Roghi tossici, prefetto di Roma: "Si usi l'esercito"

Il prefetto di Roma, Paola Basilone, dà il suo benestare all'uso dell'esercito per fermare il fenomeno dei roghi tossici che vengono appiccati nei campi rom. Ora la palla tocca alla Raggi

"Nel luglio e agosto di quest'anno è aumentato il numero dei roghi nei campi" della Capitale. Lo dice Paola Basilone, il prefetto di Roma, che ha parlato oggi davanti alla Commissione parlamentare di inchiesta sul degrado delle periferie.

"La mia opinione - ha affermato il prefetto - è che si potrebbero mutuare, con le dovute differenze, alcuni interventi fatti nella Terra dei Fuochi. Innanzitutto bisognerebbe fare una mappatura dei rifiuti, andarne a verificarne l'entità e fare un grosso investimento sulle bonifiche. Poi porre in essere tutti i sistemi di vigilanza per impedire che questo possa accadere". Secondo la Basilone la raccolta quotidiana e ordinaria dei rifiuti nei campi deve partire dalla "rimozione dei cumuli stratificati" e deve essere effettuata da "ditte specializzate, non lo può fare il Genio militare" anche se ha ribadito la necessità dell'uso dell'esercito per stroncare il fenomeno.

Il prefetto di Roma ha spiegato che all'ordine del giorno del prossimo Comitato metropolitano ci saranno due temi:"uno è l'emergenza abitativa che costituisce un pezzo importante delle criticità di questa città, l'altro sono i roghi tossici e quindi tutta la questione dei campi. Dovrà essere fatta un'attenta valutazione per capire qualè l'emergenza più evidente" e stabilire dove è più necessario intervenire". Basilone ha, poi, spiegato che, per bonificare le zone più critiche come La Barbuta, Salone, Salviati e Torre Spaccata serve un grosso impegno finanziario: "Quando ero prefetto a Torino - ha detto - con l'impegno dello Stato che ha messo 5 milioni di euro, ci sono voluti due anni per bonificare un solo campo abusivo. Bisogna immaginare che le famiglie vanno accompagnate a una situazione stabile, vanno trovate soluzioni abitative e ci vuole grande sforzo perchè ordinariamente nessuno vuole affittare case. Su quattro campi - ha osservato Basilone - vediamo di puntare su uno di questi e fare un progetto sperimentale come è stato fatto a Torino

Fabio Rampelli, il capogruppo di Fratelli d'Italia-An alla Camera, ha incalzato la Basilone chiedendo: "'Vi siete parlati con il ministro Minniti? Il ministro l'ha chiamata dopo aver detto in commissione che avrebbe utilizzato l'esercito? O quella del ministro è stata solo una battuta giornalista?'. "Andare in giro - aggiunge - per questi campi in orario scolastico e vedere contemporaneamente questi bambini che non stanno a scuola e nessuno fa niente rende evidente il fallimento dello Stato nel contenimento dello sfruttamento dei bambini. La revoca della patria potestà nei confronti di queste persone?". Secondo Roberto Morassut, vicepresidente della commissione parlamentare di inchiesta sulle periferie, “pur considerando il costo degli interventi -e l'impegno rilevante che questo comporta per le forze dell'ordine e delle forze armate, occorre passare ad un piano di interventi. Tale piano deve venire da un preciso indirizzo del comitato metropolitano per l'ordine e la sicurezza che può essere convocato solo sulla base di una disponibilità immediata della sindaca di Roma, Virginia Raggi, come prevede la legge". "Occorre quindi - conclude - l'immediata convocazione del Comitato per dare seguito ad un piano efficace di interventi".