Scoperta a Bari un'antica necropoli

Il ritrovamento durante i lavori per un giardino pubblico

Una straordinaria scoperta quella fatta a Ceglie del Campo, un quartiere di Bari. Ad essere riportata alla luce una necropoli romana. I resti risalgono ad un periodo compreso tra il V e il III secolo avanti Cristo.

I reperti sono stati scoperti duranti i lavori per la realizzazione di un giardino pubblico nella zona periferica della città. Scavando, però, sono emerse alcune antiche sepolture di un valore archeologico inestimabile.

Ora i reperti saranno analizzati e catalogati dalla "soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bari", nel laboratorio di restauro a Palazzo Simi, che ha chiesto di estendere l'area di scavo. Chissà quanta storia ancora si nasconde.

Cambierà anche il progetto per la realizzazione del giardino pubblico di via Manzari. Pare sia prevista un'area verde, ma, potrebbe anche sorgere un sito archeologico.

Ad annunciare l'importante scoperta a ridosso delle mura ellenistiche, una nota congiunta del Comune e della Soprintendenza in cui si spiega come "nelle scorse settimane sono stati effettuati dalla Soprintendenza saggi di scavo archeologico preventivo per la verifica del sottosuolo, per verificare la presenza di stratificazioni significative. È stata quindi intercettata un'area di necropoli con numerose sepolture a fossa nel banco calcareo".

Purtroppo è stato rilevato come alcune sepolture siano già prive di corredo, "asportato in passato da scavatori clandestini", come continua nella nota il sovrintendente Luigi La Rocca. Una di queste, però, per le sue caratteristiche monumentali, rappresenta un importante tassello per decifrare meglio la storia della comunità dei peuceti, una delle tribù degli Iapigi che abitavano la zona di Bari nel periodo antecedente la conquista da parte dei Romani. Come si legge sempre nella nota, si tratta di una "sepoltura intatta della fine del IV sec. a.C. di un soggetto femminile in posizione semicontratta, deposta con un corredo di vasi e terrecotte figurate di eccezionale fattura che consentono di decodificare il contesto storico di riferimento del tempo."