Risonanza alla testa per la Panarello. Ultimo atto della perizia psichiatrica

Un esame eseguito su richiesta degli esperti della difesa per completare la perizia psichiatrica. I medici consegneranno l'esito alla magistratura

Veronica Panarello, la madre del piccolo Loris, accusa di avere strangolato il figlio è stata sottoposta a una risonanza magnetica funzionale alla testa per verificare le sue condizioni "neuro, radiologiche, morfologiche e funzionali".

L'esame è stato eseguito in una struttura diagnostica nel centro di Catania su richiesta degli esperti della difesa per completare la perizia psichiatrica. Durante la risonanza erano presenti solo i medici, che avranno il compito di consegnare l'esito alla magistratura. Oltre al personale sanitario, non erano presenti nè periti, nè consulenti delle parti nè avvocati. La Panarello è rimasta in ospedale per poco più di un'ora, scortata dalla polizia penitenziaria.

L'esame è stato disposto dai periti del Gup di Ragusa, davanti al quale si celebra il processo. Il Gup Andrea Reale aveva contemporaneamente concesso una proroga di altri 25 giorni agli esperti che dovranno depositare le loro conclusioni entro il 15 maggio. La prossima udienza è fissata per l'11 maggio ma potrebbe essere rinviata a data da destinare.

Commenti

giacomominella@...

Gio, 28/04/2016 - 12:22

c'e' gente che per meso aspetta di fare una risonanza magnetica...e a sta' delinquente viene fatta subito...sempre a spese dei cittadini...io divento matto quando sento queste assurdita'!!!