Rimini, il sindaco chiede una norma contro i souvenir del fascismo

ll sindaco di Rimini Andrea Gnassi propone di emendare la legge sull’apologia del fascismo inserendo anche una eventuale punizione per chi vende oggetti che ricordano il Ventennio

ll sindaco di Rimini Andrea Gnassi propone di emendare la legge sull’apologia del fascismo inserendo anche una eventuale punizione per chi vende oggetti riportanti simbologie o immagini dei regimi fascista e nazista.
Il sindaco in una nota, diffusa in seguito alla notizia di due turisti americani di fede ebraica scandalizzati dalla vetrina di un negozio di souvenir a Rimini in cui si mettevano in vendita bottiglie con la faccia di Mussolini o di Hitler, spiega che "anche nel Consiglio comunale di ieri sera è stata sollevata la vergognosa questione della vendita di una serie eterogenea di oggetti, esplicitamente riferiti alla simbologia e all’iconografia fascista e nazista". Secondo Gnassi, è un problema che torna ciclicamente, come le numerose denunce, in molte città che fino ad oggi non hanno risolto il problema.

"La nostra proposta emendativa - si legge -, o comunque la base di una proposta emendativa che potranno tranquillamente migliorare e/o raffinare i parlamentari che vorranno sostenere questa battaglia, è di aggiungere all’articolo 4 una frase del tipo L’esaltazione o comunque l’elogio attraverso immagini del regime fascista o nazista, si configura anche nella diffusione e vendita - diretta o attraverso qualsiasi modalità - di beni mobili di consumo od oggetti chiaramente riportanti simbologie o immagini dei succitati regimi, in assenza di qualunque presa di distanza critica da essi".

Commenti

Tino Gianbattis...

Ven, 17/07/2015 - 23:19

LA STORIA E LA Verità SONO COME L'OLIO, VENGONO SEMPRE A GALLA

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 17/07/2015 - 23:33

Basterebbe mettere in galera chi vende e chi compra mer....ia simile!

Giorgio5819

Sab, 18/07/2015 - 00:15

Quando in Italia sarà emanata una legge che parlerà di apologia del comunismo, quando saranno messe al bando le sporche ideologie rosse e tutti i suoi annessi e connessi, allora l'Italia diventerà una nazione seria.

cgf

Sab, 18/07/2015 - 11:17

Meglio una punizione a chi sta sputtanando Rimini con le sue pataccate e non mi riferisco solo alle cartoline

angelovf

Dom, 08/11/2015 - 21:33

Ma vergognati, peccato che non Anetę le palle di questo uomo, siete un completo disastro, sarebbe bello se un bel giorno nascesse un uomo simile, c'era la dittatura? E adesso? E se questa di chiama libertà, che ci stiamo facendo rubare la nazione, caro sindaco devi solo nasconderti, come puoi pensare di distruggere il ricordo di Mussolini che ovunque ti giri ci sono le sue opere. Non ti vergogni tifare per questo mondo di sinistra fatte di ladri, di delinquenti comuni, e di persone che portano avanti programmi contro la crescita normale dei bambini (gender) ma chi ti ha votato, certamente, persone con la tua stessa mentalità di anti italiano.

angelovf

Dom, 08/11/2015 - 21:42

Una cosa è certa, questo non è un regime migliore del ventennio, perché sono molto lontani dalla padri. Qui si difendono i delinquenti, la prostituzione, la droga, e i matrimoni gay. Siamo sotto il zero.