Sciopero trasporto pubblico

Fermi metro, autobus e tram in tutto il territorio nazionale, con orari diversi da città a città

Giornata di forti disagi per chi viaggia con i mezzi di trasporto pubblico. A rischio bus, tram e metro per uno sciopero nazionale nel settore proclamato dal sindacato Fast Confsal. Attivate le fasce di garanzia, con differenze di orario a seconda delle città.

A Roma chiusa la "Metro A", corse ridotte per tram, bus e ferrovie. Nella capitale lo sciopero è iniziato alle 8.30. Garantito il servizio dalle 17 alle 20. Allo sciopero proclamato da Fast Confsal se ne aggiunge un secondo proclamato da Filt-Cigl, Fit-Cisl e UilTrasporti per i dipendenti della Trotta Bus Services del Consorzio Roma Tpl che riguarda le linee 077, 218, 702, 720, 721, 764, 767 e 768. "Metro B" regolare, ferrovia Roma-Viterbo regolare, Roma-Lido attiva con riduzione di corse, così come la Ferrovia Termini-Giardinetti.

A Milano l’agitazione sindacale è prevista dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio.

A Napoli mezzi pubblici fermi quasi del tutto. Servizio minimo garantito per le fasce orarie 5,30–8,30 e 17-20.

A Torino il servizio è garantito dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15; per la metropolitana, funzionamento regolare dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15. Autolinee extraurbane, da inizio servizio alle 8 e dalle 14,30 alle 17. 

Commenti

Nagy Bernadett

Lun, 03/06/2013 - 11:08

Basta con sciopero la gente diventa pazza per arrivare al posto di lavoro, gia mezzi sono sempre in ritardo o sporchi. Milano la metro qualcuno si suicida e tutti al aria. Dovrebbeno mettere controllori per biglietti su treni (ma non solo dormire lavorare) maggior parte la gente non paga ne anche e chi paga biglietto salatissimo. Una vergogna.

linoalo1

Lun, 03/06/2013 - 12:40

Qualcuno ha chiesto ai lavoratori che scioperano se sono d'accordo con lo sciopero?O,come sempre,lavoratori e cittadini debbono accettare la volontà di pochi solo perché stanno sopra?Lino.

angelomaria

Lun, 03/06/2013 - 15:00

tutto per dare una mano allo sviluppo VERO!il lupo perde il pelo ma' non il vizio AMMAZZIAMO IL LUPO!!!!!

angelomaria

Lun, 03/06/2013 - 15:03

loro lo fanno per il bene del LORI RENDICONTO com ilPD solo quello che va nelle tasche loro e'O.K.tutto resto?????!!!!!losappiamo!!

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Lun, 03/06/2013 - 15:25

Ma perchè non facciamo come in Austria: divieto di sciopero nei servizi pubblici essenziali (sanità e trasporti), da mettere in Costituzione, e così finisce questa indegna farsa degli sciperi, che oltretutto non serve neanche ai lavoratori del settore: i loro colleghi d'oltralpe guadagnano di più anche senza fare scioperi, dimostrando che le retribuzioni non dipendono dagli sciperi, ma dalla produttività e dalle risorse disponibili ... Non vi sembra?