Salerno, scuole paritarie fantasma rilasciavano centinaia di falsi diplomi

Diversi istituti paritari nella zona di Salerno, in Campania, sono finiti al centro di uno scandalo per aver rilasciato diplomi falsi a bidelli e assistenti scolastici emigrati poi al centro-nord e soprattutto in Veneto, al momento sono in corso indagini approfondite

A Salerno, in Campania, diversi istituti paritari sono finiti al centro di uno scandalo per produzione di documenti e titoli falsi e sono ora sotto indagine. Alcune scuole paritarie nella zona di Salerno avrebbero, infatti, prodotto e rilasciato centinaia di diplomi falsi a bidelli e personale di segreteria, che poi emigrava in gran parte al centro-nord, soprattutto in Veneto.

Le indagini sono partite e si sono sviluppate proprio dal Veneto e da altre zone del centro-nord, dove l'Ufficio Scolastico regionale a iniziato ad indagare su alcune scuole campane, dal momento che moltissimi dipendenti scolastici del luogo avevano conseguito il diploma di qualifica triennale col massimo dei voti proprio in istituti paritari della Campania, che si trovano ora sotto indagine.

Si tratta di alcune scuole partitarie "fantasma", dei veri e propri "diplomifici", che non avrebbero mai ricevuto il decreto di riconoscimento di scuola paritaria autorizzata a rilasciare questi certificati, ma che sfornavano comunque titoli su titoli.I diplomi emessi da questi istituti di Salerno permettevano l'inserimento nelle graduatorie di istituto 2018-2021 del personale Ata, che comprende bidelli e assistenti di segreteria.

In particolare, due istituti sono finiti nel mirino degli Uffici Scolastici preposti, il De Sanctis e il Vanvitelli, che era già noti all'amministrazione campana e che erano già stati oggetto di indagine per erogazione di diplomi non regolari. A queste due scuole se sono però aggiunte altre che si trovano al momento al centro dell'inchiesta, sono il Luca Pacio di Nola e il Primo Levi di Agropoli, sempre nella zona di Salerno. Queste scuole hanno già ricevuto la revoca di status di scuola paritaria.

L'inchiesta, dunque, si sta allargando e ampliando sempre di più, proprio per questo è molto probabile che tanti altri istituti paritari di Salerno e in generale della Campania finiscano nei mirino dei controlli delle amministrazioni, come pure scuole di altre parti d'Italia.