Salvini canta "io vagabondo" . Poi scherza: "Gli unici nomadi che ci piacciono"

Matteo Salvini canta "Io vagabondo" dalla festa di Caravaggio, in provincia di Bergamo. Poi la battuta: "Sono gli unici nomadi che ci piacciono"

Il video ha fatto il giro della rete. E immortala un Matteo Salvini cantante dei Nomadi. La sua interpretazione di "Io vagabondo" è stata registrata dal cellulare durante la festa di Caravaggio, in provincia di Bergamo.

Dopo aver finito il coro insieme ad alcuni ragazzi, il ministro dell'Interno si è lasciato andare ad una battuta sullla questione rom. Quella che nelle scorse settimane ha tenuto banco nell'agenda politica tra richieste di censimenti e accuse di razzismo da parte di tutta la sinistra.

Alla fine di "Io vagabondo", Salvini ha scherzato con i giovani presenti alla festa di Caravaggio. "Questi - ha detto - sono gli unici nomadi che ci piacciono...". Il video, finito su Facebook, è stato condiviso su Facebook dal musicista che ha suonato la canzone sul palco della festa.

Il leghista domani sarà a Pontida per la storica festa della Lega. Dove sono attese novità: Quella che si riunisce a Pontida - ha detto Salvini - "è una Lega che unisce e che cresce: il mio obiettivo è di trasformarci anche in una forza europea, in una forza internazionale, che superi i confini regionali e nazionali e porti libertà, lavoro e sicurezza a tutti i popoli europei".