Scienze, caso unico: la tenia cancerogena uccide un uomo

Per i medici è un "caso mai visto". Una invasione di tenie "cancerogene" ha ucciso un colombiano di 41 anni. Un vero e proprio rompicapo per i medici della Us Centers ford Desease Control e la UK's Natural History Museum, che si sono trovati di fronte una forma rarissima di tumore

Per i medici è un "caso mai visto". Una invasione di tenie "cancerogene" ha ucciso un colombiano di 41 anni. Un vero e proprio rompicapo per i medici della Us Centers ford Desease Control e la UK's Natural History Museum, che si sono trovati di fronte una forma rarissima di tumore. Come racconta il tabloid britannicoMirror, la vittima, positiva all'Hiv, è stata stroncata dal verme solitario: i medici hanno letteralmente trovato un esercito di cellule cancerogene nel suo corpo, non di origine umana. La Hymenolepis Nana era entrata nel corpo dell'uomo riproducendosi velocemente. Per un caso più unico che raro, però, una delle uova della tenia si è rivelata cancerogena.

La novità risiede nel fatto che era finora sconosciuta la capacità delle tenie di sviluppare tumori e tanto meno il fatto che le sue cellule tumorali fossero in grado di spostarsi attraverso il corpo e attaccare gli organi dell’ospite. È la prima volta in cui si osserva una trasmissione delle cellule cancerose da un parassita all’uomo, anche se il paziente in questione era affetto da Hiv e quindi con le difese immunitarie particolarmente abbassate. L’Hymenolepis nana è il tipo di tenia più diffusa e infetta quasi 75 milioni di persone nel mondo. La minaccia posta da questo tipo di trasmissione del tumore è quindi reale, ma i medici ancora non sanno come affrontarla.

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 06/11/2015 - 13:10

Tenia cancerogena? Ricorda la politica del PD.