Salerno, paziente malato di scabbia contagia medici e infermieri in ospedale

Avviata immediatamente la profilassi, i dirigenti sanitari hanno ridotto i posti letto nel reparto, per evitare un’epidemia, e sono corsi ai ripari isolando le persone che hanno contratto la malattia

È emergenza scabbia all’ospedale Martiri del Villa Malta di Sarno, in provincia di Salerno. Un paziente, giunto nel nosocomio salernitano con la malattia in stato avanzato, ha infettato medici e infermieri. Avviata immediatamente la profilassi, i dirigenti sanitari hanno ridotto i posti letto nel reparto, per evitare un’epidemia, e sono corsi ai ripari isolando le persone che hanno contratto la scabbia.

L’evento inaspettato, intanto, ha procurato disagi alla struttura ospedaliera. Non sono possibili i ricoveri in terapia intensiva perché l’infezione ha ridotto i camici bianchi in servizio. L’allarme in corsia è scattato quando delle vistose macchie e bolle sono comparse sugli arti dell’uomo ricoverato nel reparto di cardiologia. Sottoposto ad ulteriori accertamenti, con osservazione di segni e sintomi, è risultato affetto da scabbia.

Nel giro di poche ore gli stessi sintomi sono stati riscontrati anche nei medici e negli infermieri che sono stati a contatto con il paziente. La preoccupazione ora riguarda le altre persone che sono entrate nel reparto ospedaliero negli ultimi giorni. Nelle intenzioni dello staff sanitario c’è l’idea di richiamare i potenziali ammalati in ospedale per essere sottoposti ad accertamenti al fine di verificare un eventuale contagio.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

Commenti
Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 12/09/2019 - 11:15

ovviamente se ne guardano bene da dire la nazionalita' del portatore di scabbia....cè la privacy europea!!

Scirocco

Gio, 12/09/2019 - 11:20

Chissà come mai che fino a pochi anni fa la scabbia non si era mai sentita nominare in Italia. Prepariamoci all'ebola, febbre gialla, avitaminosi,colera, malaria, sifilide e tutte le malattie infettive che saranno i prossimi doni che porteranno all'Italia gli immigrati.

Epietro

Gio, 12/09/2019 - 11:22

E ti pareva che non riducessero i posti letto nel reparto, così i malati diminuiscono e si lavora .....

Alessio2012

Gio, 12/09/2019 - 11:52

E MENO MALE CHE CI SONO DELLE MEDICINE CONTRO L'HIV, ALTRIMENTI ERAVAMO GIA' TUTTI MORTI, GRAZIE ALLA RISORSE...

Umby20156

Gio, 12/09/2019 - 12:20

Scirocco hai dimenticato la tubercolosi che è già in più rapida diffusione: mia moglie, operatrice sanitaria in consultorio familiare (ostetricia-ginecologia), fa regolarmente i controlli ravvicinati causa aumento dei rischi (assieme quelli soliti tipo HIV ecc.) dovuti all'aumento dell'assistenza ai clandestini... pardon... migranti-naufraghi

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Gio, 12/09/2019 - 12:58

Prepariamoci a delle belle epidemie gentilmente offerte dai nostri carissimi FRATELI e SORELE diversamente pigmentati. Grazie PD/M5S!

Una-mattina-mi-...

Gio, 12/09/2019 - 13:02

SICURAMENTE UNA MALATTIA PORTATACI DAGLI ESQUIMESI

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 12/09/2019 - 13:18

Naturalmente la malattia è stata portata da un autoctono che ha infettato un clandestino che a sua ha infettato i medici.......il clandestino era sano ma un pò debole per via delle guerre e della fame patita quindi un soggetto debole che è stato infettato da un italiano che non si lavava le mani.Smentitemi! ...oppure è più facile dire che il clandestino era già malato di suo e

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 12/09/2019 - 13:19

Sono curioso: di che nazionalità è il paziente ARRIVATO malato ?

killkoms

Gio, 12/09/2019 - 13:26

prepariamoci al peggio!