Scozia, uccide la figlia di tre mesi perché non smette di piangere

Un uomo di 22 anni è stato incriminato per omicidio colposo per aver gettato sul divano la figlia neonata che non smetteva di piangere

Un 22enne di Broxburn, in Scozia, è stato arrestato per omicidio colposo per aver ucciso la figlia di appena tre mesi scaraventandola sul divano perché la piccola non smetteva di piangere.

L'omicidio risale a circa un anno fa, quando il giovane papà, Traherne Williams, si trovava solo a casa con la figlia di pochi mesi in un paese non lontano dalla capitale Edimburgo. Nonostante i ripetuti di calmarla, la bimba non cessava di piangere, finendo per esasperare il genitore. Così il padre ha perso la testa e ha scagliato la figlia sul divano, causandole danni gravissimi.

Per settimane l'uomo ha fatto finta di niente con la compagna ma è bastato un controllo in ospedale per svelare tutto. La bimba era sempre meno reattiva e sembrava inappetente, per cui la madre ha deciso di portarla al pronto soccorso per capire cosa stesse succedendo. Il verdetto è stato inevitabile: la piccola aveva riportato gravissimi danni al cervello e nonostante il ricovero d'urgenza per lei non c'è stato nulla da fare. In pochi giorni la bimba è morta.

Ora, nonostante gli iniziali tentativi di insabbiare il tutto parlando di una caduta accidentale il 22enne è stato incriminato dalla corte di Sua Maestà per omicidio colposo. La sentenza è attesa per il mese prossimo.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Lun, 07/05/2018 - 14:57

stesso protocollo medico di Alfie???

Altoviti

Lun, 07/05/2018 - 18:08

Non diteci neanche questi fatti, ci bastano quelli di casa nostra.