Scienziate col tacco dodiciPolemiche sulla campagnadella Comunità Europea

Siete modelle dalle gambe chilometriche, indossate tacchi altissimi e non potete fare a meno della cipria? La scienza potrebbe fare per voi

Siete modelle dalle gambe chilometriche, indossate tacchi altissimi e non potete fare a meno di un rossetto colorato e tanta cipria? Se la risposta è sì cosa aspettate, informatevi subito per iniziare una brillante carriera scientifica! La tesi non è molto convincente, eh? Eppure, a giudicare dal video di presentazione della campagna “Science is a girl thing”, sembra pensarla diversamente la Direzione Generale per la Ricerca e l'innovazione della Commissione Europa. Il progetto è stato presentato presso il Parlamento europeo e mira a “focalizzare l'attenzione sulla consapevolezza dell'uguaglianza dei generi anche nel mondo della ricerca scientifica“. Sui particolari dell’iniziativa non ci permettiamo di esprimere un giudizio ma certo che lo spot di promozione è alquanto discutibile. Va bene superare lo stereotipo dello scienziato versione nerd con gli occhiali spessi e i capelli dritti ma qui si va da un opposto ad un altro e il video sembra piuttosto una pubblicità di qualche prodotto di bellezza! Se ancora non avete cliccato sul link per curiosare vi anticipo che a personificare l’immagine delle scienziate moderne ci sono tre super modelle in abiti succinti e stile molto glamour. Diciamo che potrebbe essere un video molto apprezzato anche dal pubblico maschile. Ora non è per prendere una posizione femminista e, anzi, personalmente ho anche un debole per i tacchi alti ma da qui a farne il simbolo della femminilità e ad accostarlo all’idea di scienza ce ne vuole. Accidenti, forse solo Barbie sarebbe capace di tanto! Per non parlare della scelta grafica: al posto della “i” di science se aprite il sito dedicato all’iniziativa, noterete subito che è stata prontamente sostituita con un rossetto molto glamour. Non so perché ma ho il sospetto che le tante ricercatrici che lavorano nei vari laboratori europei non sarebbero così orgogliose di essere rappresentate in questo modo. Dopo un solo giorno di pubblicazione sul sito di you tube il video ha ricevuto 1779 non mi piace a fronte di solo 51 “like”. I commenti negativi sono stati talmente numerosi che la direzione generale per la Ricerca e l'innovazione della Commissione Europa si è vista costretta a rimuovere il video dalla pagina ufficiale. In una nota stampa ha poi spiegato che l’idea nasceva con l’intento di “incoraggiare le adolescenti di un'età compresa tra i 13 e i 18 anni a sviluppare un interesse per il mondo della scienza”. D’altronde si sa, il fine giustifica i mezzi. Resta da capire se questo new pink look attrarrà effettivamente piccoli nuovi geni fashion.
Commenti

ciaciaron

Mar, 03/07/2012 - 16:07

Accidenti che notiziona, bravi voi del Giornale, come informazione, al solito, non siete inferiori a nessuno. Il 36% dei ragazzi a casa senza lavoro avranno un po' più di speranza dopo questo articolo.

Albert1

Mar, 03/07/2012 - 17:30

@ #1 ciaciaron Accidenti che commento fuori luogo. Il Giornale parla già ampiamente e con più articoli della disoccupazione cosa vuoi che parli solo di quello? Come al solito c'è sempre il fenomeno che pur di dire qualcosa la fa fuori dal vasino. Adesso andrai nella sezione Gossip e Baggianate e sul primo articolo dirai la stessa cosa? Vai a leggerti Republichella 2000 và che lì invece hanno moltissimi argomenti per aumentare ed alimentare le speranze dei gggggiovani. Si si si, vai caro vai.

Ritratto di tinycricket

tinycricket

Mar, 03/07/2012 - 18:49

Fra i commenti al video, ne ho letto uno che sosteneva che tutto il capolavoro di comunicazione è costato 102000 euro. Può la redazione confermare? Se così fosse vorrei sapere perché si stanno facendo tanti sforzi per rimanere in Zona euro.

sirpaolo

Mar, 03/07/2012 - 20:58

ciaciaron: eh, che notiziona... pensa che sul FattoQuotidiano se ne parlava già qualche giorno fa, e il bello (non per te immagino) è che moltissimi dei commenti su quel giornale sono positivi nei confronti del video. Ma se è su FQ è una travagliata notizia da sviscerare, qui una ciofeca sallustiana... Laura Muzzi: il video ha come target le ragazzine 12-15enni che devono fare una scelta sulla scuola da frequentare! è del tutto irrilevante che piaccia o non piaccia alle attuali "scienziate", loro ormai hanno fatto la scelta. Esattamente come la pubblicità della 500, che ne esalta i nuovi colori modaioli, non è destinata agli operai del lingotto o ai titolari delle officine di autoriparazione, ma a quella fascia di giovani danarosi e fighetti che sono i probabili acquirenti di quella macchina. Dove poi tu abbia visto "abiti succinti" davvero mi sfugge... forse tu usi sempre pantaloni o gonne alle caviglie, ma io ho visto solo begli abitini talvolta corti, ma come se ne vedono tanti!

Zenofonte

Mar, 03/07/2012 - 21:25

il classico effetto scalda-sedia. Quei funzionari EU sono (ben) stipendiati ma non sanno più cosa inventarsi per giustificare la propria posizione lavorativa. Considerando la spesa per produrre il video e il costo degli stipendi di tali funzionari, suggerisco di mandarli a casa e utilizzare i fondi risparmiati per finanziare borse di studio riservate a donne attive e capaci in campo scientifico.

cgf

Mar, 03/07/2012 - 21:51

#1 ciaciaron DI NOME E DI FATTO +/- come quelli che pur di dire qualcosa alle scienziate guardano i tacchi e le gambe anziché la testa... forse per "abitutidine"?

sanchez

Mar, 03/07/2012 - 22:39

L'amore di sè non é un peccato tanto grave quanto la trascuratezza della propria persona (la frase non è mia) ovvero una donna che è o si fa bella è intelligente e se non lo fosse ci manca poco ecco perchè ci sono tante donne brutte e vecchie in giro. Se diamo l'europa in mano alla bellezza femminile tutto sarebbe più.........cosa? non lo so. ciao a tutti

sanchez

Mar, 03/07/2012 - 22:46

mi sfugge una cosa l'altezza del tacco è direttamente proporzionale alla mente femminile

MMARTILA

Mer, 04/07/2012 - 07:38

El ciaciaron de noantri...gà capì un casso de l'articolo!