Rigopiano, risate un'ora prima: "C'è la spa? Facciamo il bagno"

Un'ora prima del dramma ridevano al telefono: "C'è la spa? Facciamo il bagno"

Un'ora dopo quella telefonata, una valanga avrebbe travolto l'hotel Rigopiano a Farindola. Poco più di sessanta minuti prima, al telefono, il dipendente dell'Anas Carmine Ricca invece rideva insieme con il responsabile del settore viabilità della Provincia, Paolo D'Incecco.

"E insomma, mica deve arrivare a Rigopiano? Perché se dobbiamo liberare la Spa, al limite ci andiamo a fare pure il bagno", diceva Ricca, in parole intercettate e ora agli atti dell'inchiesta, che lavora per stabilire di chi furono le responsabilità in quanto avvenne.

Al centro della discussione c'è di nuovo la questione delle turbine, già al centro di un'altra intercettazione, in cui D'Incecco parlava al funzionario provinciale Mauro Di Blasio, sostenendo che chiedere l'intervento dell'Anas sarebbe stato "farsi l'esproprio in casa".

"Cioè, ho capito che dobbiamo arrivare fin lì, però insomma è una bella tirata, lo sai meglio di me", aggiunge Ricca nella telefonata. Dopo avere discusso con lui, D'Incecco chiede che se ne parli la mattina dopo, se nel pomeriggio non è possibile fare nulla. E il dipendente dell'Anas conferma:"Sì, almeno domattina, anche perché quello con la turbina fino a mò ha faticato...".

Tra le intercettzioni anche le parole del consigliere regionale di Forza Italia, Lorenzo Sospiri, che parla con l'allora segretario del presidente della Regione Claudio Ruffini, delegato alla gestione dei mezzi spazzaneve e delle cosiddette 'turbine'. "La gente sta morendo e voi non vi rendete conto", sbotta il consigliere. Tanto Ruffini quanto il presidente, Luciano D'Alfonso, non sono per ora indagati.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 28/11/2017 - 13:58

oh! ruffini non è indagato? ma perbacco! chissà perché!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 28/11/2017 - 14:06

Loro hanno riso alla grande sottovalutando i rischi da perfetti acefali quali sono:speriamo di ridere presto anche noi quando,in manette,varcheranno il portone del carcere.

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Mar, 28/11/2017 - 14:20

Risero perché non potevano minimamente sapere quello che sarebbe successo. Perché pubblicare queste cose? Di Marzo (chi è costui?) si sente bello e santo nonché pulito?. Non la sfiora il dubbio che, in analoghe circostanze, avrebbe potuto comportarsi uguale se non peggio?

giessebi

Mar, 28/11/2017 - 14:33

@BIASINI: queste cose si pubblicano perche' la gente che ha responsabilita', non si puo' tirare indietro perche' "insomma e' una bella tirata". La magistratura fara', speriamo, il suo lavoro, ma e' proprio per atteggiamenti come il suo che in italia nessuno paga mai per i propri errori. Quanto all'estensore dell'articolo, deve essere qualcuno che lei conosce per poter scrivere?

fifaus

Mar, 28/11/2017 - 14:38

BIASINI: beh, potrebbe aver ragione. a volte è fin troppo facile fare dell'ironia.Però non quando si hanno compiti istituzionali delicati e non nell'ambito di questi compiti

baranzo

Mar, 28/11/2017 - 14:44

Con il senno di poi si può dire che le risate fossero fuori posto, ma in quel momento quello era solo un hotel di lusso bloccato in un contesto fatto di paesi su paesi bloccati; e giustamente la priorità è stata data alle frazioni isolate, dove vivevano persone magari prive di elettricità o delle risorse invece presenti in una struttura di quel tipo.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mar, 28/11/2017 - 15:09

BIASINI, se non ha ancora capito il perché e' GIUSTO pubblicare queste COSE, non possiamo AIUTARLA, le serve UNO MOLTO BRAVO A LEI

vaigfrido

Mar, 28/11/2017 - 15:10

Baranzo ha ragione . In quel momento bisognava dare delle priorità e un hotel di lusso con tanto di spa non era una priorità . Se responsabilità ci sono state sono da ricercare fra quelli che hanno permesso la modifica di un rifugio in hotel di lusso in una zona ad alto rischio valanghe . Ammesso e non concesso che la famosa turbina fosse stata disponibile sarebbe stata utilizzata altrove mentre un normale trattore con una pala anteriore (magari di proprieta dell'albergo avrebbe potuto mantenere libera la strada . E ancora anche se ci fosse stata la strada libera si pensa che gli ospiti avrebbero scelto di andarsene invece che stare al sicuro nella struttura ?

Pinozzo

Mar, 28/11/2017 - 15:16

Cioe' volete incolparlo di aver riso 1h PRIMA che accadesse il disastro? E dei prefetti FI che sghignazzavano DOPO il terremoto all'Aquila, nulla? Siete ridicoli.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 28/11/2017 - 15:20

---fare le indagini ci sta---distribuire avvisi di garanzia urbi et orbi pure ---siamo già arrivati a quota 23 indagati---fra un pò superiamo il numero dei morti---ma il destino di rigopiano secondo me stava già scritto nell'incipit della storia---non sono un geologo --ma basta guardare delle foto dall'alto per capire che il posto dove si ergeva l'albergo era il più assurdo e vietato possibile---la prima lezione che si da ad un lupetto scout è quella di non ergere la tenda in avvallamenti ed alle pendici di alture---in effetti quella zona composta da strati di detriti di risulta venuti giù dalle vette non aveva concessioni di edificabilità alcuna--poi si sa--i soliti italioti--mazzette a destra ed a manca ---ed il piano regolatore che per magia si trasforma--sui ritardi dei soccorsi e la loro punibilità non ci conterei più di tanto---le autopsie hanno rivelato infatti che le morti sono state immediate---causate da stress da schiacciamento-

giessebi

Mar, 28/11/2017 - 15:33

@Baranzo e @vaigfrido: quello che e' stato riportato nell'articolo non e' un tecnico che si trova a dover scegliere e sceglie una frazione isolata rispetto ad un hotel, e' uno che dice "e' una bella tirata" e "quello con la turbina fino a mo' ha faticato" il che significa solo che non hanno creduto all'allarme Rigopiano. Se, risate a parte, qualcuno avesse detto: non abbiamo ne' mezzi ne' personale, avvertiamo qualcuno, che so la protezione civile, sarebbe stata un'altra cosa. Ma se uno parla di fare il bagno nella spa, significa che non prende il suo lavoro suo serio.

Angelo664

Mar, 28/11/2017 - 16:11

Non ci sono se e non ci sono ma. Quell'albergo LI NON DOVEVA ESSERCI ! I veri colpevoli sono quelli che hanno concesso di costruire li. In fondo ad un canalone di una lunghezza notevole che con accumuli di neve importanti diventava uno scivolo naturale da dove sarebbero cadute le slavine. Si vede chiaramente, chiunque, anche un bambino riuscirebbe a vedere il pericolo. Chiaro, magari per 50 anni non succede nulla perche' non nevica tanto. Poi arrivano 2 metri e succede il disastro, come essere a 3000 metri in alta montagna. Poi sicuramente ci sono le inettitudini dei vari burocrati che andrebbero lasciati a casa a pascolar pecore e non piu' in quelle posizioni decisionali. Sono stati i soliti asini all'italiana.

Reip

Mar, 28/11/2017 - 16:18

Ma sbatteteli in galera e buttate via la chiave!!! Criminali assassini!!,

giessebi

Mar, 28/11/2017 - 16:33

@Pinozzo: certo, ogni articolo deve contenere tutti i possibili riferimenti a possibili situazioni simili. Cosi' invece che una pagina sarebbe lungo 50. Ma il benaltrismo e' curabile?

Ritratto di pravda99

pravda99

Mar, 28/11/2017 - 16:38

La verita` e` che troppi dipendenti pubblici sono al loro posto per ragioni diverse da competenza, merito, e soprattutto 'accountability' (nessun termine italiano secondo me traduce il concetto dell'essere responsablile verso la comunita` e di dover dar conto del proprio operato e del proprio servizio ai cittadini). Un atteggiamento come quello descritto e` indice di puro disinteresse, quasi come se essere in servizi cosi` critici fosse un favore che fanno alla comunita`. Magari sarebbe successo tutto lo stesso, magari ci sono ulteriori responsabilita` di altro tipo. Ma il problema dell'accountability dei dipendenti pubblici italiani, in tutte le possibili strutture, va risolto in modo RADICALE. Mi viene da pensare che forse Salvini potrebbe essere il decisionista che risolve, ma poi mi viene in mente di come campi facendo marchette a Strasburgo e di come la sua compagna fu assunta in Regione Lombardia per chiamata diretta….

DRAGONI

Mar, 28/11/2017 - 16:45

LA IRRESPONSIBILITA' DELITTUOSA CHE SI PUO' TROVARE AD OGNI LIVELLO IN QUESTA ITALIA DOPO CHE CI SONO STATI IMPOSTI GOVERNI NON LEGALMENTE ELETTI..MA CHE CI SONO STATI IMPOSTI PER DECRETO DA UN PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ANCHE LUI PROROGATO IN UN SECONDO MANDATO CHE NON ERA PREVISTO DALLA COSTITUZIONE!!

Happy1937

Mar, 28/11/2017 - 17:02

E mi sembra di aver letto che non e’ indagata neppure la scriteriata che ha mandato a spigare la persona che l’avvertiva della valanga che aveva sotterrato tutto e tutti.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mar, 28/11/2017 - 17:06

A quanto pare non v'è limite allo schifo.

roberto.morici

Mar, 28/11/2017 - 17:08

Diciamo pure che l'albergo non doveva essere costruito in quel sito perchè pure io, completamente ignorante (come tutti gli ospiti della struttura) del pericolo di eventuali valanghe, avrei comunque dovuto "non" soggiornarvi. Tutte le zone "sismiche" colpite dal devastante terremoto non avrebbero dovuto essere evacuate da sempre? Verrebe da dire che tutte la vittime, e del Rigopiano e dei paesi crollati, non abbianno meritato di essere salvati, secondo certi commenti. Non è che, per caso, gli addetti ai soccorsi non siano pagati per questo?

dallebandenere

Mar, 28/11/2017 - 17:34

Tutti gli scienziatoni alla @mbferno maniera,che gettano croci addosso agli altri,hanno mai pensato che un'ora PRIMA della valanga era del tutto normale dare la priorità a case e frazioni isolate dalla nevicata,oltretutto con uno sciame sismico abbastanza serio in atto? Hanno mai pensato che un hotel,perfettamente riscaldato e attrezzato, con viveri e generi di conforto,poteva non essere,in quel momento e a tutta ragione,considerato una priorità?...E'comodo sputare sentenze,ben al sicuro da casa,eh?

Vairone

Mar, 28/11/2017 - 17:34

che due cretini superficiali

Ritratto di venividi

venividi

Mar, 28/11/2017 - 17:51

Perché Ruffini non è indagato ? Perbacco, lei sì che sa leggere a sprazzi.

Fjr

Mar, 28/11/2017 - 18:44

È proprio vero che la madre degli imbecilli è sempre gravida

fj

Mar, 28/11/2017 - 20:12

Le risate fanno capire che questa gente lavora solo per lo stipendio e non ha un minimo di sensibilita' verso chi chiede aiuto. Minimo dovrebbe essere licenziata per questo. Se poi sono diventati la concausa della morte delle persone gli sta bene anche di andare in galera per un po'.

sparviero51

Mar, 28/11/2017 - 20:13

QUESTI SONO I RISULTATI NLL'AVER SOSTITUITO IL " DELINQUENTE BERTOLASO "CON TESTE DI...ABBACCHIO PROGRESSISTE !!!

cecco61

Mer, 29/11/2017 - 08:45

Concordo con Basini. Le responsabilita vanno cercate altrove. Pure la risata ci sta visto che la stessa cosa (strada bloccata, non la valanga) era già capiatata un paio di anni prima richiedendo l'intervento di un elicottero per portare dei medicinali. Se uno scia fuoripista, malgrado gli avvisi, e gli va male, viene insultato e deriso, paga i soccorsi e becca pure una multa salata. Coloro che costruiscono dove non si deve e coloro che vendono soggiorni malgrado sappiano che presto sarà tutto bloccato, sono i veri responsabili. L'ironia non è reato. Per di più tutti avrebbero fatto una risata senza la valanga. Giornalisti d'assalto e magistratura dov'erano prima?