Roma, la farsa della chiusura del Camping River

Ieri un blitz della polizia municipale ha acceso gli animi tra i rom del Camping River che, oggi, hanno manifestato sotto il Campidoglio. I residenti smentiscono la Raggi: "Il campo non chiuderà"

"Peggio di Trump. Virginia Raggi ha meno umanità del presidente degli Stati Uniti e insieme al capo della polizia di Roma Antonio Di Maggio stanno compiendo un abuso di Stato". Massimo Zuinisi, legale rappresentante dell'associazione Nazione rom, ha attaccato duramente il sindaco di Roma durante la manifestazione indetta sotto al Campidoglio per protestare contro gli sgomberi avvenuti ieri al Camping River, il primo campo nomadi della Capitale che dovrebbe chiudere definitivamente entro giugno.

Camping River, la versione della Raggi

Il sindaco Raggi, su Facebook, si era espressa così sul Camping: “Si tratta di un luogo, come tutti i campi rom, egemonizzato da ghettizzazione e illegalità. Realtà di questo genere non devono e non possono più esistere: rappresentano una negazione dei diritti per chi le abita e generano danni per i cittadini che vivono nelle zone limitrofe”. Il primo cittadino ha ricordato di aver garantito ai rom varie alternative quali: “estensione da due a tre anni della durata delle misure di sostegno, possibilità di pagamento diretto del canone di locazione ai proprietari da parte della Pubblica amministrazione, ospitalità in famiglia presso terzi privati, attività di autorecupero, contributi per il rientro volontario assistito nel Paese d'origine, facilitazioni per l'iscrizione anagrafica dei cittadini comunitari”. "Tuttavia, la maggior parte di coloro che abitano presso il Camping River ha rifiutato le proposte, scegliendo di restare abusivamente presso l'area e di occupare senza titolo i moduli abitativi di proprietà comunale, forse nella speranza che anche stavolta l'Amministrazione avrebbe stabilito l'ennesima proroga e che tutto sarebbe rimasto sempre immutato e immutabile. Ora non ci sono più alternative: bisogna liberare l'area”, scrive con tono perentorio la Raggi che ricorda come il 15 giugno fosse l’ultimo giorno disponibile per liberare quei moduli abitativi. Ma Zuinisi, oggi, ribatte spiegando che: "Tutti i rom del campo hanno diffidato la sindaca perché nella delibera 70 c'è scritto che ogni famiglia deve ricevere il piano individuale. Non c'è nessun piano scritto, nessuno ha ricevuto nulla, ci sono solo sgomberi e la volontà di dividere le famiglie. Anche Trump ha capito che i bambini messicani non possono essere separati dai genitori”.

La versione dei residenti: "Il Camping non chiuderà"

In realtà, secondo il Comitato dei residenti di via Tiberina, il Camping River non chiuderà, vi rimarranno tutte le persone che vi abitano attualmente. L’unica differenza è che sparirà il Comune, così come, pochi giorni fa, ha spiegato il Presidente del Municipio XV Simonelli, durante un’assemblea pubblica. “L’unica cosa a concludersi il 30 giugno sarà il rapporto tra il Comune di Roma e l’area dove sorge il campo, in termini di cessazione delle utenze e delle soluzioni proposte alle famiglie presenti nel campo”, si legge sulla pagina Facebook del Comitato. “Quindi a partire dal 1 luglio, si comprende che, il campo River cambierà ulteriormente status, da campo abusivo tollerato e sostenuto dall’amministrazione capitolina a campo abusivo nelle mani di un privato, nonché proprietario dell’area e unico interlocutore a partire dalla suddetta data”, conclude il post dei residenti.

Vincenzo, operatore sociale del Camping River, ha annunciato a Repubblica che in settimana si terrà una conferenza stampa per presentare il progetto Aqua della società Seges che è stato portato alla sindaca Virginia Raggi e a Michela Micheli del dipartimento delle politiche sociali. "Il piano della sindaca non è fattibile: se li portano nei centri d'accoglienza poi girano per Roma, ricominciano a occupare e ricominciano gli sgomberi. Bisogna sedersi a un tavolo per confrontarsi. L'80 per cento delle persone del Camping River è nato in Italia", ha detto Vincenzo. Tutti segnali che lasciano intendere che il piano di superamento dei campi, voluto dalla Raggi, è miseramente fallito.

Commenti

VittorioMar

Ven, 22/06/2018 - 17:47

...CHI PAGA QUESTI AVVOCATI ???....I ROM ? ...COME ??...A BARATTO ??.O IL COMUNE DI ROMA ??

Eraitalia

Ven, 22/06/2018 - 17:50

In questo paese la legalità è una chimera. Le persone che vivono vicino al campo ROM sono destinate a subire furti o costrette a cambiare cada.(ricordiamoci della ROM che al venticinquesimo furto ha detto agli inquirenti che quello era il suo lavoro.)

DRAGONI

Ven, 22/06/2018 - 18:13

L'USO DELLA RUSPA RISOLVEREBBE IL PROBLEMA.

Ritratto di elkld

elkld

Ven, 22/06/2018 - 19:20

- - - Hey non vorrano mica chiudermi casa?- - - swag

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Ven, 22/06/2018 - 19:54

alle farse la politica italiana ci ha abituato..abbiamo fato il callo!! ma quando mai un sindaco che non sia di dx,chiude un compo rom abusivo??

Duka

Sab, 23/06/2018 - 06:31

Noi crediamo alla chiusura dei campi SOLO QUANDO SI VEDRANNO LE RUSPE IN AZIONE.