Lo scudetto al San Lorenzo è un regalo per papa Francesco

Il San Lorenzo ha vinto il torneo Inicial 2013 dopo un drammatico 0-0 con il Velez Sarsfield. Il commento del Pontefice appena sveglio: "Que alegria!"

Un pareggio che a Buenos Aires vale un campionato e in Vaticano un regalo di compleanno particolarmente gradito. Il San Lorenzo, la squadra tifata da papa Francesco, ha vinto il torneo Inicial 2013 dopo un drammatico 0-0 con il Velez Sarsfield. "Que alegria!", ha esclamato, in lingua spagnola, il Santo Padre accogliendo di buon mattino la notizia che la sua squadra del cuore si era laureata campione d’Argentina.

Quella di ieri è stata una domenica particolare a Buenos Aires. In una delle serate più calde dell’anno la squadra del Pontefice è riuscita a pareggiare allo stadio  Josè Amalfitani, incontro che di fatto è stata la finale del torneo. In contemporanea, per una coincidenza del calendario, hanno d’altra parte giocato, e pareggiato (2-2), Newell’s Old Boys e Lanus, finite entrambe con 31 punti, come il Velez: alla fine, tutte e tre le squadre sono comunque rimaste alle spalle del San Lorenzo (33). Era dal 2007 che il club non vinceva un campionato. Anche per questo, sulle reti sociali circolano in queste ore commenti e battute sul "miracolo" della vittoria davanti al Velez, che ha tenuto duro fino all’ultimo momento e che a tratti ha anzi giocato meglio della squadra allenata da Juan Antonio Pizzi, oltre ad aver vinto l’Inicial dell’anno scorso. Molti simpatizzanti della squadra, ma anche tanti tifosi rivali, hanno pensato ad un vero e proprio milagro nel momento dell’azione chiave della partita - peraltro molto brutta - e cioè una difficile parata quasi alla fine dell’incontro del portiere Sebastian Torrico. "È stata la mano de Dios", scherzano diversi su Twitter.

Il San Lorenzo è il campione con meno punti mai ottenuti da quando, nel 1991, il calcio argentino ha adottato il sistema dei tornei corti (19 date). Alla fine della partita, e senza nascondere la propria commozione, Pizzi ha sottolineato che "la vittoria col Velez chiude una sofferenza che si trascinava ormai da anni". Lo stesso ct, il presidente Matias Lammens e alcuni giocatori hanno già fatto sapere che, finiti i festeggiamenti, viaggeranno a Roma proprio per incontrare papa Francesco. Nella sua lunga storia - è stato fondato nel 1908 dal sacerdote salesiano Lorenzo Massa - il San Lorenzo ha vinto dodici titoli. Il Papa è d’altra parte nato il 17 dicembre del 1936 a Buenos Aires e il giorno di Natale di quell’anno venne battezzato nella chiesa "Maria Auxiliadora" nel quartiere di Almagro: non lontano da dove padre Massa fondò il club "San Lorenzo de Almagro". Quando parla della sua squadra, l’ex arcivescovo di Buenos Aires ama ricordare quando da bambino andava allo stadio della società, il "Gasometro", e il gol di Renè Pontoni che nel 1946 diede lo scudetto al club.

Commenti
Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Lun, 16/12/2013 - 16:33

una squadra della madonna! que viva el franCHEsco