Detenute rom nelle ville di lusso dell'Eur: polemica a Roma

A Roma scoppia la rabbia dei residenti di via Kenya per l'iniziativa dell'ex giunta Marino e del ministero della Giustizia. Il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta chiede spiegazioni in Parlamento, ma gli risponde il sottosegretario agli Esteri

Due ville di lusso nel cuore elegante del quartiere romano dell’Eur, confiscate ai vecchi proprietari e assegnate in comodato d’uso gratuito al comune di Roma nel maggio del 2015, sono pronte per diventare la nuova casa di sei detenute, quasi tutte rom, con i rispettivi figli.

Si tratta di un progetto sperimentale, voluto dall’ex giunta Marino, per il quale il comune ha scelto di mettere a disposizione le due megaville di via Kenya 70 e 72, per ospitare detenute con figli minori di dieci anni, che si trovano attualmente nella casa circondariale di Rebibbia, e che, non avendo una dimora fissa dove poter scontare i domiciliari, qui potranno portare a termine la loro pena detentiva, in un ambiente consono alla crescita dei loro bambini. Come si legge in un articolo apparso nel febbraio dello scorso anno su Repubblica, le donne sarebbero quasi tutte rom, e i bambini che vivono reclusi con loro sarebbero circa 18.

Sono in tutto, 34, invece, i bimbi che, ogni anno, in Italia, sono costretti a vivere in cella con le proprie madri e “Casa di Leda”, questo il nome del progetto, è un esperimento che punta a ridurre a zero il numero dei piccoli dietro le sbarre. L’iniziativa è stata elaborata dal presidente della Consulta Penitenziaria, Lillo Di Mauro, con il Dipartimento delle Politiche Sociali di Roma Capitale, e si chiama così in onore di Leda Colombini. Sposata con Angiolo Marroni, il garante dei diritti dei detenuti del Lazio, e madre di Umberto Marroni, deputato del Partito Democratico e già capogruppo del Pd in Campidoglio, era una partigiana e figura di primo piano del Partito Comunista Italiano, nonché attivista e “strenuo difensore dei diritti delle mamme detenute e dei loro figli costretti a vivere in carcere”, come la descrive il sito del Pd del Lazio.

Il progetto, che è sperimentale e sarà realizzato per la prima volta in Italia, è stato pensato e voluto dai rappresentanti dell’ex giunta Marino, e avviato con un protocollo d’intesa firmato dal Ministero della Giustizia, dall’Assessorato alle Politiche Sociali di Roma Capitale e dalla Onlus Poste Insieme, nell’ottobre 2015. La Onlus di Poste Italiane si è impegnata anche a stanziare 150mila euro l’anno per sostenere l’iniziativa: circa 2mila euro al mese per ogni detenuta.



Un’iniziativa che, però, non ha mancato di sollevare qualche perplessità nel mondo politico e tanta rabbia tra i residenti del quartiere, che lamentano di non essere stati consultati da nessuno e di temere per la propria sicurezza. Già la presenza di detenuti in regime di art. 21 che, lo scorso 13 gennaio, come stabilito dalla determinazione dirigenziale del comune di Roma, si sono recati sul posto, accompagnati dalla polizia penitenziaria, per pulire gli esterni delle due ville allo scopo di prepararli per essere utilizzabili ai fini del progetto, a detta dei residenti, ha creato problemi ai vicini, che non erano pronti a confrontarsi con questo tipo di dinamiche.

Le perplessità relative ad alcune irregolarità presenti nell’iter del progetto, sono state invece raccolte e descritte in un’interpellanza urgente presentata alla Camera dei Deputati da Renato Brunetta e sottoscritta dai deputati di Forza Italia. Dal motivo del sequestro degli immobili, alla confusione effettuata tra i numeri civici delle due ville in diversi documenti ufficiali, alla destinazione A10, ad uso ufficio, di uno dei due immobili, che risulterebbe di conseguenza inservibile agli scopi del progetto, fino alla trasparenza sui costi: sono molti, infatti, i punti confusi.

“In nessun modo è specificato il costo del progetto, limitandosi gli atti a prevedere che le utenze saranno a carico del comune”, sottolinea l’interpellanza di Forza Italia, così come le altre spese, “ma in questo modo”, accusano i parlamentari azzurri, vengono “aggirate le leggi di bilancio che prescrivono espressa indicazione della copertura di ogni nuova spesa”. Per Forza Italia, inoltre, non risulta nemmeno “reperibile la documentazione specifica relativa al bando di assegnazione e alle delibere del comune”. Nessun bando pubblico e nessuna comunicazione insomma, per invitare altre associazioni o imprese a proporre progetti alternativi per le due ville confiscate.

Poi c’è la confusione sui numeri civici. Nel protocollo d’intesa firmato con il ministero della Giustizia ad ottobre 2015, è la villa di via Kenya 72, quella con destinazione d’uso ufficio, ad essere designata per ospitare le madri detenute, che però risulta essere inidonea a questo scopo proprio perché accatastata come A10. Ma nella successiva determinazione dirigenziale del dipartimento delle Politiche Sociali del Comune di Roma, quella del 4 febbraio, viene indicata per l’accoglienza delle detenute, invece, l’altra villa, quella di via Algeria 11 angolo via Kenya 70. Ma il problema è che via Algeria 11, fa angolo con via Kenya 72, e non con via Kenya 70, che invece è il civico successivo. Si fa confusione insomma tra i due edifici come se si trattasse di un edificio solo. Quello di via Kenya 70 e quello di via Kenya 72, sono in realtà, però, due edifici differenti che presentano, peraltro, uno i requisiti per ospitare il progetto, e l’altro no.

L’operazione, quindi, secondo l’interpellanza presentata da Brunetta, pur avendo alla base un progetto lodevole, mancherebbe totalmente di trasparenza. Ma sulle critiche riguardo le inadempienze procedurali, la scarsa attenzione alla garanzia della sicurezza del quartiere e dei cittadini, e sulla trasparenza riguardo i fondi, non è stata ancora fatta del tutto chiarezza. A rispondere nel merito ai parlamentari di FI è stato infatti incaricato dal governo, in modo singolare, il sottosegretario agli Esteri. Forse per via dei nomi di Paesi lontani delle vie in cui si trovano le ville in questione.

Commenti
Ritratto di ..AAAcercaNsi...

..AAAcercaNsi...

Gio, 14/04/2016 - 13:21

certe cose succedono solo a mafiacapitale

27Adriano

Gio, 14/04/2016 - 13:23

..Becera, sinistra, cinica cultura.

il corsaro nero

Gio, 14/04/2016 - 13:37

ma se sono Rom e per di più delinquenti, perchè non le rimandiamo al loro paese con tutta la prole?

il corsaro nero

Gio, 14/04/2016 - 13:38

rimandarle a casa no eh? Troppo facile!!!

Libertà75

Gio, 14/04/2016 - 13:54

giusto così! hanno votato PD? la prossima delibera sarà di vietare le serrature nelle case private

Malacappa

Gio, 14/04/2016 - 13:56

Vorrei priprio vedere quando se ne andranno[se se ne andranno]come lasceranno le ville,te lo dico io DISTRUTTE questa gentaglia non merita niente,non ci sono ITALIANI che hanno bisogno di casa? a loro a loro devono dare aiuto no a questa feccia che non fara' mai dico MAI NIENTE PER LA NOSTRA, DICO NOSTRA PATRIA.Vergogna traditori

polonio210

Gio, 14/04/2016 - 13:57

Accidenti che case.Chi devo rapinare truffare o ammazzare per poi farmi ospitare in quelle dimore?Quanti italiani onesti,ma privi di mezzi,potrebbero essere ospitati in quelle case?Se le zingare non hanno un domicilio,chissenefrega,stiano in galera fino all'ultimo giorno ed i figli siano loro tolti,dai servizi sociali,per indegnità e messi in centri adeguati dai quali non possano fuggire e poi dati in adozione,se mai qualcuno se li prendesse..

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 14/04/2016 - 14:03

votate PD, giullari ed opposizione " responsabile "

Rainulfo

Gio, 14/04/2016 - 14:07

ah vabbè allora apriamo le porte dei palazzi romani e ospitiamo migranti zingari musulmani e chi più ne ha più ne metta... daje.. così trasformiamo roma caput mundi in roma toilette mundi

ilbelga

Gio, 14/04/2016 - 14:22

beh bisogna trattarli bene i rom, non ci pagano le pensioni o sbaglio? mah...

Ritratto di paolocolombati

paolocolombati

Gio, 14/04/2016 - 14:26

Le detenute debbono essere lasciate in carcere sino a fine pena. I figli, se usati per compiere reati, debbono essere affidati ai servizi sociali e ai genitori tolta la patria potestà. Ritengo sufficenti le leggi attuali. Paolo Colombati paolocolombati@yahoo.it

florio

Gio, 14/04/2016 - 14:29

Ormai non ci sono più parole, la sinistra ci ha rovinati, lo zoccolo duro dei sinistrati sarà felice di avere partorito questo schifo, speriamo se ci faranno votare, perchè è evidente che siamo in una dittatura rossa, che la gente di destra si svegli e vada al voto, altrimenti le zecche rosse non ce le toglieremo mai. E il paese affonda come il Titanic!

tiromancino

Gio, 14/04/2016 - 14:31

Che paghino i romani,non lo stato

Ritratto di blackeye

blackeye

Gio, 14/04/2016 - 14:37

Non ci sono soldi per i pensionati e per i pensionandi, non ci sono per la sanità e l'assistenza in genere anche di disabili gravi, non ci sono per i nostri figli in età scolare e neppure per i nostri anziani soli, non ci sono per opere pubbliche anche di importanza nazionale etc. etc., ma...ma...ma...ma per questi personaggi così inclini a rispettare le regole di convivenza civile e le leggi dello stato...ecco che...sim sala bim... i soldi fanno capolino chissà come senza alcun problema.

gigetto50

Gio, 14/04/2016 - 14:39

....secondo me in questo paese ormai tantissimi al governo e non solo, sono irrecuperabilmente fuori di testa......

Una-mattina-mi-...

Gio, 14/04/2016 - 14:44

E I MAGGIORDOMI ITALIANI IN GUANTI BIANCHI? GLI ISTRUTTORI DI FITNESS? I PRECETTORI PER LA NOBILE PROLE? SU, DAI, uno sforzo! SIAMO O NON SIAMO NELL'ITALIA COL SEGNO PIU' renziana.

km_fbi

Gio, 14/04/2016 - 14:46

Il progetto sperimentale pensato e voluto dai rappresentanti dell’ex giunta Marino, avviato nell’ottobre 2015 d’intesa col Ministero della Giustizia, con l’Assessorato alle Politiche Sociali di Roma Capitale e con la Onlus Poste Insieme, la Onlus di Poste Italiane, impegnata anche a stanziare 150 mila euro l’anno per sostenere l’iniziativa: circa 2 mila euro al mese per ogni detenuta. Gira gira gira, la conclusione è: ....e io pago!!!

Ritratto di aresfin

aresfin

Gio, 14/04/2016 - 14:47

La stupidità, l'arroganza e la malafede dei nostri (pseudo)governanti pidioti non ha limite. Tutti sanno che migliaia e migliaia di Italiani sono senza casa e sono trattati da bestie, ma loro, i pidioti, continuano a privilegiare le "risorse", i barbari, gli incivili che stanno distruggendo l'Italia.

fedeverità

Gio, 14/04/2016 - 14:48

Roba da matti....i nostri politici hanno perso lucidità.....SONO DEI TRADITORI!!!

schiacciarayban

Gio, 14/04/2016 - 14:54

Non c'è limite alla stupidità di certi politici, sono totalmente fuori dalla realtà.

Royfree

Gio, 14/04/2016 - 15:05

Hahahahahaha..ma come si fa a non ridere leggendo una notizia del genere. Ma come si fa a pagare le tasse, essere cittadini modelli, amare la patria e i nostri governanti? Per quando mi riguarda queste notizie non fanno altro che confermare che quello che sostengo da anni. Il nostro paese è un paradiso per i delinquenti, nullafacenti e imbroglioni. Che di fatto è l'esatta immagine del partito democratico e altri molteplici politici di tutte le fazioni. L'ingegno e la creatività nella produzione, la feccia nella dirigenza. Morale? 20 anni e ci massacriamo in una guerra civile.

aqualung56

Gio, 14/04/2016 - 15:18

È incredibile. Ma come si fa a dare le case e certa gente? Evidentemente i nostri sinistrorsi non hanno mai provato che significa essere derubato e malmenato in casa perché certamente cambierebbero idea.

Keplero17

Gio, 14/04/2016 - 15:26

Tanto ruberanno lo stesso. Hanno avuto un imprinting culturale o come lo chiamava Emanuele Kant il super ego. Id sono gli istinti bestiali che albergano negli strati più bassi del nostro cervello, come l'istinto di conservazione e altri. L'ego è la volontà libera frutto della ragione. Il super ego è il frutto dell'educazione ricevuta che ci condiziona.

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Gio, 14/04/2016 - 15:31

x i pdioti questa è la prassi.Continuare a votare queste Capre Rosse vuol dire SUICIDARSI....

Ritratto di mavi5247

mavi5247

Gio, 14/04/2016 - 15:36

che DIO vi maledica,politici maledetti....!!!

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Gio, 14/04/2016 - 15:45

Dare una casa a chi (Italiano) vive in una roulotte o tenda o peggio NO, vero? Che facciano istituti ad hoc per queste situazioni e non si inventino soluzioni ridicole.

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 14/04/2016 - 15:50

Ora si capisce il perchè, che tutti i ROM SI SONO DATI ALLA DELINQUENZA,"""VOGLIONO ANDARE TUTTI IL QUESTE VILLE PER POI VIVERE FELICI E BEATI IN BARBA ALLA POPOLAZZIONE ITALIANA CHE PAGA TUTTE LE SPESE"""!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 14/04/2016 - 16:26

Ben gli sta ai residenti del quartiere VOTANO TUTTI I ROSSI!!!lol lol Se vedum.

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 14/04/2016 - 16:30

"Mafia capitale" ha colpito ancora. Comunque il governo è a portata di mano .......chiedete e sarete ascoltati..o NO.

rossini

Gio, 14/04/2016 - 16:40

Cari Romani ricordatevelo: questa ignobile iniziativa è stata presa dalla ex Giunta Marino e dal Ministero della Giustizia. In buona sostanza dal PD. E' proprio questo uno dei motivi per cui alle prossime elezioni dovete andare a votare. Votate per chi volete tranne che per il PD.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Gio, 14/04/2016 - 17:20

Secondo la defunta signora Leda Colombini l’obiettivo delle “Case famiglia protette” sarebbe quello di assicurare che i bambini possano vivere insieme alle loro madri, ma senza subire le privazioni, e la mortificazione di crescere tra mura circondate da sbarre alle finestre. Ecco il solito buonismo dei komunisti; quante famiglie con bambini invece vivono in case popolari con inferiate che le stesse hanno fatto applicare per evitare che i vari rom di turno potessero occuparle abusivamente? Di questo né la signora Leda Colombini né i signori attuali komunisti se ne sono mai preoccupati, anzi. Teniamolo bene a mente alle prossime elezioni e a quelle che verranno da qui a 100 anni!

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 14/04/2016 - 17:26

Assurdamente reale. Assurditá con stupiditá. E quelle migliaia di italiani senzatetto perché sfrattati, dimoranti nella pubblica via, all'addiaccio, tra quattro cartoni, non ci hanno pensato??? Prima i delinquenti rom. Per gli italiani si vedrá in seguito. Intanto sistemiamo le risorse di donna laura e bergoglio, sono queli che in fururo ci pagheranno le pensioni. Ma che ca77o di paese é diventata l'Italia. Una vergogna. Una vera vergogna. Meno male che vivo all'estero.

carpa1

Gio, 14/04/2016 - 17:41

E così incentiviamo le rom a sfornare figli per poter rubare a mani basse senza andare in galera. Ma bravi, siete proprio dei geni. Non è che siete nati da inseminazione con geni prelevati da cre.tini patentati? Che cosa non farebbe la sx per mettersi in mostra sui media. Pare che fare una figura di m.erda sia la loro priorità. Un suggerimento: ed espellere le delinquenti no eh? Dobbiamo pure mantenerle e pagare loro alloggi di lusso che poi renderanno, se li renderanno, certamente in condizioni pietose.

Emilia65

Gio, 14/04/2016 - 17:48

questo governo di incompetenti sta umiliando tutti gli Italiani che si guadagnano da vivere lavorando.

Ritratto di libere

libere

Gio, 14/04/2016 - 19:24

Sarà uno spasso vedere in che stato lasceranno le preziose boiseries e i marmi pregiati... Pensare di vendere le ville a chi è in grado di apprezzarle, per pagare questi e altri (e più utili) progetti sociali, no?

unz

Gio, 14/04/2016 - 21:42

In ogni tempo e in ogni luogo, quando è andata bene i governi di sinistra sono stati inetti, incapaci, corrotti. Per carità cristiana sorvoliamo su quando bene non è andata.

sorciverdi

Gio, 14/04/2016 - 23:06

Villa all'EUR? Non male... Cosa ne dite, se mi dichiaro zingaro...pardon, rom e, facendo violenza alla mia indole di buon cittadino, faccio un piccolo furto (ad esempio rubo una confezione di preservativi in farmacia) posso sperare anch'io in una sistemazione del genere? Sono certo che se avessi successo lo stato (minuscolo voluto) dovrebbe ben presto trovare dove sistemare i molti milioni di Italiani finiti sotto la soglia di povertà grazie agli illuminati governi a nomina piddina.

ziobeppe1951

Ven, 15/04/2016 - 00:06

PiDioti e zecche rosse tacciono, chi tace acconsente

BiBi39

Ven, 15/04/2016 - 00:52

Ed alle persone oneste calci in cu@o!

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Ven, 15/04/2016 - 06:57

Chiaramente i proprietari dovranno continuare a pagare imposta sul reddito, IMU, spazzatura, ecc. Anzi per amor di giustizia proporrei che siccome nelle case ci staranno 5 famiglie, come hanno voluto i "padri costituenti" nella sacra costituzione, la legge sia uguale per tutti e quindi dette tasse siano quintuplicate

Ritratto di centocinque

centocinque

Ven, 15/04/2016 - 08:41

Certo che la carta di Roma ha fatto un bel casino: non si deve chiamarli zingari perchè sarebbe spregiativo, ma in questo modo si sono identificati i ROM con i delinquenti. Complimenti agli imbecilli del politically correct!