Roma, la polizia non ha i fondi: i cittadini fanno le ronde

Sono i residenti di Ponte di Nona, periferia est di Roma che da tre anni hanno formato un gruppo di 13 volontari e ogni notte, percorrono fino a 60 chilometri in perlustrazione di quello che ormai è diventato un quartiere ad alto indice di criminalità

Si potrebbe paragonarli ai Guerrieri della Notte. Sono loro i residenti di Ponte di Nona, periferia est di Roma che da tre anni hanno formato un gruppo di 13 volontari e ogni notte, percorrono fino a 60 chilometri in perlustrazione di quello che ormai è diventato un quartiere ad alto indice di criminalità. Molto spesso le loro ronde si protraggono fino alle prime luci dell’alba. Esistono da anni e alla loro guida c’è Franco Pirina, il numero uno della Caop (Coordinamento azioni operative Ponte di Nona).
Un telefono cellulare e un navigatore sono i loro unici mezzi che li accompagnano nelle zone più a rischio.

La loro prima regola è non agire, neanche davanti ad una rissa. Se notano qualcosa di sospetto avvisano immediatamente le forze dell’ordine con cui ormai si coordinano da tempo. Furti, scippi, spaccio sono all’ordine del giorno in questo quartiere ormai dimenticato. E per quanto assurdo possa sembrare la sicurezza di questa zona, è affidata a loro, a dei normali cittadini che per far fronte alla criminalità organizzata sono scesi in prima linea. Grazie a questi vigilantes volontari, in tre anni, da quando hanno deciso di rispondere in questo modo alla criminalità sempre più crescente, i furti sono calati del 20%. Persino gli altri quartieri si stanno organizzando come loro. Le accuse razziste che vengono rivolte a questo gruppo sono quindi del tutto infondate, quanto ingiustificate. Nel Caop ci sono persone di tutte le idee politiche, Destra, Pd, Movimento 5 stelle e Lega. Tutti uniti per un’unica causa: la prevenzione e il controllo del territorio. Quel territorio che non interessa alle istituzioni, ma ai cittadini romani, sì.

Commenti
Ritratto di Franco_I

Franco_I

Gio, 15/10/2015 - 12:46

Questo è il risultato di una POLITICA, di qualsiasi colore, che se NE FOTTE della SICUREZZA DEI CITTADINI. Blablabla......dimostrassero il CONTRARIO del pensiero del 90% degli ITALIANI!!

Ritratto di moshe

moshe

Gio, 15/10/2015 - 13:16

Roma, polizia senza risorse ... ... ... però, le risorse per mantenere cani e porci, ci sono sempre! GOVERNO IN GALERA !!!!!

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Gio, 15/10/2015 - 13:44

Anche nei paesi isolati del vecchio Far West la notte - per la sicurezza dei cittadini - giravano le ronde dei volontari. Poi arrivò John Wayne con la sua colt a 6 colpi e la notte si sentivano abbaiare solo i cani randagi. Ecco … è questo John Wayne che manca nelle banlieu italiane.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 15/10/2015 - 14:11

moshe il governo non andrà mai in galera, una cosa più efficace e non votarlo più meglio della galera altrimenti dopo un mese uscirebbero tutti.

Mobius

Gio, 15/10/2015 - 15:20

A questo punto è addirittura augurabile che governo e magistratura se ne freghino sempre di più della sicurezza dei cittadini; cosicchè i cittadini stessi avranno maggiore libertà di azione nel contrastare (e punire, perchè no?) la delinquenza, senza timore di sanzioni.