Roma, bimbi maltrattati al nido: ora il Comune chiede la retta

Le maestre sono state condannate con rito abbreviato a pene che vanno dai tre anni e quattro mesi ai due anni e due mesi di reclusione

Prima il danno e poi la beffa. I genitori di alcuni bambini che hanno subito maltrattamenti da parte delle maestre del nido si sono visti arrivare a casa il sollecito del pagamento della retta scolastica, in riferimento proprio al periodo incriminato.

L'assurda vicenda ha colpito mamme e papà dei piccoli alunni del "Nido del parco", nella zona Aurelia, a Roma. Come riporta Il Messaggero, circa un anno fa, grazie alle intercettazioni ambientali e alle riprese video, i carabinieri hanno scoperto che all'interno della scuola comunale venivano perpetrati maltrattamenti sui piccoli alunni. Le tre educatrici coinvolte sono già state condannate, con rito abbreviato, a pene che vanno dai tre anni e quattro mesi ai due anni e due mesi di reclusione.

"Storia chiusa" avranno pensato i genitori. E invece no. Perché mentre alcuni bambini stanno ancota affrontando un percorso psicologico per superare il trauma, quello che mamme e papà si sono ritrovati nella cassetta della posta ha dell'assurdo: la richiesta, da parte del 13° municipio, del pagamento della retta della scuola, proprio in riferimento al periodo in cui i bambini sono stati maltrattati. Nel frattempo l'istituto, che era stato chiuso, ha riaperto i battenti con una grande festa di inaugurazione.

Commenti
Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 10/04/2017 - 13:35

Se fosse per me aspetterei la cartella esattoriale e qualche addetto alla riscossione. L'unica cosa è ignorare la richiesta. Ci mancherebbe anche altro.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 10/04/2017 - 13:54

Che cosa credevate??? Che i maltrattamenti fossero aggratiss??'