"Con gli sbirri devi stare zitta". L'omertà sullo stupro al centro sociale

In tre la stuprano per festeggiare la cacciata dei fascisti da Parma. Le violenze vengono filmate e fatte girare per umiliarla. E il centro sociale copre i tre compagni

"Mi sono svegliata su un tavolo di legno, i vestiti buttati a terra, sul mio corpo i segni di quello che mi avevano fatto...". I compagni della "Raf", la rete antifascista di Parma, l'hanno stuprata nel centro sociale mentre festeggiavano, come ogni 12 settembre, la cacciata delle camice nere dalla città. Sei anni fa, quando si è consumata la violenza sessiale, Claudia aveva 18 anni. Ma come racconta oggi Repubblica, il processo contro i tre stupratori è iniziato solo oggi. Finora i compagni sono stati protetti da un incredibile muro di omertà.

L'hanno stuprata per un'intera notte. In tre, forse di più. I compagni hanno abusato di lei, un'amica, dopo averla drogata. Il tutto filmato da un cellulare per immortalare quell'orrore sessuale. E quando Claudia si è rivolta alla polizia per denunciare quanto accaduta è stata emarginata. Le sue amiche l'hanno bollata come un'"infame" e non le hanno più parlato. Eppure, come racconta Repubblica, "per tre anni, dal 2010 al 2013, erano stati tanti (e tante) i compagni e le compagne che avevano visto quel video, girato con un vecchio Nokia, e dove Claudia (naturalmente il nome è di fantasia) viene addirittura chiamata con un nomignolo che allude, e qui l'orrore è massimo, ad atti ancora più brutali durante la violenza. Ma nessuno aveva rotto il silenzio, quasi fosse più importante difendere il movimento da incursioni di polizia e carabinieri, piuttosto che denunciare lo stupro e solidarizzare con la vittima".

Claudia si risveglia dall'incubo dello stupro all'alba. "Ripresi i miei vestiti e me ne andai - racconterà più avanti agli inquirenti - lì dentro non c'era più nessuno". I compagni l'hanno abbandonata a terra. Come un pezzo di carne masticato e poi sputato. Inizialmente non denuncia. E così gli stupratori, come denunciano le "Romantic Punx" sul blog Abbatto i muri, "continuano a frequentare cortei, manifestazioni, ridono, bevono birra, escono con ragazze, nonostante giri un video in cui fanno sesso con una donna che sembra morta". Il 30 agosto del 2013, quando una bomba carta scoppia accanto alla sede di CasaPound, i compagni della Raf finiscono nell'occhio del ciclone. Anche Claudia viene interrogata. Ma subito si chiama fuori spiegando che da quel mondo si è allontanata "dopo una brutta storia". E quella brutta storia, finalmente, viene fuori.

L'anno scorso, in seguito alla denuncia di Claudia, finiscono ai domiciliari Francesco Cavalca (25 anni), Francesco Concari (29 anni) e Valerio Pucci (24 anni). La ragazza viene, quindi, contattata dai compagni che la minacciano e la insultano. "Con gli sbirri - le dicono - devi solo tacere". Pretendono che lei "alleggerisca" le dichiarazioni. Tanto che i giudici fanno partire un'altra indagine, questa volta per favoreggiamento. "Uno stupro è sempre un atto fascista - dice qualcuno - anche se chi lo commette si dichiara antifascista". Ma opporsi tra i compagni sono davvero pochi.

Commenti

Libertà75

Ven, 16/12/2016 - 11:29

il peggior fascista è l'antifascista per definizione

giovanni PERINCIOLO

Ven, 16/12/2016 - 11:34

Quante altre vittime hanno taciuto??? I centri a-sociali sono uno schifo che andrebbe eliminato immediatamente ma tant'é, ai compagni tutto é permesso e, se del caso, perdonato. E a fare ancora più schifo dei compagni sono le compagne, presunte femministe che fanno pure pena per la loro ignavia.

Lapecheronza

Ven, 16/12/2016 - 11:39

Adesso un giudice condannerà la ragazza per aver diffuso il filmato senza autorizzazione. Cosa dicono i compagni ? Altri compagni che sbagliano ?

FRAGO

Ven, 16/12/2016 - 11:51

Perché la Boldrini non ne parla??

cir

Ven, 16/12/2016 - 12:04

aspetto con ansia i commenti di conviene , elkid, pontaldi ecc...

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Ven, 16/12/2016 - 12:07

BISOGNA CHIUDERLI A PRESCINDERE I CENTRI SOCIALI

vottorio

Ven, 16/12/2016 - 12:41

tutti sanno perfettamente che i "centri sociali" sono covi della peggiore feccia comunista che delinquono indisturbati, ma nessuno prende mai gli opportuni provvedimenti.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 16/12/2016 - 12:56

Si stava meglio quando si stava peggio.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Ven, 16/12/2016 - 13:12

I Centri Sociali sono centri di malessere che coinvolgono i giovani più deboli ed insicuri ; questi poi ,in branco, sono gestiti per disordini e tumulti cittadini .E' tutto ben noto a tutti .

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 16/12/2016 - 14:07

Caro cir 12e04, vedrai che i tre da te citati, saranno capaci di scrivere che si tratta di una BUFALA inventata dal Giornale o al massimo che si tratta di Kompagni che sbagliano. Buona giornata dal Nicaragua.

routier

Ven, 16/12/2016 - 14:48

Uno stupro non ha colore politico. E' sempre l'atto di vigliacchi compiuto dai più forti a danno della più debole e indifesa. In quanto tale va condannato a prescindere. Mi auguro che la magistratura, almeno per una volta, mostri il suo volto più severo!

veromario

Ven, 16/12/2016 - 14:54

bella feccia sono quelli che vogliono salvare l'Italia.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 16/12/2016 - 15:35

bisogna veramente lasciare l'Italia. Lasciarli soli, a gestirla da fancaxxisti ed extracomunitari. Chissà che marciume ritroveremo dopo vent'anni. Ma mi sa che non potremmo nemmeno entrarci in Italia, tra vent'anni sarà terra di ladri, rapinatori e stupratori, ma tutti drogati.....e noi continuiamo a girare per scoprire l'ultimo smartphone. Essì, il nostro problema, possedere ancora uno smartphone vecchio.

ilbarzo

Ven, 16/12/2016 - 18:32

Coloro che salutavano a braccio teso e mano aperta il famoso saluto romano,alla caduta del loro beniamino Benito Mussolini chiusero la mano a pugno, passando dal saluto fascista a quello comunista.Ecco quali sono i veri fascisti.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 16/12/2016 - 18:40

I votanti della sinistra, che brava gente.

Ritratto di liusstrale

liusstrale

Ven, 16/12/2016 - 19:12

Per questo tipo di reati di cui la politica è una scusa e un alibi aberrante, questi mostri non hanno diritto di vivere nel consesso umano. Poiché si può uccidere un uomo non solo uccidendo il suo corpo ma anche la sua anima questi mostri meritano l’ergastolo.

@ofuts

Ven, 16/12/2016 - 19:37

I giudici converrano che se l'è voluta.

Marcello.Oltolina

Ven, 16/12/2016 - 20:10

Voi stupratori e amica degli stupratori siete fortunati a vivere in Italia in altri paesi avreste subito la giusta punizione che bestie come voi si meritano.

Linucs

Ven, 16/12/2016 - 20:15

L'omertà è uno dei tanti valori tipici del comunismo.

guardiano

Ven, 16/12/2016 - 20:22

Loro sono responsabili e andrebbero radiati dalla società, ma penso che la responsabilità molto più grave sia da addebitare alle istituzioni che permettono l'esistenza di questi centri.

elpaso21

Ven, 16/12/2016 - 21:01

Sono solo compagni che sbagliano :-)

CesareGiulio

Ven, 16/12/2016 - 21:07

Ma questa storia di fascisti e antifascisti é surreale. É sotto gli occhi di tutti che i veri violenti sono gli antifascisti. Degli altri non si sente nemmeno piu parlare....

CesareGiulio

Ven, 16/12/2016 - 21:09

Sarebbero da mettere fuorilegge tutti centri sociali specie di sinistra. Fanno solo ed esclusivamente danni!!!!

killkoms

Ven, 16/12/2016 - 21:12

la feccia rossa!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 16/12/2016 - 22:27

Che bella gente nei centri sociali! Dei veri uomini, con tanto coraggio. e avete il coraggio di andare sempre in piazza a contestare gli altri? Contestatevi da soli, ma non vi fate schifo?

Ritratto di lucabilly

lucabilly

Sab, 17/12/2016 - 01:45

Centri sociali da radere al suolo.

massimopa61

Sab, 17/12/2016 - 02:45

Boldriiiiiiiiiiini dove sei???? Femminiiiiiiiiiiste dove siete? Aaahh dimenticavo, siete in Cina e nei paesi arabi a manifestare contro le violazioni dei diritti umani e delle donne in particolare. Tornate presto.

ilbarzo

Dom, 18/12/2016 - 18:03

Più che centri sociali,sono centri dove si annidiano i comunisti.