Rivuole il denaro prestato a un conoscente e minaccia i suoi genitori

Aveva prestato 500 euro a un conoscente ma non li aveva riavuti indietro come pattuito. Viene arrestato dai carabinieri dopo aver minacciato i genitori del conoscente con un coltello

Rivoleva indietro i soldi prestati a un conoscente, così ha minacciato i genitori del debitore con un coltello, ferendo la madre. Un 19enne originario di Salerno è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma con le accuse di tentata rapina aggravata e lesioni personali aggravate. Il ragazzo, da tempo residente nella Capitale, aveva già dei precedenti.

Tutto è cominciato qualche tempo fa, quando il 19enne ha prestato a un conoscente di 23 anni la somma di 500 euro. Quest’ultimo si era impegnato a restituirla entro qualche giorno. Ma il tempo è passato e i soldi non sono tornati indietro.

Così, stanco di aspettare, il 19enne si è presentato all’improvviso a casa del conoscente armato di coltello, deciso a riavere i suoi soldi. A casa del 23enne però ha trovato soltanto i genitori. Allora ha chiesto a loro la restituzione dei 500 euro che aveva prestato al loro figlio, ottenendo però una risposta negativa da parte del padre del 23enne. Infuriato, il 19enne si è scagliato contro il capofamiglia. Ne è seguita una breve colluttazione, nel corso della quale la moglie dell’uomo è rimasta ferita in modo leggero a una mano.

Il 19enne ha deciso dunque di darsi alla fuga. Scappando dalla casa a piedi, ha buttato in strada il coltello che aveva con sé. Una chiamata al 112 aveva però allertato i carabinieri della situazione e pochi minuti dopo il ragazzo è stato bloccato. Il coltello gettato via dal giovane è stato recuperato e sequestrato.

Il 19enne è stato arrestato e portato in caserma, in attesa del rito direttissimo.