Rumeno con bottiglia sul treno terrorizza passeggeri e attacca agenti

Lo straniero, un 53enne senza fissa di mora di nazionalità rumena, ha subìto una semplice denuncia a piede libero

Paura a bordo di un treno internazionale lo scorso sabato a causa della presenza di un rumeno che, con in mano un coccio di bottiglia affilato, si aggirava minacciosamente per le carrozze.

Alcuni passeggeri, intimoriti dallo straniero, hanno segnalato il fatto al capotreno del convoglio diretto in Svizzera. A quest’ultimo non è rimasto altro da fare che contattare la Polfer della prima stazione utile, quella di Stresa, per richiedere un urgente intervento.

Quando il treno ha arrestato la sua corsa, gli agenti della polizia ferroviaria e quelli di una volante della questura di Verbania, accorsi sul posto, sono saliti a bordo.

Individuato, lo straniero è stato fatto scendere dal convoglio, ma una volta a terra ha iniziato a dare in escandescenze, tentando di rivoltare l’arma improvvisata contro gli uomini in divisa.

Prontamente ammanettato, è stato condotto presso gli uffici della questura di Verbania per le consuete operazioni di identificazione. L’uomo, tuttavia, un rumeno di 53 anni senza fissa dimora, non è finito dietro le sbarre. Per lui una semplice denuncia a piede libero per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.

Commenti

dagoleo

Mer, 27/03/2019 - 15:58

fantastico. gli hanno sequestrato il coccio di vetro. tutto a posto. non potrà più far male a nessuno. ?????mah????boh??????

Una-mattina-mi-...

Mer, 27/03/2019 - 16:00

AHAHAHAH!... LA TEMIBILE DENUNCIA A PIEDE LIBERO, SCANDALO TUTTO ITALIOTA...

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 27/03/2019 - 16:40

Cose' pazzi! Comunque alla fine della fiera si può dire: una rissa al giorno toglie i sinistri di torno (elettoralmente parlando).

Ritratto di navajo

navajo

Mer, 27/03/2019 - 17:10

E i possesso di arma impropria?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 27/03/2019 - 17:42

Tutto nelal normalità. Tra poco esce.

blackbird

Mer, 27/03/2019 - 18:57

@ dagoleo: Non è detto che lo abbiano privato della bottiglia, forse è stata posta sotto sequestro, ma ridata in custodia al signore venuto dall'est (est si può dire o è pregiudizio razzista?).

blackbird

Mer, 27/03/2019 - 19:00

@ navajo: scusi, ma non mi pare che e manette siano considerate armi. Forse tortura se avevano stretto troppo i polsi fino a non consentirgli di sfilarlsele agevolmente. Armi improprie no, non credo propio.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mer, 27/03/2019 - 19:35

Se avessi un euro per ogni "denuncia a piede libero" fatta a rumeni in Italia, comprerei una villa del Palladio con parco secolare e riserva di caccia e mi resterebbero soldi per mantenerla per un secolo.

Blueray

Mer, 27/03/2019 - 19:35

La tutela del delinquente è fondamentale da noi. Sembra che si voglia quasi saggiare le capacità di costoro alla reiterazione dei reati. Inoltre si incentiva anche la volontà operativa delle forze dell'ordine (cosa li catturiamo a fare?), si costruisce sicurezza nel contesto sociale si migliora il rapporto fiduciario del cittadino con le istituzioni, in particolare con la Magistratura. Bene, ottimo lavoro, nel Paese di Pulcinella!

Ritratto di Lissa

Lissa

Mer, 27/03/2019 - 22:49

@ mbferno, ci dovremo togliere dalle p....e, certi "magistrati democratici"

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 27/03/2019 - 23:16

Quel tizio in Bulgaria per un fatto simile avrebbe visto i sorci verdi.

Ritratto di navajo

navajo

Gio, 28/03/2019 - 09:24

Blackbird, c'è poco da fare lo spiritoso,. l'arma impropria è il coccio di bottiglia affilato con cui avrebbe potuto tagliare la gola a qualcuno.

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 28/03/2019 - 12:47

blackbird 19:02 scrive : "navajo: scusi, ma non mi pare che e [le] manette siano considerate armi" - - - Scusi sig. uccellonero, lei è sicuro di capire quello che legge ? L'arma impropria a cui si riferisce navajo è il "coccio di bottiglia affilato" (2a riga dell'articolo) + "una volta a terra ha iniziato a dare in escandescenze, tentando di rivoltare l’arma improvvisata contro gli uomini in divisa" (penultimo capoverso). – (2° invio)--