Sciopero 8 marzo, a Milano circolazione regolare. Disagi invece a Roma

A Milano qualche rallentamento e deviazione in superficie dove sono in corso cortei nelle zone del centro. La metro circola invece regolarmente

A Milano lo sciopero generale nazionale indetto dal sindacato Usb non sta dando disagi ai servizi Atm. L'azienda dei trasporti ha riferito che la circolazione sulle metropolitane è regolare.

Qualche rallentamento e deviazione però in superficie dove sono in corso cortei nelle zone del centro. Per quanto riguarda invece le linee ferroviarie, "la lunga percorrenza di Trenord, potrebbero subire ritardi, variazioni e/o cancellazioni", riferisce l'azienda in una nota. "I collegamenti aeroportuali 'Milano Cadorna - Malpensa Aeroporto' e 'Malpensa Aeroporto - Bellinzona', in caso di non effettuazione dei treni, saranno sostituiti da autobus Point-to-Point. Saranno rispettate comunque le fase orarie di garanzia (6-9 e 18-21).

Il blocco dell'attività lavorativa è stato promosso in tutto il mondo dal 'Movimento internazionale delle donne' per sollevare l'attenzione contro la violenza sulle donne. Ad incrociare le braccia saranno soprattutto i lavoratori dell'Usb. Ad ogni modo, dalla protesta saranno interessati anche i comparti sanità e scuola. In particolare, si fermeranno, dalla mezzanotte di stasera, gli uomini radar dell'Enav, gli assistenti di volo Alitalia, e gli addetti ai treni.

I disagi per chi viaggia saranno inevitabili anche se Trenitalia ha assicurato la regolarità delle Frecce e dei treni regionali nelle fasce orarie più frequentate. Si fermeranno anche i taxi, con modalità diverse a seconda delle città e sempre rispettando le fasce di garanzia.

Disagi più grossi a Roma, l'Atac comunica che la metro A e B/B1 sono attive ma con riduzioni di corse mentre la metro C è regolare.

Commenti
Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 08/03/2018 - 12:20

ritardi, variazioni e/o cancellazioni per trenord sono la regola, si rendono pateticamente ridicoli ogni volta che dicono sia per uno sciopero. lavorassi per loro chiederei i danni per le figure di schifo che mi farebbero fare con migliaia di persone.

schiacciarayban

Gio, 08/03/2018 - 12:56

Chissà come mai quando c'è da fare una cippa, a Roma tutti a scioperare, a Milano non se ne è accorto nessuno! E poi ci stupiamo se la bufala del reddito di cittadinanza è stato un successone!!

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Gio, 08/03/2018 - 13:10

1/2 Quest’Occidente, già patria della democrazia, dove l’emancipazione delle donne, grazie al cristianesimo, ha fatto passi da gigante, è governato da gente rincitrullita dal politicamente idiota o da maschilisti in mala fede. Sciopereranno le spose bambine? Sciopereranno le serve indiane delle mogli degli sceicchi? I cultori dell’idiozia politicamente corretta l’hanno dimenticata; di sicuro non l’hanno dimenticata le serve indiane, quella loro compagna uccisa a bastonate dalla «padrona» moglie di un nababbo del petrolio. Sciopereranno le vittime della tratta della prostituzione? Ma la violenza è anche contro i maschi. Sciopereranno i bambini che lavorano nelle miniere? O i minoro, che giunti in Italia, spariscono e, quando va bene, finiscono a chiedere l’elemosina per i loro «protettori»?

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Gio, 08/03/2018 - 13:11

2/2 Non so nelle altre nazioni europee, ma in Italia le donne, soprattutto le più anziane e le meno abbienti, sono molto meno motorizzate dei maschi. Si muovono quasi tutte con i mezzi pubblici. Lo sciopero «contro la violenza sulle donne» colpisce soprattutto le donne. Si può essere più idioti o in mala fede di così?

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 08/03/2018 - 13:38

In pratica come un giorno senza scioperi.

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Gio, 08/03/2018 - 14:12

-->schiacciarayban/ La realtà è che a Roma si lavora per vivere, a Milano si vive per lavorare. Buon divertimento, eh.... :-)

GioZ

Gio, 08/03/2018 - 14:21

Che palle!

Fjr

Gio, 08/03/2018 - 17:15

E stavolta niente neve ma quando si tratta di lavorare.....

Fjr

Gio, 08/03/2018 - 17:16

A Milano si vive per lavorare e come al solito pagare