Sciacalli sulla polizia

V entunmila interventi al giorno, 650mila in un mese, quasi otto milioni all’anno. Se le nostre forze di polizia fossero quel branco di incapaci mal addestrati, come qualche sciacallo sostiene in queste ore dopo l’uccisione di due agenti nella questura di Trieste, nel giro di poche settimane dei centomila poliziotti in servizio resterebbe ben poco e ogni giorno avremmo un funerale di Stato. Basterebbero questi numeri per mettere a tacere le polemiche. Ma se volete ce ne sono altri che parlano dell’efficienza e della bravura dei ragazzi in divisa. A Trieste un controllo è andato storto, con le conseguenze drammatiche che conosciamo? Certo, è andato storto uno dei quattro milioni di controlli a persone che ogni anno vengono eseguiti, uno dei 16mila arresti (di cui mille in odore di terrorismo), una delle 67mila denunce. Come vedete, oltre al buon senso è la statistica a promuovere la preparazione dei nostri poliziotti. I quali non fanno un mestiere qualsiasi. Ogni minuto sono alle prese con il peggio della società e il più delle volte hanno pochi secondi per decidere se estrarre o no la pistola, se mettere o no il colpo in canna, se tendere la mano a chi hanno di fronte o metterlo nel mirino. Basta una esitazione, una distrazione e succede, in un modo o nell’altro, il patatrac. Chi siamo noi per giudicare il loro operato? Sono uomini, in divisa e armati, ma pur sempre uomini, e come tutti a volte stanchi, a volte stressati dal lavoro e dai loro problemi personali. Chi siamo noi per giudicarli sdraiati sul divano di casa - «ma come hanno fatto quei due lì a farsi fregare la pistola?» - sicuri che al primo allarme uno di loro verrà ad aiutarci, se non a salvarci, pur non sapendo se lo accoglieremo con un sorriso o con una bastonata? Come quando cade un aereo o un pilota schianta in corsa, gli incidenti non servono per processare i morti ma per aiutare i vivi migliorando di volta in volta regole e tecniche. Invece che imbastire squallidi processi sommari alle forze dell’ordine, concentriamoci sul fatto che un immigrato delinquente ha ucciso due nostri bravi poliziotti. E giù le mani da tutto il resto

Commenti

ilrompiballe

Dom, 06/10/2019 - 19:03

Perfetto.

faman

Dom, 06/10/2019 - 19:05

non sono certamente un branco di incapaci, ma nella vicenda di Trieste qualcosa non ha funzionato

Carlo36

Dom, 06/10/2019 - 19:25

Tutti coloro che favoriscono i mercanti di carne africana o di qualsiasi altra parte del mondo solo per guadagnare su chi prova a trascorrere alcuni anni di vacanze pagate in Italia a spese del popolo italiano (coop rosse e bianche, caritas, vaticano, centri sociali ecc) debbono essere denunciati e perseguiti per il grave danno erariale e disagio e pericolo sociale causato. ormai non c'è giorno senza violenze contro polizia, carabinieri, donne, ragazzine, anziani, cittadini inermi. L'Italia è un paese basato sulla democrazia? L'articolo 1 della costituzione dice che la sovranità appartiene al popolo, ma poi abbiamo il Guardiano della costituzione che stabilisce chi deve governare e chi no. Logico quindi pensare che in realtà sia una dittatura del Pdr e della magistratura da lui controllata. Tertium non datur. Incredibile quanto sta succedendo

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 06/10/2019 - 19:39

grandissima risposta !!

carlottacharlie

Dom, 06/10/2019 - 20:33

Gentile Sallusti, ho qualche anno più di lei e quando lei era in seconda media io avevo il doppio dei suoi anni ed assistevo alla deriva del paese vedendola con occhi da adulta. Cominciarono in quegli anni fine '60 le battaglie sinistre ad affossare le Forze dell'Ordine, erano sciacalli e li sono ancora, nei bacati non c'è mai un risveglio delle coscienze(?) immaginiamoci se potrà mai esserci un cervello sveglio. Il grande Gervasoni li definisce di subcultura rossa e mai definizione fu più precisa ed "azzeccata", in due parole ha scritto la loro storia. Queste scimmie violente e farabutte di rosso pelose non riescono nemmeno aver pietà, sono aliene di sentimenti e sanno solo odiare, non per niente son loro i fautori di violenza già che ne hanno date prove a iosa. Loro, ballano sui morti, piangono davanti ed alle spalle ridono. Sono bestie, solo bestie.

Uncompromising

Dom, 06/10/2019 - 20:45

Esattamente: un immigrato delinquente. Gente che non ha niente da perdere, che ammazzerebbe pure per una bicicletta, gente per cui la vita altrui vale ZERO. Altro che farsi le elucubrazioni mentali per capire se aveva problemi psichici, e procurargli un avvocato difensore: per difendere che? Noi piangiamo due agenti, due nostri angeli custodi, ma questo deve MARCIRE in galera.

maria angela gobbi

Dom, 06/10/2019 - 21:05

NO NO NO NON siamo sciacalli,io e tutti quelli che si arrabbiano.Noi che ci arrabbiamo amiamo Poliziotti e Carabinieri più di quelli che se la pendono col sig Rubio(mai visto,mai sentito nominare prima di questi giorni) Proprio su ilGiornale son riportati giornalmente casi di Poliziotti o Carabineri presi a calci,a pugni ecc.E' normale? E' tollerabile? Poliziotti e Carabinieri devono essere preparati,addestrati,BEN retribuiti,DIFESI legalmente

releone13

Dom, 06/10/2019 - 21:51

Caro sallusti detto che quei poveri ragazzi sono morti cercando di fare il loro lavoro e quindi meritano rispetto TOTALE... le polemiche servono a migliorare le cose.... Io ricordo che quando facevo il servizio militare lo smarrimento o il farsi sottrarre un arma o solo le munizioni comportava mancata consegna quindi processo e punizione di rigore da scontare ALLA FINE DELLA LEVA.... quindi se il motivo è fondine inadatte, materiali scadenti ecc ecc dovevano FARLO PRESENTE.... questa è la triste realtà

ex d.c.

Dom, 06/10/2019 - 22:55

Commento perfetto. Dovremmo però lasciare più libertà di manovra agli agenti in servizio, troppo spesso abbiamo la sensazione che le Manetti siano ai loro polsi

apostrofo

Dom, 06/10/2019 - 23:39

Finché dimostriamo "molta comprensione" per gli autori di questi episodi, continueremo a vederne sempre di più. La lotta alla Polizia è lotta contro lo Stato, di qualunque "colore" esso sia.

maria angela gobbi

Dom, 06/10/2019 - 23:52

"Quando cade un aereo o un pilota schianta in corsa, gli incidenti non servono per processare i morti ma per aiutare i vivi migliorando di volta in volta regole e tecniche." Questo ha scritto LEI,me questo vogliamo noi,altro che SCIACALLI

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Lun, 07/10/2019 - 02:53

Caro Direttore, ormai ho una certa età e la memoria comincia a vacillare, non mi ricordo cosa scrisse il senza stelle magiatore di cibo con le mani non lavate in occasione della cattura del terrorista islamico Anis Amri a Sesto San Giovanni nel 2016. Un attentatore che era sfuggito alle polizie di tutta Europa, Germania compresa. In quell'occasione chi aveva addestrato i due agenti eroi ? Masterchef ?

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Lun, 07/10/2019 - 06:43

Lo stato di polizia non piace a nessuno, ma un'Italia un po' più di polizia è indispensabile; specie in una realtà dove anni di irregolarità (in primis, immigrazione illegale sostenuta dai parlamnetari a bordo di navi straniere, che in un paese serio sarebbero processati per alto tradimento) hanno reso la società un caos. Ridate l'otgoglio a forze di polizia e forze armate, si tratta di giovani sani con spirito di sacrificio e di servizio (bne più alti di quello dei polititci) nonostante qualche inevitabile mela marcia.

nopolcorrect

Lun, 07/10/2019 - 08:36

"aiutare i vivi migliorando di volta in volta regole e tecniche." Giustissimo, cominciamo a farlo. Sia nel caso di Trieste che nel caso e povero Cierciello, in ogni caso, mentre un poliziotto perquisisce o ammanetta un altro deve già avere una pistola puntata sul malvivente e pronta a sparare. Poi naturalmente ci vuole una legge che protegga i poliziotti da una magistratura sempre pronta ad accusarli del famoso "eccesso di difesa personale".

45WO708

Lun, 07/10/2019 - 09:17

E chissà perché, gli sciacalli appartengono sempre a quella parte politica che, durante le manifestazioni di "protesta democratica", sputa insulta e lancia sassi ed altri oggetti ai poliziotti, quando non bombe carta o di altro tipo... Tanto sanno di non rischiare quasi niente, la Polizia non può reagire, e le rare volte che ne ha il permesso guai a loro... Facile sparare sulla Croce Rossa, vigliacchi senza onore!

steacanessa

Lun, 07/10/2019 - 09:37

Caro Direttore, la prego, inviti i suoi redattori a lasciar perdere il fornellaro mentecatto. È irrecuperabile come tutti coloro che frequentano il suo locale.

datomas

Lun, 07/10/2019 - 09:42

Rivincita per'le forze dell'ordine : astenersi come scorta per tutti I politici e parassiti del regime.La casta prendera'decisioni immediate:la paura fa 90.....

nopolcorrect

Lun, 07/10/2019 - 09:43

Imparare ad usare le tecniche e i metodi usati dalla polizia negli Stati Uniti, far addestrare i nostri da qualche sceriffo americano.

Ritratto di dlux

dlux

Lun, 07/10/2019 - 09:45

Il gioco della sinistra (perché, per quanto cinico e crudele, per loro di gioco si tratta) è semplice: fa di tutto perché fatti del genere avvengano per poi continuare l'opera di distruzione delle istituzioni, plasmando l'intera società secondo il loro criminoso e criminale modello. E ci stanno riuscendo. Bravi.

flgio

Lun, 07/10/2019 - 11:10

melius est abundare quam deficere Eppure a Roma "qualche politico e non" si scandalizzarono per l'uso eccessivo delle manette e della benda agli occhi. Gli agenti hanno pure pagato per quest'azione preventiva, ma chissà magari hanno salvato la pelle. La statistica avrà un valore, ma le morti di Roma e Trieste a breve distanza hanno lo stesso denominatore comune, tra l'altro ribadito dal Capo della Polizia, sulla statistica dei reati commessi dagli stranieri. Saranno casi isolati o un allarme emergente che la politica sta ignorando?

Libero 38

Lun, 07/10/2019 - 12:58

Egr.Direttore devo ammettere che quanto successo negli ultimi 2 casi mi fa venire qualche dubbio su come tutto poi sia finito in tragedia.Ammesso che ormai l'italia e' piena di criminali giunti da tutti i paesi del mondo,e che le decisioni della giustizia italiana in molti casi gli permette di fare quello che vogliono, non riesco a capire come un criminale possa rubare una pistola a un poliziotto per poi usarla per ucciderlo.

mariolino50

Lun, 07/10/2019 - 14:54

carlottacharlie Se vuole le forze dell'ordine come dice lei, ci sono vari esempi in paesi ex comunisti o che si dichiarano ancora tali, provi in Russia, Cina, Cuba, Corea, e anche in America, a togliere la pistola ad un poliziotto o militare, ma va bene anche la Polonia, ex Jugo e tutti gli altri. Poi però si lamenterebbe dello stato di polizia e della violenza anche mortale.

acam

Lun, 07/10/2019 - 15:23

caro alessandro io ho fatto presente quello che si vede alle frontiere e interpreto quello che il giornale pubblica della polizia. si sente un immigrato picchia due poliziotti un altro ammazza un caabiniare due immigrati malmenano poliziotti, a questo punto viene normale pensare che i ragazzi messi contro questi immigrati non siano molto preparati all'autodifesa. io sono del parere che gli alti ranghi di queste istituzioni debbano dare la possibilità di difendersi ai ragazzi che mandano in prima linea, il solo fatto che uno solo possa malmenare due o piu poliziotti mi sembra un paradosso. io un immigrato non lo farei avvicinare di piu che cinque passi o al dila di un'inferiata se solo si agitasse visti i precedenti sparerei, gli sciacalli sono altri...

Sabino GALLO

Lun, 07/10/2019 - 18:05

Che tristezza ! Tutti gli italiani degni di questo nome hanno espresso un grande dolore e chiedono giustizia ! Ma non mancano, come sempre, "altri, definiti egualmente italiani" che "si danno" alle polemiche ed a criticare Polizia, Carabinieri e tutte le altre Forze dell'Ordine che difendono il nostro Paese (nostra Patria!) ! Che tristezza !!

Ora

Lun, 07/10/2019 - 18:39

XCarlo36: Tutti coloro che favoriscono ecc.ecc. Sono d’accordo se hai le prove denuncia vengo anch’io con te.

sparviero51

Lun, 07/10/2019 - 19:04

DIRETTORE, LASCI SFOGARE LA PLEBAGLIA DI BALORDI SODALI DEI DUE ASSASSINI . NON MERITANO TANTA ATTENZIONE . SONO RIFIUTI TOSSICI DELLA SOCIETÀ CIVILE !!!

HARIES

Lun, 07/10/2019 - 19:12

Comunque, Egregio Direttore, se i numeri che lei ha dato sono esatti, allora c'è da preoccuparsi veramente. Un paese civile come l'Italia deve garantire maggiore sicurezza per il suo Popolo onesto e lavoratore. Quindi bisogna che lo STATO prenda seri provvedimenti per ridurre drasticamente quei numeri.

ilrompiballe

Lun, 07/10/2019 - 19:33

Mentre ho il massimo rispetto per le forze dell'ordine, altrettanto non posso dire dei politicanti beceri che fanno mancare loro i mezzi adeguati, presentandosi in grande spolvero solo ai funerali.

Ritratto di MattyGroves

MattyGroves

Lun, 07/10/2019 - 20:01

1. e cosa più importante. Rispetto e onore per due ragazzi morti. Che prendevano - al mese - meno della metà di Lei. (sarebbe bene ricordarlo ogni tanto). Lì con fondine di cartone. Ma dire che - ogni tanto - pure i loro capi, quelli che li mandano in giro così, abbiano qualche responsabilità è *violenza*. Ma in ogni caso, senza dubbi, la cosa che si deve avere è rispetto. Il resto evitate pure. 2. Peccato che il suo giornale, quello che Lei dirige, fosse impegnato nella difesa di crocefissi, tortellini, porti chiusi. L'assassino è cattolico, mangia maiale, non è arrivato in barcone. Loro, i due ragazzi morti a Trieste, la vita la sapevano. Meno di 2000 euro al mese. Lei quanto?

zen39

Lun, 07/10/2019 - 20:23

Caro Direttore, fanno fin troppo per come vengono trattati dai nostri governanti ed proprio il loro alto senso del dovere che produce risultati cosi elevati. Ma il potere ha sempre fatto affidamento su questo sentimento per non procedere speditamente all'attuazione di provvedimenti più efficaci alla loro incolumità. E' un difetto tutto italiano ? Non lo so, ma una cosa è certa: la nostra sinistra ha sempre remato contro da tempi preistorici. Coloro che accusano di scarsa efficienza hanno confuso le capacità con i mezzi. Ed lì la loro bravura, ottenere il massimo con pochi mezzi ma a tutto c'è un limite ed ora questo è arrivato. Che siano dotati di tutti i mezzi che servono perchè non solo è un dovere dello Stato ma perchè soprattutto se lo meritano.

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Lun, 07/10/2019 - 20:36

Ma da uno stato rappresentato da gente che vuole dare cittadinanze ed onoreficenza a chi sperona una vedetta della guardia di finanza e sta sempre dalla parte opposta a quella della polizia, cosa possiamo aspettarci.

Destra Delusa

Lun, 07/10/2019 - 23:04

ARTICOLO PERFETTO MA NON NEL CONTENUTO (ASSOLUTAMENTE CONDIVISIBILE) MA PERCHE' E' RIUSITO AD OTTENERE L'EFFETTO CERCATO E I COMMENTI LO PROVANO. Ha sapientemente sfruttato un fatto di sangue ed un commento per far credere che ci sia una frattura nel Paese pro/contro forze dell'ordine. Condivido totalmente le sue parole, non servono le statistiche per promuovere le nostre forze dell'ordine. Eppure anche io, CHE NON SONO ASSOLUTAMENTE UNI SCIACALLO, mi sono chiesto come è stato possibile che un fermato sia riuscito ad impossessarsi dell'arma di un agente. Credo che nell'indagine interna che verrà doverosamente fatta sarà posta la stessa domanda.

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Mar, 08/10/2019 - 09:45

Egr. direttore sono sostanzialmente d'accordo con la sua opinione, tuttavia un paio di riflessioni vorrei farle. Perché quando qualcuno viene arrestato non gli si mettono le manette (come succede negli USA)? Procedure inadeguate? Stante la prassi consolidata della magistratura di mettere sotto accusa le nostre forze dell’ordine per ogni minimo accenno alla violenza, che a volte è necessaria, non è che i nostri ragazzi hanno timore di adirvi per paura di essere incriminati e passare anni di guai giudiziari? Come dice giustamente basta una frazione di secondo per passare dalla routine alla tragedia. Quindi non è che si desideri criticare poliziotti o carabinieri, ma analizzare i fatti per cercare correttivi.

Ritratto di bimbo

bimbo

Mar, 08/10/2019 - 10:25

hihihhi la gente non sa quanto è fortunata, ma purtroppo se ne accorge troppo tardi..

Rugantino49

Mar, 08/10/2019 - 10:26

Anche in questo caso emerge l'abitudine italiana di giustificare sempre chi decide di delinquere e di dare sempre addosso a chi si sforza di difendere gli altri (le forze dell'ordine) o sé stesso (le vittime delle aggressioni) spesso con mezzi inadeguati e sempre col terrore di finire nel tritacarne giudiziario che, se tutto va bene, accerterà l'innocenza della parte offesa solo dopo vari lustri di traversie, per sostenere il cui costo avrà dovuto indebitarsi fino alle orecchie. Solo con una difesa SEMPRE presunta legittima ed interventi delle forze dell'ordine SEMPRE presunti corretti, per cui l'azione giudiziaria potrà scattare solo in casi di evidente scorrettezza di operato, si potrà limitare l'insicurezza sociale che ci sta distruggendo.

gedeone@libero.it

Mar, 08/10/2019 - 16:29

Caro Direttore, se si va in fondo alla cosa, sono sempre i sinistri che vanno contro le Forze dell'Ordine. Hanno il seme della delinquenza nel loro dna e, per assioma, i delinquenti non possono che odiare le Forze di Polizia

gedeone@libero.it

Mar, 08/10/2019 - 16:49

#Matty Groves, commento totalmente fuori luogo. Il Giornale è uno dei pochi quotidiano che si è SEMPRE schierato a favore delle Forze dell'Ordine. Sappia inoltre che gli emolumenti medi degli agenti non arrivano a superare 1.500 euro mensili straordinari compresi. Non vedo poi il nesso con lo stipendio del Direttore pagatogli non dallo Stato ma da un privato.