi abietti e futili. Davanti alla Corte di assise di appello di Bologna, nell'udienza del 16 novembre il Pg Paolo Giovagnoli aveva chiesto la conferma della sentenza.

I giudici però, pur riconoscendo l'aggravante, hanno ridotto la pena a 16 anni, concedendo all’imputato le attenuanti generiche.Nella sentenza da poco depositata si spiega che la decisione deriva in primo luogo dalla valutazione positiva della confessione dell’omicidio.

Inoltre, si legge ancora nell'atto, che sebbene la gelosia provata dall'imputato fosse un sentimento "certamente immotivato e inidoneo a inficiare la sua capacità di autodeterminazione", essa determinò nell’uomo, "a causa delle sue poco felici esperienze di vita" quella che il perito psichiatrico definì una "soverchiante tempesta emotiva e passionale", che "si manifestò subito dopo anche col teatrale tentativo di suicidio". Una condizione, questa, considerata "idonea a influire sulla misura della responsabilità penale".

Così la condanna dell’ergastolo si è trasformata a 30 anni di reclusione grazie al rito abbreviato per, poi, passare ancora a 16 anni (24 anni, ridotti di un terzo sempre per il rito).

Olga, stanca del comportamento dell’uomo che manifestava insicurezza e l’ossessione di essere tradito, aveva deciso di troncare la relazione. Un volontà, questa, che la donna ha pagato con la vita.

"Ho perso la testa perché lei non voleva più stare con me. Le ho detto che lei doveva essere mia e di nessun altro. L'ho stretta al collo e l'ho strangolata" ammise Castaldo. Quest’ultimo, dopo aver commesso l’omicidio a Riccione, provò anche a suicidarsi senza riuscirci.

Commenti
Ritratto di Candidoecurioso

Candidoecurioso

Sab, 02/03/2019 - 12:02

Se invece avesse ucciso dopo essere stato aggredito in casa da un albanese, quella stessa tempesta emotiva sarebbe stata un'aggravante fascista ... scommettiamo ?

paràpadano

Sab, 02/03/2019 - 12:03

no, non ci credo è una barzelletta, che tristezza avere dei giudici che prendono delle decisioni demenziali.

lafinedelmondo

Sab, 02/03/2019 - 12:05

IN ITALIA L'OMICIDIO NON È CERTEZZA DI PENA. IO GIUDICO? IO GIOCO CON LA LEGGE E LA VITA DI CHI NON L'HA PIÙ...SE PENSI CHE UN OMICIDA DEBBA PAGARE CON LA PRIVAZIONE DELLA LIBERTÀ NON SEI PROGRESSISTA...CHI TOGLIE LA VITA AD UN ALTRO ESSERE UMANO PUÒ ANCHE ESSERE PREMIATO

baronemanfredri...

Sab, 02/03/2019 - 12:05

DOPO TANTE RIDUZIONI DI PENA ORA MERITA ANCHE IL RISARCIMENTO PER LA DETENZIONE PREVISTA PER L'ERGASTOLO.

cesrosan

Sab, 02/03/2019 - 12:09

"Ho perso la testa perché lei non voleva più stare con me. Le ho detto che lei doveva essere mia e di nessun altro. L'ho stretta al collo e l'ho strangolata" ammise Castaldo.Mi sembra giusto ridurre la pena ad un uomo così...bravo(penso si capisca l'ironia)Ma come sono bravi questi giudici. Cesare da Biella

igiulp

Sab, 02/03/2019 - 12:10

Non si può proprio dire che questa magistratura non sia creativa.Torniamo indietro alla notte dei tempi in cui si giustificava il delitto d'onore. Accidenti che progressi.

tosco1

Sab, 02/03/2019 - 12:10

E' inutile commentare.! E' indubbio che i giudici italiani sentono solo il dovere di comprendere ed evidenziare le pur palesemente flebili ragioni degli assassini, ma mai quelle delle vittime. Non credo che si possa continuare ancora per molto in questo modo. Eppure mi pare evidente che ,qualunque assassino, e' favorevole alla condanna a morte.E penso anche che, chi e' assassinato,deve avere piena giustizia !

CidCampeador

Sab, 02/03/2019 - 12:14

al nostro ordinamento giuridico interessano solo i criminali specie se di colore le vittime invece sono solo un fastidio

Wizzy13

Sab, 02/03/2019 - 12:23

Possiamo aspettarci migliaia di ricorsi. Pensa quanti hanno ammazzato persone in preda a una "tempesta emotiva". Grazie a questi giudici le vittime sono vittime due volte. Del resto grazie a questi giudici i ladri vengono risarciti e i derubati sbattuti in galera. Infatti il tizio che aveva subito più di novanta furti secondo loro doveva essere sereno e giammai esasperato quindi condannato a risarcire il ladro a cui ha sparato.

tosco1

Sab, 02/03/2019 - 12:31

Sono comunque motivazioni veramente inquietanti, perche' cosa capitera' ora se la stessa tempesta emotiva verra', come potrebbe essere logico, anche al padre della ragazza assassinata.?

Seawolf1

Sab, 02/03/2019 - 12:36

Risulta evidente che la vittima non fosse parente di nessun sedicente magistrato...

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 02/03/2019 - 12:36

vabbè con il prossimo condono saranno 8 anni.

t.francesco

Sab, 02/03/2019 - 12:37

BISOGNA FARE LE LEGGI PIU' CHIARE E SEMPLICI. CHI UCCIDE 50 ANNI DI PENA PUNTO. BISOGNA ELIMINARE LA POSSIBILITA' DI INTERERETAZIONE. COME AGLI ARBITRI NON DEBBONO INTERPRETARE, DEBBONO APPLICARE LE REGOLE E LE LEGGI, MA QUESTE DEBBONO ESSERE CHIARE E NON LASCIARE POSSIBILITA' DI INTERPRETAZIONE. NON E'GIUSTO CHE I MAGISTRATI DEBBANO METTERE IN GIOCO LA PROPRIA SCOSCIENZA QUINDI FARE LEGGI CHE NON DIANO ADIDO A DUBBI ED INTERPRETAZIONI.

Trinky

Sab, 02/03/2019 - 12:43

Buffoni........!!! E ho detto tutto.........

Ritratto di pigielle

pigielle

Sab, 02/03/2019 - 12:44

Un misterioso VIRUS, denominato DEM, ha evidentemente colpito la magistratura italiana e sta procurando evidenti dissesti ....urge l'ESORCISTA.

unghiecondenti

Sab, 02/03/2019 - 12:45

Sono certa che non pubblicherete ma il pensiero è più forte e solido di ogni preclusione e perciò dico che la magistratura di oggi è una propulsiva istigazione a delinquere .

Ernestinho

Sab, 02/03/2019 - 13:07

Rutte le scusanti per gli assassini e i delinquenti. Sempre! Questa è l'italia!

Cheyenne

Sab, 02/03/2019 - 13:10

DI MALE IN PEGGIO

maurizio50

Sab, 02/03/2019 - 13:17

Ecco perchè lo Stato deve sbarazzarsi di giudici di tal fatta. Ne va della sopravvivenza della Nazione!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 02/03/2019 - 13:17

TEMPESTA EMOTIVA !!!! Potrebbe essere il titolo di un FILM!!!! MAHHHH!!! Ormai si inventano di TUTTO DI PIU, per non mandare in galera la gente!!!!jajajajajaja

cesare caini

Sab, 02/03/2019 - 13:23

Stiamo andando verso asassini liberi e vittime in galera ! tra un po' ci arriviamo !

rokbat

Sab, 02/03/2019 - 14:07

Sarebbe stata la stessa pena se la vittima era un giudice ?

giolio

Sab, 02/03/2019 - 14:09

sono criminali più i giudici e meno criminali gli assassini Che Siano Maledetti Per L‘eternità (mi sono permesso di scrivere a indovinello }

Ritratto di Giano

Giano

Sab, 02/03/2019 - 14:16

Adesso la pazzia si chiama "tempesta emotiva"? Buono a sapersi.

Aegnor

Sab, 02/03/2019 - 14:33

L'unica tempesta in atto, è la tempesta dell'intelletto della magistratura italiana

Malacappa

Sab, 02/03/2019 - 14:37

Candidoecurioso 12.02 quello che dici purtroppo e' verita'assoluta

josiyah

Sab, 02/03/2019 - 14:48

Non c'è da stupirsi, fintantoché la giustizia sarà nelle mani dei "cappelloni neri" e i politici faranno finta di non saperlo, l'Italia non si desterà e sarà sotto il giogo di questi pseudoreligiosi che così tentano di controllare il mondo e imporre il loro bacato disegno: le corti supreme di moltissimi Paesi sono nelle loro mani.

Ritratto di pensionato.stufo

pensionato.stufo

Sab, 02/03/2019 - 15:47

Siamo tornati al "delitto d'onore". Complimenti ai magistrati, veramente illuminati.

uberalles

Sab, 02/03/2019 - 15:51

Il trio Boldrini, Boschi, Fedeli ha qualcosa da obiettare? No? Viva le donne e l'8 marzo!

Ernestinho

Sab, 02/03/2019 - 15:52

Tutte le scusanti per gli assassini e i delinquenti. Sempre! Questa è l'italia!

Ritratto di massacrato

massacrato

Sab, 02/03/2019 - 16:07

Occorre riequilibrare il rapporto uomo-donna, proteggendo MOLTO di più quest'ultima dalla violenza maschile, evitando però inutili fiere di femminismo strumentale.

VittorioMar

Sab, 02/03/2019 - 16:24

..manca il Ministro della GIUSTIZIA : ASSENTE INGIUSTIFICATO !!

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 02/03/2019 - 16:33

Io avrei un'idea di come e su chi scatenare una "soverchiante tempesta emotiva e passionale". - P.S. : Ergastolo, poi 30, poi 24, poi 16, poi . . . ? – (3° invio)---

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Sab, 02/03/2019 - 17:39

Le leggi si applicano, non si interpretano.

Ritratto di balonid

balonid

Sab, 02/03/2019 - 17:41

Proprio perché suscettibile di "tempeste emotive" Michele sarebbe stato più al sicuro nelle patrie galere sino a morte naturale.

Holmert

Sab, 02/03/2019 - 17:48

Citatemi un articolo sul codice penale dove si parla di "tempesta emotiva". Azzeccacarbugli in confronto a questi era un piccolo pivello.

Ritratto di Sniper

Sniper

Sab, 02/03/2019 - 18:45

Il giudice sarà mica un esponente della Destra italiana, e il femminicida pure? Sì insomma, quelli per cui le donne sono oggetti da offendere, usare, sfruttare e nel caso ammazzare. La storia italiana è piena di tali episodi.

Anonimo51

Sab, 02/03/2019 - 20:34

c'e' ancora il ministro di grazia e giustizia, o si e' volatilizzato? Cosa aspetta ad inviare gli ispettori? Credo che questo caso, piu' degli altri, lo giustifichi. E' ormai palese che la giustizia ormai sta dalla parte di chi delinque. E' semplicemente vergognoso.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 02/03/2019 - 22:35

Chissà che nell'aldilà la signora Olga sia immersa nella felicità celeste a metà.

Libero 38

Sab, 02/03/2019 - 23:33

Provate a immaginare come i giudici hanno ridotto il paese delle banane italia.Condannano a 16 anni di galera chi ha ucciso la moglie e condannano a 6 anni di galera chi si difende da un ladro che dopo averlo massacrato di botte gli ruba anche tutti i soldi.

Spaccaossa

Sab, 02/03/2019 - 23:42

Estremamente difficile accettare una simile pericolosissima sentenza.

Blueray

Dom, 03/03/2019 - 00:05

La giustizia come un terno al lotto si va affermando vieppiù nel nostro Paese. La sentenza in questione ne è esempio preclaro. Questo ci rende famosi in Europa e nel mondo ed automaticamente diveniamo obiettivo ambìto da parte di ogni sorta di umanità balorda alla ricerca di un ambito in cui poter fare qualsivoglia azione senza timore di dover pagare il conto eccessivamente salato. Un grazie a così generosi e illuminati giudici.

papik40

Dom, 03/03/2019 - 02:42

Ancora un bell’esempio di giustizia all’italiana: ritorna il Delitto d’Onore! A me sembra che gli unici che hanno avuto una Tempesta Emotiva che abbia annebbiato la loro mente siano stati i giudici della Corte d’Appello di Bologna sempre che non abbiano emesso questa assurda sentenza per farsi pubblicita’!

Yossi0

Dom, 03/03/2019 - 08:02

le forze dell’ordine arrestano, la magistratura libera .... invece di essere complementari stanno diventando contrapposte ed in conflitto .... a questo punto sembrerebbero due passaggi inutili .... aboliamoli

Gianni Barbero

Lun, 04/03/2019 - 10:14

Condanna a 24 anni,poi ridotti a 16 per le attenuanti generiche. Uguale alla sentenza per Chiara Poggi. Qual è il problema?