Salerno, ambulanti senegalesi attaccano finanzieri durante controllo

I militari, in borghese, avevano avuto "l'ardire" di sottoporre ad un controllo la merce venduta da un senegalese, palesemente contraffatta e destinata al sequestro. Durante questa fase, tuttavia, i finanzieri sono stati aggrediti dai connazionali dello straniero

Fermati per un controllo da parte di uomini della guardia di Finanza di Salerno in borghese, reagiscono con violenza e li aggrediscono dando origine ad una violenta colluttazione in pieno centro cittadino e davanti agli occhi attoniti dei numerosi passanti presenti in quegli attimi.

Ancora una volta a ribellarsi alle verifiche da parte delle autorità sono dei venditori ambulanti stranieri, in questo caso un gruppo di individui di nazionalità senegalese, intervenuti per respingere i finanzieri che avevano "osato" fermare un connazionale impegnato nella vendita di merce palesemente contraffatta.

L'episodio a cui si fa riferimento si è verificato durante la serata di ieri, sabato 14 dicembre, nelle vicinanze di corso Garibaldi, in una città densamente popolata da residenti e turisti, attirati dai mercatini di Natale e dalla manifestazione Luci d'Artista.

Nel marasma generale anche una pattuglia di uomini della locale guardia di Finanza in borghese, a bordo di un'autovettura sprovvista di insegne e lampeggianti così da rendere possibile in qualunque momento la realizzazione di un blitz ed evitare che i sospetti potessero dunque allontanarsi alla vista di elementi distintivi della categoria.

Nel loro mirino è entrato un venditore ambulante senegalese irregolare, in possesso di merce contraffatta, che è stato fermato e sottoposto ad un immediato controllo. Dopo aver verificato gli oggetti in vendita, i militari hanno provveduto alla fase successiva, ovvero la confisca, un'operazione, questa, che ha scatenato la furia degli altri ambulanti extracomunitari, connazionali del venditore fermato.

Gli stranieri hanno aggredito i finanzieri, originando così una violenta colluttazione. Numerose le segnalazioni d'intervento inoltrate alle forze dell'ordine, anche da parte dei cittadini che si sono trovati ad assistere alla scena. Sul posto gli uomini del Norm di Salerno, quelli della questura e numerosi vigili urbani, che sono riusciti a riportare la situazione alla normalità.

Il rappresentante sindacale Fiadel Csa Angelo Rispoli, vigile urbano, chiede maggiori garanzie per i rappresentanti delle forze dell'ordine. "Per garantire sicurezza dobbiamo essere messi in condizioni oggettive di sicurezza attraverso il potenziamento dell’equipaggiamento. Abbiamo gli spray scaduti", racconta Rispoli come riportato da "Ottopagine". "È necessario il potenziamento dei nuclei e riteniamo necessaria la sperimentazione, a Salerno, del taser", conclude.

Il consigliere comunale Antonio Cammarota rilancia: "Dopo aver appreso e conosciuto i termini della vicenda, credo sia opportuno interrogare immediatamente il comandante della polizia municipale per conoscere e capire per quale motivo e dotazioni di sicurezza dei vigili urbani sono insufficienti e inadeguate", annuncia. "In particolare, come riferito nel corso dell’audizione in commissione trasparenza, non sono disponibili nè gli spray nè le dotazioni di sicurezza, e la radio di ordinanza sulle auto non è efficace. In qualunque città, non solo europea, la sicurezza è la precondizione", ribadisce.

Commenti

Brutio63

Dom, 15/12/2019 - 14:25

Le risorse al lavoro per pagare le nostre pensioni! Banda di pirla venduti hanno trasformato le nostre città d’arte in suk e centrali di spaccio e prostituzione a cielo aperto, Vergogna!

venco

Dom, 15/12/2019 - 14:33

Gli stranieri che aggrediscono forze dell'ordine vanno reclusi fino al loro rimpatrio.

killkoms

Dom, 15/12/2019 - 14:44

li pacifici migranti!

sr2811

Dom, 15/12/2019 - 17:36

Ma quale taser non serve basta rimandarli a casa loro e non farli venire