"Salah era stato fermato per droga"

Salah Abdeslam, l’estremista franco-belga ricercato per gli attacchi di venerdì scorso a Parigi, in febbraio fu fermato per possesso di hashish a Gorinchem, nel sud dei Paesi Bassi

Salah Abdeslam, l’estremista franco-belga ricercato per gli attacchi di venerdì scorso a Parigi, in febbraio fu fermato per possesso di hashish a Gorinchem, nel sud dei Paesi Bassi, brevemente trattenuto e infine rilasciato per via della modica quantità di droga che aveva con sè: lo hanno riferito fonti della polizia olandese, secondo cui il 26enne se la cavò con una multa da 70 euro. Pagata la sanzione, gli fu consentito di proseguire: «non sussistevano basi legali per indagini più approfondite», hanno spiegato le fonti. A loro dire, Salah era a bordo di un’auto con targa belga, in compagnia di uno dei suoi fratelli e di una terza persona. Non è stato specificato di quale fratello si trattasse. Uno, Ibrahim, era tra i kamikaze fattisi saltare in aria
cinque giorni fa nella capitale francese. Un altro, Mohammed, è stato arrestato ma poi liberato perchè risultato estraneo ai fatti. Ieri ha lanciato un appello a Salah affinchè si arrenda.