Sciopero dei taxi contro Uber e Ncc. Nencini: "Mobilitazione ingiustificata"

Taxi fermi dalle 8 alle 22 in tutta Italia. Presidio a Porta Pia

Giornata di sciopero nazionale per i tassisti. La circolazione sarà interrotta in tutta Italia dalle 8 alle 22. A Roma ci sarà un presidio, dalle 10.30 alle 18 a Porta Pia, al quale parteciperanno delegazioni provenienti da tutte le regioni. La decisione è stata presa dopo l'incontro al Ministero dei Trasporti.

"Le proposte che il governo ci ha presentato sono irricevibili soprattutto per quanto riguarda il principio della territorialità e il rientro in rimessa per gli Ncc", ha dichiarato Valter Drovetto, vicesegretario dell’Ugl Taxi.

Il viceministro delle infrastrutture e dei Trasporti, Riccardo Nencini al termine della riunione ha ricordato tutti i passi che il governo intende compiere per regolare il mercato e ha definito "ingiustificato" lo sciopero. "Negli ultimi tre mesi si sono tenuti al Mit ben cinque incontri con i rappresentanti di Ncc e Taxi per esaminare i principi base del riordino de settore. L'obiettivo che il governo intende raggiungere è regolare il mercato perché i servizi resi ai cittadini siano più efficienti e adeguati alla domanda", ha affermato Nencini.

"È nostra intenzione - ha continuato il viceministro - perseguire questo obiettivo superando le varie forme di abusivismo, regolamentando le piattaforme tecnologiche, promuovendo su base regionale il servizio Ncc e confermandone la natura pubblica, favorendo il contingentamento delle licenze di Taxi ed Ncc in base alle indicazioni che perverranno dalle Regioni, aprendo alla possibilità per taxi ed Ncc di partecipare a gare per il trasporto pubblico locale nelle aree a domanda debole".

I rappresentanti dei tassisti sostengono che le misure del governo hanno deregolamentato il servizio pubblico dei taxi aprendo il mercato alle multinazionali e favorendo concorrenti come Uber.

Commenti

WSINGSING

Mar, 21/11/2017 - 11:33

La lobby dei tassisti è la più forte d'Italia. Città come Roma o come Milano sono state poste in ginocchio dai vetturini. Di uno sciopero dei liberi professionisti non se ne accorge nessuno.

cir

Mar, 21/11/2017 - 13:28

uber deve essere massacrata !!!

Fjr

Mar, 21/11/2017 - 14:22

Si chiama libero mercato la lobby dei tassisti non è esente dalla cura ,si chiama concorrenza, da anni i commercianti piccoli e grandi combattono contro gli indiani,i cinesi, i tunisini ,i turchi ,adesso tocca a voi e considerate che avete solo due concorrenti,Uber e ncc ,questi ultimi non sono solo da due giorni nel giro,quindi rimboccatevi le maniche ,iniziate a fare funzionare i pos ,visto che sembra abbiano sempre l’influenza e sono quindi inutilizzabili e le ricevute fiscali se possibile non comuni pezzi di carta senza valore,grazie