Roma, nuova grana per la Raggi: dopo i rom del River, in strada anche i rifugiati sudanesi

Sono 120 i rifugiati sudanesi, con regolare riconoscimento della protezione internazionale, che dormono per strada dopo essere stati sfrattati dal palazzo di via Scorticabove dove vivevano da 13 anni

"Non ci arrenderemo fino a quando non ci garantiranno uno spazio da condividere e che non implichi la nostra separazione". È molto deciso a non mollare Hassad, uno dei ragazzi sudanesi che il 5 luglio scorso, insieme ad altri 120 suoi connazionali, è stato sfrattato dalla sede di via di Scorticabove.

La cooperativa che gestiva il centro d'accoglienza dove hanno vissuto per 13 anni, è stata sfrattata per morosità e dal 2015 a oggi i sudanesi, che godono tutti del riconoscimento della protezione internazionale, hanno dato vita a una forma di autogestione del palazzo. Attualmente questi ragazzi dormono in mezzo alla strada col timore di essere sgomberati di nuovo da un momento all'altro e stamattina, come ha documentato Romatoday, hanno ricevuto il sostegno dei movimenti per la casa che, anche in questo caso, sono pronti alle barriccate. "Tre gli incontri avuti con il Comune alla ricerca di una soluzione che sia alternativa alla strada, ma anche a quel circuito di accoglienza che li riporterebbe inevitabilemente indietro nel tempo. Il Campidoglio, intanto, è sempre alle prese con la ricerca di una soluzione alternativa.

Commenti

seccatissimo

Ven, 10/08/2018 - 19:03

Mandateli tutti a casa dei giudici traditori degli italiani, che hanno riconosciuto a questi clandestini invasori, avventurieri economici, falsi profughi e spesso vera feccia, il falso diritto alla protezione internazionale !

venco

Ven, 10/08/2018 - 19:15

Vanno allestiti campi di accoglienza gestiti dalle forze dell'ordine, vanno mantenuti chiusi, non devono circolare liberi, dopotutto sono venuti solo per vivere mica per altro.

justic2015

Ven, 10/08/2018 - 20:37

Tutte le razze scendono in strada meno che i cittadini de Roma che bordello questa Roma altro che città eterna e diventata la città più triste e più sporca del pianeta.

justic2015

Ven, 10/08/2018 - 20:42

E non solo però un Po di credito bisogna darlo anche a franceschello se Roma e completamente una fogna a cielo aperto no e i romani che fanno gioiscono di tutta questa mxxxa?

justic2015

Ven, 10/08/2018 - 20:46

Francesco il pontefice non potrebbe avere un Po di coscienza e dare un angololino del piazzale per accontentare questi pochi risorse che schifo di parassiti.

Divoll

Ven, 10/08/2018 - 23:03

Forse e' tempo che tornino a casa loro.