La scuola vieta la festa di Natale: "Per rispetto delle altre religioni"

A Caorso per non offendere i bambini stranieri, la direttrice elimina il presepe e altri riferimenti religiosi. In rivolta i genitori di 120 alunni

Bimbi fanno il preesepe vivente

Togliere il presepe a 120 bim­bi p­er far vincere il multicultura­lismo?
In provincia di Piacenza
si può.
Nella citta­dina di Caor­so, finora cele­bre solo per il tira e molla sulla centrale nucleare, il diktat di una preside sta scatenando un polverone che, addirittu­ra, finisce sul­la scrivania del ministro dell’Istruzio­ne Francesco Profumo. La protago­nista di que­sta storia si chiama Ma­nuela Bruschi­ni e dirige l’istituto scola­stico com­prensivo di Monticelli d’Ongina e San Nazzaro (materne e medie). Alcu­ne settimane fa, Bruschini ha deciso di vietare ogni riferimen­to ai temi religiosi tra le iniziati­ve scolastiche per il prossimo Natale. E, così, anche un classi­co come il presepe è finito nel gi­rone dei simboli proibiti.
Ha tentato di metterci una pezza il sindaco (Pdl) di Caor­so, Fabio Callori, promettendo che stamattina porterà alla scuola materna del suo paese quattro presepi alle quattro se­zioni dell’asilo. Ma la frittata è
fatta:il ministro Profumo e l’as­se­ssore regionale Patrizio Bian­chi, infatti, sono già stati infor­mati della vicenda.
Bruschini giura di non aver fatto tutto da sola: «Anzi- sostie­ne la preside- è stato proprio il collegio a suggerire iniziative sulla multiculturalità. Ho dato indicazione di evitare riferi­menti religiosi per concentrar­si su temi universali come l’ami­cizia e la fratellanza».
Tutti amici e tutti fratelli, in­somma, ma allora perché aboli­re i re magi, le stelle comete o la stalla di Betlemme? Per ora non lo capiscono nemmeno le fami­glie degli oltre 100 bimbi coin­volti o, tanto per buttarla in poli­tica, il capogruppo bersaniano in Provincia, Marco Bergonzi, ha già chiarito che «toccare il Natale ai più piccoli è una vergo­gna », ma sono soprattutto le mamme dei bambini a mostrar­si
allibite. Tra le signore inter­pellate in questi giorni, spicca­no quelle che ammettono che «mi spiace, ma non capisco», oppure chi ricorda che «già i bambini il Natale non lo sento­no più, ora se eliminiamo an­che il presepe… » o ancora colo­ro che si permettono di dire che «le tradizioni non fanno male a nessuno ed è meglio tenerse­le ». Macché.
La preside multiculturale non ha ceduto di un centimetro e, dopo essersi preoccupata di
chiarire che il suo niet al prese­pe è «pedagogico e non politi­co », punta a minimizzare: «Al­cuni genitori si sono detti per­plessi ma non tutti, sono sem­pre pronta al dialogo e alla spie­gazione ».
Intanto, la storia del presepe negato agita le acque della poli­tica non solo locale. Il sindaco, oltre a recapitare i presepi al­l’asilo, annuncia che chiederà di trasferire Caorso in un altro distretto scolastico. Il deputato piacentino Tommaso Foti (Pdl) bolla la sortita della presi­de come «una scelta scellerata» degna «degli eredi di Lenin, Sta­lin, Ceausescu» e ha già presen­tato l’interrogazione al mini­stro.
Il collega della Lega Massimo
Polledri dice che Bruschini gli «ricorda il Grinch, quello stra­no personaggio di fantascienza che odiava il Natale e il clima di festa e andava in giro a rubare tutti i doni, alberi di Natale com­presi ». Mentre il consigliere re­gionale Stefano Cavalli ( di nuo­vo Lega) ha informato la Regio­ne Emilia- Romagna, pure il pre­sidente della Coldiretti Piacen­za, Luigi Bisi, assicura che «can­cellare il presepe significhereb­be cancellare la nostra identi­tà ». Solo Rifondazione ritiene «allucinante il coro di dichiara­zioni a senso unico da parte di fascisti, leghisti ed esponenti del Pd». La preside prova di resi­stere a oltranza: «Non devo ri­spondere degli sviluppi politici della vicenda». Troppo tardi, a quanto pare.

Annunci
Altri articoli
Commenti

RDA 1999

Gio, 22/11/2012 - 08:58

È vai.....l anno prossimo ramadam obbligatorio per legge

swiller

Gio, 22/11/2012 - 08:58

Licenziate la preside senza indugi.

Ritratto di lettore57

lettore57

Gio, 22/11/2012 - 09:00

Paese dove tutti possono fare tutto e il suo contrario MA, attenzione, solo se queste cose vengono da sinistra altrimenti....siam tutti fascisti

Cinghiale

Gio, 22/11/2012 - 09:00

Ai multiculturalisti favorevoli all'abolizione del presepe vorrei far notare che se proprio non si vuole offendere nessuno, allora si devono cancellare anche il Lunedì dell'Angelo, il 25 Aprile, l'8 Dicembre e magari il 1 Maggio. In quei giorni tutti a lavorare e non rompere, perchè non si possono offendere gli stranieri. Abbandoniamo tutte le nostre credenze e tradizioni in nome di cosa poi vorrei capirlo, in nome dei mussssulmani che non vogliono integrarsi? L'Italia deve poter essere un paese multiraziale non multietnico, l'etnia deve essere quella degli Italiani.

egi

Gio, 22/11/2012 - 09:03

Ma mandiamoli a quel paese questi dirigenti professori sinistrosi, si rispettano le persone rispettando le loro idee, siamo stufi di piegarci a 90° a questi educatori imbesilli e ignoranti

Francesco Porcari

Gio, 22/11/2012 - 09:04

Brava, brava la direttrice. La religione è questione personale, ci deve pensare la famiglia. A scuola niente ca..ate sul Natale, il Ramadan e il muro del pianto e quant'altro! Sono sicuro che è la 1ma e sarà seguita da altri.

Francesco Porcari

Gio, 22/11/2012 - 09:05

Brava, brava la direttrice. La religione è questione personale, ci deve pensare la famiglia. A scuola niente ca..ate sul Natale, il Ramadan e il muro del pianto e quant'altro! Sono sicuro che è la 1ma e sarà seguita da altri.

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 22/11/2012 - 09:12

La mamma dei cretini è sempre incinta. E questi sono gli effetti...

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Gio, 22/11/2012 - 09:13

Sono perfettamente d'accordo con la preside.

SSIMPATICO52

Gio, 22/11/2012 - 09:14

l'ignoranza della "multiculturalità" italiana. vergognatevi !!!!! e...forse è giusto dare solo soldi alle scuole private se i dirigenti del pubblico son così !!!!!!!

antonioamelio

Gio, 22/11/2012 - 09:19

E una follia. e i preti, i catechisti/e cosa fanno. silenzio e va bene così ?

cotoletta

Gio, 22/11/2012 - 09:22

non avevo dubbi sul fatto che rifondazione comunista fosse a favore del divieto. l'anno prossimo forse chiederà di proiettare una pellicola hard con solo protagonisti maschili ......! possibilmente uno dei due affetto da sindrome di maternità repressa......!

Homer Wells

Gio, 22/11/2012 - 09:26

E ti pareva che non saltavano fuori i soliti di rifondazione a buttarla in politica. "Rifondazione ritiene «allucinante il coro di dichiara­zioni a senso unico da parte di fascisti, leghisti ed esponenti del Pd»" Vale a dire che per loro il presepio è un simbolo fascista.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 22/11/2012 - 09:27

Io propongo di eliminare la direttrice!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 22/11/2012 - 09:28

Ripeto: l' Europa è sotto una dittatura che si ammanta di politically correct e che vuole la distruzione dell' identità europea tramite meticciato culturale e razziale. Ma si sbaglierebbe se si desse la colpa agli islamici (che contribuiscono all' immigrazione ma non alle pressioni sui media). Il fenomeno è gestito e promosso dagli internazionalisti massoni e plutocrati, quindi essenzialmente dagli USA e dagli ebrei (i quali, poveri stupidi, saranno i primi a pagare le conseguenze di questa Europa snaturata, anche se si illudono di poterla controllare meglio sulle sue divisioni)

Romolo48

Gio, 22/11/2012 - 09:33

Benissimo il multiculturalismo, ma qui siamo in caso nostra, abbiamo le nostre tradizioni, i nostri valori ... perchè mai dovremmo rinunciarvi? Accettiamo pure chiunque voglia risiedere a lavorare da noi, purchè rispetti la nostra identità. Se perdiamo anche quella, non ci rimane più nulla. Decisione quanto mai stupida e più stupido non voler riconoscere l'errore.

vigpi

Gio, 22/11/2012 - 09:33

la signora Bruschini dice che anche gli altri insegnanti sono daccordo. Benissimo ho una proposta: i bambini cattolici stanno a casa per le vacanze natalizie. Quelli delle altre religioni vanno regolarmente a scuola dove troveranno la Bruschini e gli altri insegnanti che , sempre per rispetto del multiculturalismo, faranno a meno delle ferie natalizie!!

Romolo48

Gio, 22/11/2012 - 09:34

Benissimo il multiculturalismo, ma qui siamo in caso nostra, abbiamo le nostre tradizioni, i nostri valori ... perchè mai dovremmo rinunciarvi? Accettiamo pure chiunque voglia risiedere a lavorare da noi, purchè rispetti la nostra identità. Se perdiamo anche quella, non ci rimane più nulla. Decisione quanto mai stupida e più stupido non voler riconoscere l'errore.

giosafat

Gio, 22/11/2012 - 09:34

Se fossero genitori degni di questo appellativo dovrebbero proporre una unica scelta alla direttrice: o via lei o via tutti i figli dalla scuola. Inutile stare lì a mediare con queste teste di ca..volo!

Ritratto di bastardissimo70

bastardissimo70

Gio, 22/11/2012 - 09:37

Premessa : non sono cattolico. Questa proposta avrebbe un senso se fosse motivata dal voler difendere ( giustamente ) la laicita' della scuola. Ma proporre una cosa simile per rispetto verso gente che ha ampiamente dimostrato di non sapere cosa sia la tolleranza e che spesso e' pronta a sgozzare chi non la pensa allo stesso modo beh... e' una caxxata immane, che mi fa essere sempre piu' pessimista per il futuro dei nostri figli. Alla illuminata maestra regalerei un bel soggiorno premio in un evoluto e multiculturale paese arabo per farle constatare di persona quanto possa essere DEMENZIALE una proposta simile. Roba da manicomio...davvero.

Ritratto di PaoloDeG

PaoloDeG

Gio, 22/11/2012 - 09:38

Chi non rispetta la Cultura Italiana non ha diritto di vivere in Italia e tanto meno di fare parte degli insegnanti! Perché non comprende nemmeno che é un'offesa alla Dignità del popolo italiano ed alla Cultura Italiana, che deve essere rispettata e tutelata con tutti i mezzi necessari! Il multiculturalismo non potrà mai essere usato contro la Cultura Italiana! Chi non ci stà se ne deve andare in un paese non di Cultura Italiana! Ma­nuela Bruschi­ni come dirigente l’istituto scola­stico dovrebbe conoscere la Cultura Italiana e rispettarla! Poiché essa non sà cos'é Cultura Italiana, non é all'altezza del suo compito e dovrebbe essere espulsa dall'insegnamento! Lo Stato ed i suoi rappresentanti hanno il dovere di preservare, rispettare e difendere la Cultura Italiana, anche all'estero!

Ritratto di giorgio ventavoli

giorgio ventavoli

Gio, 22/11/2012 - 09:38

gli Stati Uniti, che hanno la multiculturalità nel proprio DNA, si dichiarano, nel giuramento di fedeltà alla bandiera, "nazione una, suddita a Dio"; noi, per rispettare non si sa chi, cacciamo via una religione che è pur sempre seguita dalla maggioranza degli Italiani e che ha formato la nostra storia e il nostro modo di pensare. Neghiamo il nostro Dio per negare ogni dio; neghiamo ogni essere trascendente per sostituirlo con l'immanente, con lo spread, con la materialità.

Ritratto di asarum

asarum

Gio, 22/11/2012 - 09:39

Ma a qusta persona è andato in fumo il cervello??? Preside,si vadi a fare un giro nei paesi Arabi poi vedra quanto rispetto hanno per la sua religione!!! Ministro lo cacci!!!Un poveraccio!!

Ritratto di oliveto

oliveto

Gio, 22/11/2012 - 09:40

Il dirigente scolastico è solo alla ricerca di una visibilità altrimenti non possibile in altri sentieri di competenza non graditi, per esempio portando all'eccellenza le strutture scolastiche che (purtroppo!) dirige. Consiglierei a questa solerte preside due anni di dirigenza nelle scuole nei paesi arabi, tanto per gradire la libertà di religione di queste comunità...

angelal82

Gio, 22/11/2012 - 09:41

Questa preside va licenziata. C'è gente molto più competente che potrebbe prendere il suo posto. Chi non rispetta la propria religione o, come in questo caso, quella del proprio paese, dubito che possa conoscere il concetto di rispetto in altri contesti.

davide3269

Gio, 22/11/2012 - 09:43

Attenzione, avanti di questo passo salterà fuori qualche cristiano "integralista" che darà una botta in testa a persone come questa preside. A chi serve scatenare questa guerra di religioni?

Faletti

Gio, 22/11/2012 - 09:46

Una preside? Non mi stupisco visto che le donne sono molto sensibili alle categorie ritenute "deboli". Perché non le facciamo provare l'ebbrezza di un soggiornino in un paese musulmano così vediamo cosa fa. Probabilmente rinnegherebbe la fede cattolica per salvarsi la gola. Sarebbe ora che difendessimo le nostre origini cattoliche e la smettessimo di subire qualunque tipo di violenza da chi ci fa saltare per aria e brucia le nostre chiese. Il ministro Profumo dovrebbe sollevar la dal l'incarico quell'individuo indegno di guidare una scuola!

Ritratto di Alex Biffi

Alex Biffi

Gio, 22/11/2012 - 09:46

...E come ad ogni Natale, ci risiamo, la solita maestrina multietnica e multiculturalista si erge a paladina del rispetto della fede altrui sputacchiando allegramente sulla fede e sulla cultura dei più, calpestando il diritto di questi ultimi a manifestare la propia cultura, non sola la propria fede, nella "propria terra"! Il tutto si spiega con l'esasperato materialismo ed il caos urbano in cui si trova, come esplica perfettamente Oswald Spenngler in Der Untergang des Abendlandes, la nostra povera Europa e la nostra Civiltà Occidentale, ormai al collasso per le sopraccitate cause. Oltre a mentenere i loro figli, dobbiamo anche vietare ai nostri le gioie che a noi furono donate da questa festa, così cara e sentita. Avanti così, maestrine dalle "piume rosse", corriamo anelanti all'autodistruzione e tanti cari auguri per un nuovo ...Libano!!

liberoepensante

Gio, 22/11/2012 - 09:49

complimenti a questa idiota.... andrebbe subito sollevata dal suo incarico... piuttosto che invogliare le persone allo scambio culturale al rispetto reciproco delle tradizioni cosa fa? toglie il presepe bhe allora a questo punto questa integerrima signora probabilmente non può essere un'educatrice CACCIATELA!

Rickyprince

Gio, 22/11/2012 - 09:50

La cosa veramente triste, che questi buonisti non hanno capito, è che se chiedessero ai genitori dei bambini non cristiani la conferma di non festeggiare il Natale, loro direbbero che possono celebrare tranquillamente. Perché sono più avanti di loro. Ma, proprio per paura di sentirsi umiliati con una risposta del genere, non lo chiederanno mai. Preferiscono agire da soli. Non rendendosi conto che poi proprio così si genera la cultura del diverso. Mamma, non festeggiamo il Natale. Perché? Perché ci sono LORO che non solo cristiani! E ho detto tutto...

Faletti

Gio, 22/11/2012 - 09:50

Mandiamo la preside in Afghanistan e con lei tutti i sinistri! Così ci liberiamo in un colpo solo di chi ci fa vergognare di questo paese.

lorenzo464

Gio, 22/11/2012 - 09:53

ecco come anno ripresentarsi il vero, unico, grande prolema che affligge gli italiani; ci sarà il presepio a scuola?

a.zoin

Gio, 22/11/2012 - 09:53

Questa direttrice,dovrebbe lascare il proprio posto di lavoro e andare a vivere,con le tribù dei barbari. Le TRADIZIONI ITALIANE DEVONO R I M A N E R E , e gli IDIOTI COME QUESTA DIRETTRICE, DEVONO EMIGRARE NEI PAESI incivili, dove la donna è una nullità.

Valerio64

Gio, 22/11/2012 - 09:54

Genitori: lasciate a casa i bimbi,altrimenti l'avrà vinta,costei e tutti gli ottenebrati in cattedra...

Rainulfo

Gio, 22/11/2012 - 09:54

e da quando in qua Gesù Bambino ha offeso qualcuno? altro che rottamazione questa gente andrebbe gettata in discarica!

Mario-64

Gio, 22/11/2012 - 09:56

Licenziatela in tronco, speditela in Arabia Saudita a lezione di fratellanza e multiculturalismo! Rifondazione fa' piu' pena che altro.

Rudik

Gio, 22/11/2012 - 10:02

Scelta degna dei migliori Italioti. Fra non molto dovremo abbattere le chiese per non offendere le altre religioni. La prossima azione sarà il divieto, solo per i cristiani, di pregare... si possono però costruire nuove moschee.

Ritratto di mistereaster

mistereaster

Gio, 22/11/2012 - 10:05

siamo alla frutta...

Max Devilman

Gio, 22/11/2012 - 10:07

Francesco Porcari: mi auguro fortemente che il suo commento sia sarcastico. Secondo lei non vanno insegnati valori come, storia, appartenenza, cultura e religione del proprio popolo d'origine, me lo spieghi per favore. Il Natale oltre ad essere una festa religiosa unisce valori come la bontà, la speranza, la solidarietà. Ovvio che è anche una festa commerciale ma per i bambini il Natale è importantissimo, non si possono eliminare i sogni. La decisione presa da questa scuola è assurda, è una violenza fatta a tutti questi bambini che SI ASPETTANO di festeggiare una festa che attendono tutto l'anno.

Altaj

Gio, 22/11/2012 - 10:10

Una preside che scende a questo livello di ruffianeria, meriterebbe di essere mandata a pulire cessi al Cairo.

Ritratto di IVO

IVO

Gio, 22/11/2012 - 10:10

Non sono un cattolico praticante , ciò nonostante non vedo la ragione x la quale non possiamo insegnare ai nostri figli , nipoti ecc. ecc. da che parte stà il bene e/o il male da qualsivoglia parte del mondo provenga , certamente non con il proibizionismo . Possiamo noi andare a obbligare in certi stati a proibire le loro usanze ? c. iv.

Ritratto di workinprogres

workinprogres

Gio, 22/11/2012 - 10:13

ma non esiste proprio...ci fosse mio figlio, non esiterei a cambiare istituto.

1grifone

Gio, 22/11/2012 - 10:14

questa non si chiama "multiculturalità" si chiama ignoranza. Chi non conosce le proprie radici cristiane è in cattiva fede o ignorante. Non ci sono scuse. Francesco Porcari: tale nome, tale persona

Ritratto di Fuchida

Fuchida

Gio, 22/11/2012 - 10:17

La direttrice è la stessa che quando fu assessore comunale partecipò ad un festino goliardico/blasfemo (le costò il posto). Si spiega tutto. Suo padre, brava persona, fu assessore regionale del PDCI. L'ideologia continua...

giovauriem

Gio, 22/11/2012 - 10:19

vorrei chiarire a questi presidi/insegnanti(al 90% comunisti ortodossi)che multiculturalismo significa che tutte le culture sono ammesse e libere di manifestarsi e no proibirne una,anzi la prima da abolire è quella comunista,licenziando tutti gli insegnanti di questa dottrina,chi vieta alle altre religioni,in italia, di manifestarsi,anzi si manifestano gia troppo,pertanto quando è la festa del loro dio facciano come noi:festeggino,così impariamo altro e raggiungeremo il multiculturalismo senza offenderci, la sudetta preside è solo una regicoda di qualche piccolo uomo politico(rosso) di zona che con questi diversivi cerca di raschiare un po di voti per poi andarsi a ingozzare su qualche poltrona a nostre spese

Lauras

Gio, 22/11/2012 - 10:19

sta succedendo quello che è stato profetizzato:il Nuovo ordine mondiale metterà al bando la Fede, "sarete perseguitati tutti a causa del mio Nome".

Rudik

Gio, 22/11/2012 - 10:23

Ci risiamo, nella migliore tradizione italiota alcuni insegnanti (non voglio chiamarli professori) hanno deciso di vietare il presepe ed ogni celebrazione del SS. Natale. Ciò , dicono, per non urtare le suscettibilità e per rispetto alla multiculturalità. Rifondazione Comunista è subito intervenuta in difesa di queste scelte. A me sembra soltanto la solita str...ta! Multicultutalità è proprio la manifestazione e l'accostamento di più culture. Un buon insegnante dovrebbe portare i ragazzi a conoscere ed apprezzare la storia e le manifestazioni culturali del territorio, senza la cui condivisione non si può pensare all'integrazione. Purtroppo molti imbecilli si atteggiano a sapientini tacciando di fascisti o populisti chi osa criticare il loro pensiero superiore. Vorrei sapere quanti di loro conoscono le storie e filosofie delle varie religioni (comunismo e fascismo compresi), tema su cui potrebbero più proficuamente portare le discussioni di classe per far capire ai ragazzi il reale significato di multiculturalità.

canocia

Gio, 22/11/2012 - 10:23

Buongiorno, la cosa migliore sarebbe di imporre alla preside di leggersi il Corano. così potrà (con suo sommo dispiacere) quanto venga venerata la nascita di Gesù figlio di Maria. nel Corano Gesù viene atteso e venerato come grande profeta. Impari la Sinistra integralista che integrazione significa anche studiare con rispetto le altre religioni. non è sufficiente fare cortei con "amiamoci tutti"

mekong43

Gio, 22/11/2012 - 10:23

Ma che finezza psicologica, che lezione di bon ton! E magari si aspettano che gli altri aboliscano il RAMADAN? E’ uno squallido approccio ad una bieca tecnica bolscevica che fu in uso nelle scuole di ateismo di taluni paesi comunisti, serviva comunque per spazzare via i simboli delle religioni: si comincia con il Natale e poi a seguire via tutto!

Ritratto di KATYN1943

KATYN1943

Gio, 22/11/2012 - 10:25

Posso anche essere d'accordo ma..... essendo il nostro uno stato confessionale, l'abolizione dei festeggiamenti del Santo Natale nella scuola di Caorso la trovo una dimostrazione stupida e di richiamo pubblicitario.Forse la "signora" preside e tanti come lei,per apparire democratica, solo democratica s'intende annulla una attesa religiosa che i nostri bambini vivono con immenso piacere. Anche i figli degli atei. I bambini di altre confessioni sanno benissimo di essere venuti a vivere in un Paese cattolico ed hanno cognizione (attraverso i loro genitori) del perché e del percome in Italia ci sono queste usanze. Sarebbe lo stesso per noi nel loro Paese. Allora, rispettiamo e sopratutto RISPETTIAMOCI!!! Non vendiamo la nostra Italia per trenta denari!

Valerio64

Gio, 22/11/2012 - 10:28

La riscrivo: Il Presepe ha in sè tutti i simboli dell'Amore:accoglienza(un bambino),pace(in famiglia),fraternità e uguaglianza (i Magi),solidarietà e tolleranza con i poveri(una grotta,i pastori),simbiosi con il creato(il bue,l'asinello,la stella cometa,gli Angeli)...E mi fermo.Puo' bastare?

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Gio, 22/11/2012 - 10:30

No Signora Bruschini, Lei sta sbagliando e di grosso. Ma non dico ciò per un problema di differenza di religione con gli altri bambini, ma proprio per il fatto che si dovrebbe far conoscere a chi è "ospite" sul nostro suolo, le nostre tradizioni. Inoltre, a se questi bambini di queste diverse religioni, sono a tutti gli effetti italiani, per diritto di suolo, comunque devono conoscere gli usi e costumi e cultura religiosa del Paese ospitante, rispettando e, nello stesso tempo, essere rispettati per il loro credo. Inoltre, sarebbe opportuno insegnare a scuola non più il catechismo, che lasceremmo alla nostra parrocchia il dovere di farlo, ma insegnare le religioni nel mondo monoteiste e/o politeiste, per comprendere meglio le diversità di ognuno di noi. In questo modo, ad esempio, verremmo a conoscere che l'Islam, non è quello che immaginiamo, con attacchi suicidi, in quanto questi sono solo dei poveri fanatici, che sicuramente non conoscono nemmeno la loro religione, ma scopriremmo come la nostra con la loro ha dei punti in comune, e quindi ci sarebbe più rispetto da entrambe le parti. Se poi la Signora Bruschini, vuol far diventare la sua scuola mussulmana, allora faccia pure, ma commetterà un grande errore, dovuto proprio alla ignoranza di base del problema.

Valerio64

Gio, 22/11/2012 - 10:31

Maestra: perchè il rito di Halloween -blasfemo per chi non lo sa-,lo ha festeggiato (ne sono sicuro)?

libero46

Gio, 22/11/2012 - 10:31

Di questo passo dovremo guidare a sinistra... per compiacere i sinistrati o altri estranei, e se non bastasse, annulleremo tutte le domeniche e feste religiose per gli Italiani per non offendere gli "ospiti" non sempre tanto graditi, ma a volte c'è qualche idiota connazionale che per loro venderebbe anche la sua anima (che è "sicuro" di non avere!).

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 22/11/2012 - 10:31

COINCIDENTIA OPPOSITORUM - gli opposti portati all' estremo coincidono sempre. Il cosmopolitismo e il multiculturalismo, nella loro utopica pretesa di abbracciare tutte le culture, inevitabilmente finiscono nel nulla, il completo deserto culturale. E' una cosa normale e conseguente al principio stabilito da Niccolò Cusano con grande sagacia. Fa parte anche delle filosofie orientali.

Marosia

Gio, 22/11/2012 - 10:32

Multiculturalità non significa negare, significa accettare e integrare. Sarebbe stato molto più "pedagogico" ed educativo includere nel calendario scolastico alcune festività di altre religioni spiegando ai bimbi le diverse culture e tradizioni e festeggiando poi insieme.

bepperiulfi

Gio, 22/11/2012 - 10:32

ecco ena nuova direttrice che non capisce niente!!!!!!!!!!!!!!

paspas

Gio, 22/11/2012 - 10:32

Detta con una battuta, Anziche' eliminare il presepio dalla scuola io elimminerei subito la Preside. Una preside che dice di voler parlare di amicizia e fratellanza non capisce proprio nulla di amicizia, fratellanza, uguaglianza, fratellanza, perche' se c'e' una festa che ci parla ed insegna Amicizia, fratellanza, uguaglianza e' proprio il Natale con i suoi simboli. Multiculturalismo non significa eliminare i simboli di una religione ma rispettare anche i simboli di altre religioni. Una preside dunque ignorante che non merita di continuare a dirigere un Istituto scolastico, Via dunque il simbolo dell'Ignoranza da quell'istituto.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 22/11/2012 - 10:34

la chiesa cattolica è ormai morente, un relitto. E' completamente psicologicamente e politicamente sottomessa ai poteri forti internazionalisti (che attraverso il meticciato perseguono il divide et impera). L' islam pare aver compreso il pericolo e ben si guarda dal mescolarsi. Il debole si piega sempre. Il forte no. Le colpe sono solo nostre. Non è colpa nostra se gli islamici non sono stupidi come noi.

Han Solo

Gio, 22/11/2012 - 10:35

Multiculturalità non significa cancellare la nostra cultura e le nostre tradizioni !! Molto più intelligente aggiungere anche le feste di altre religioni piuttosto che cancellare la nostra. Mi domando se questa assurdità dipenda da semplice ottusità o al contrario derivi da uno sgangherato sentimento anticattolico (che sempre serpeggia negli ambienti scolastici).

Tadoric39

Gio, 22/11/2012 - 10:36

Che palle queste pseudo-presidi,ad ogni Natale se ne vengono fuori con queste decisioni che hanno di tutto fuorchè di pedagocico. Si sa benissimo da che parte stanno gli insegnanti, sono arroganti oltrechè impermeabili ad ogni sentimento.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 22/11/2012 - 10:36

L' occidente è governato da elite mondialiste di matrice massonica calvinista ed ebraica. Per loro i popoli, le fedi e le tradizioni sono da spazzare via per fare spazio a una umanità grigia, meticcia, senza storia e senza radici. E' un vecchio progetto, quello di Stalin e di Mao. Divide et impera. Si comanda meglio su masse invece che su popoli. Un popolo non si piega (vedasi Vietnam o Afghanistan). Una massa si piega (vedasi l' Europa di oggi, l' Iraq, la Libia ecc..)

baio57

Gio, 22/11/2012 - 10:36

@ vigpi- Bravo! Ottima proposta ,ma vallo spiegare ai dementi sinistrati( è un po' che non usavo questo termine ,ma te lo tirano fuori per forza !) che avvallano la presa di posizione della preside .

Ritratto di IVO

IVO

Gio, 22/11/2012 - 10:39

Non sono un cattolico praticante , ciò nonostante non vedo la ragione x la quale non possiamo insegnare ai nostri figli , nipoti ecc. ecc. da che parte stà il bene e/o il male da qualsivoglia parte del mondo provenga , certamente non con il proibizionismo . Possiamo noi andare a obbligare in certi stati a proibire le loro usanze ? c. iv.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 22/11/2012 - 10:40

il Babbo Natale è una sovrapposizione, oscuramento laico della figura di Gesù Bambino. Un po' come quando i cristiani, non riuscendo a estirpare le feste pagane, fissavano le loro feste nei giorni di quelle pagane (es. Natale nel Sol Invictus). Oggi è il laicismo internazionalista che vuole distruggere il cristianesimo, come ieri era il cattolicesimo a voler distruggere il paganesimo. L' Europa sta affondando.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 22/11/2012 - 10:42

Multiculturale? Tutto ciò che è multi- in breve si risolve nel niente. Prendete tante diverse belle tonalità di colore , mescolatele e otterrete un plumbeo e squallido grigio monocolore.

Tower

Gio, 22/11/2012 - 10:43

Se non ricordo male il Natale è la festa della pace, della fratellanza e della speranza per tutti. Perché mai si dovrebbe rinunciare ad una cosa così positiva e perché mai non si dovrebbe cercare di invitare, coinvolgere, estendere lo spirito natalizio anche a chi non è cristiano oppure, come me, non credente. Ci sono valori assoluti che andrebbero diffusi e condivisi, non fermati, ostacolati e nascosti. Certamente potremmo con lo stesso spirito di vera apertura mentale e culturale anche cercare di capire le altre religioni (e scoprire che Gesù Cristo è anche un profeta dell'Islam e rispettato quindi anche dai musulmani). Siamo in un paese dalle profonde radici cristiane e pur senza voler imporre la nostra religione dovremmo cercare di condividere i valori migliori della nostra società con chiunque, aprendo oltre ai cuori (per chi lo fa) anche le porte alla nostra società attraverso il coinvolgimento, la partecipazione, la condivisione. Si chiama integrazione e civile convivenza e quando i valori da condividere sono quelli della pace, della fratellanza e del reciproco rispetto non esiste una sola ragione valida per tirarsi indietro, smantellare presepi e negare le proprie convinzioni. Buon Natale! (P.S.: l'idea di cancellare le vacanze di natale per i docenti che sostengono l'annullamento di quella odiosa tradizione cristiana la trovo assolutamente geniale e da approvare, Chissà come andrebbe a finire..... tutti cattolici allora, anche i compagni? Quasi quasi ci scommetto!)

Han Solo

Gio, 22/11/2012 - 10:43

E poi,spiegatemi, quale sensibilità offende la presenza del bambino Gesù??? Di certo non si offendono gli islamici, visto che per loro comunque Gesù è un profeta, quindi degno del massimo rispetto. Neppure la statuina di Maria può offendere nessuno,visto che è una figura importante anche per l'Islam...e quindi chi si offende? I buddisti? Dubito alquanto... gli animisti?...

gibuizza

Gio, 22/11/2012 - 10:46

Vorrei solo sapere se la scuola è di propretà della gente o delle maestre/direttrici, perché nel primo caso decidano i genitori, nel secondo decida la direttrice con le maestre ma se ne assumano la responsabilità, cioè se i genitori abbandonano la scuola le signore vengano licenziate. Non si può sempre far decidere ad uno e le consegenze farle pagare ad un altro!

billyjane

Gio, 22/11/2012 - 10:49

per vigpi. bravo/a. e una buona idea. Che la preside e gli insegnanti della multicultura, vadano in classe anche il giorno di natale e santo stefano (se non cade di domenica). Vedrà che dietrofront che fanno costoro, abituati a sospensioni per ferie, vacanze natalizie, pasquali e quant'altro. SI A SCUOLA AD INSEGNARE AI BAMBINI EXTRACOM. I bambini cattolici a casa.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 22/11/2012 - 10:52

la sinistra serba sempre il seme internazionalista della dissoluzione di qualsiasi identità: dalla fede alla razza, dalle tradizioni ai costumi. Questo è il loro principio fondamentale: l' internazionalismo.

Homer Wells

Gio, 22/11/2012 - 10:56

@ vigpi Gio, 22/11/2012 Ottima idea!!!

climb

Gio, 22/11/2012 - 10:59

Chiariamo innanzitutto una cosa: quella preside non è lì per merito: è una figli di papà, di un papà che per una vita ha fatto politica nel PCI. Tra l'altro mi piacerebbe sapere cosa sia cambiato rispetto all'anno scorso: perché quest'anno si vieta ciò che un anno fa era permesso? Più in generale è curioso come in nome della tolleranza, non si tolleri più nulla. E senza che dai non cristiani di Caorso sia mai arrivato alcun reclamo, poi! Chi glielo ha chiesto a 'sta Preside del c...o di farsi condottiera di questa battaglia?

Franck Dubosc

Gio, 22/11/2012 - 11:03

Signori, senza scadere nelle dispute ideologiche, questo fatto deve essere analizzato da un punto di vista concettuale. E' un'autentica idiozia (e incoerenza) celebrare una festività e proibire di esporre i suoi propri simboli. E' un controsenso! La cosa preoccupante è che simili personaggi ricoprano ruoli importanti nell'educazione dei nostri figli

Homer Wells

Gio, 22/11/2012 - 11:05

@ Rickyprince Gio, 22/11/2012 Parole sante. Infatti quelli che dovrebbero sentirsi offesi il problema non se lo pongono neanche. Anzi, spesso li ho sentiti invitare queste persone a farsi gli affari loro, perchè così facendo attirano su di loro l'ostilità di chi vive loro intorno.

liberoepensante

Gio, 22/11/2012 - 11:05

la cosa più idiota la leggo nei commenti... eliminare la religione dalle scuole perchè una cosa personale... hahaha allora eliminiamo anche la cultura anche quella è personale e dato che gli insegnanti sono uomini ed i libri sono scritti da uomini e gli uomini non sono obiettivi eliminiamo anche le scuole perchè la cultura è personale!!! poveri noi.... p.s. io sono per le ore di religioni ovvero dove c'è qualcuno che spiega (e magari avrebbe fatto bene a molti di cui sopra) le varie religioni le loro tradizioni e la loro cultura...

piedilucy

Gio, 22/11/2012 - 11:06

bravi fate il ramadan e istuite l'obbligo del velo tanto monti ci sta svendendo alle mummie arabe

Frid54

Gio, 22/11/2012 - 11:09

Che bel paese il Belpaese! Non passa giorno che non si sente di drammi causati dall'integralismo religioso anche all'interno delle famiglie straniere ma noi NIENTE: è TASSATIVO il rispetto delle altre religioni (anche di quelle che lapidano o ammazzano a frustate le ragazze violentate?)! Condivido il parere di giovanni PERINCIOLO!

Ritratto di Pdorrrr

Pdorrrr

Gio, 22/11/2012 - 11:12

Mandiamoli ad insegnare a Gaza!!!

maurizio50

Gio, 22/11/2012 - 11:15

E' la solita vergogna degli attivisti di matrice comunista: tutte le occasioni sono buone per cancellare la matrice cristiana della nostra cultura.Adesso vengono buoni pure i musulmani per giustificare scelte che mirano soltanto a propagandare la ideologia marxista, condannata dalla storia ma sempre imperante nella scuola gestita da troppo tempo dalla C.G.I.L. E poi si riempiono ad ogni occasione la bocca della parola "democrazia". Quella imperante nei gulag dell'era sovietica.

canocia

Gio, 22/11/2012 - 11:16

Buongiorno, obblighiamo la preside a leggere il Corano dove troverà (con suo disappunto) di come viene venerata la nascita di Gesù figlio di Maria, Grande Profeta. non è il presepe e quindi la nascita di Gesù che offende la religione Islamica ma persone come lei che in questo falso buonismo senza nessuna cultura non integra nessuno ma aumenta la disparità sociale. si ricordi cosa ha fatto e continua a fare (vedi Cina) gente con la sua mentalità

pragio

Gio, 22/11/2012 - 11:18

scrivo solo per un breve commento- ci stanno privando di tutto, vogliamo regalare a musulmani e miscredenti anche l'anima? forza dai che per incentivare il lavoro dobbiamo costruire moschee!!!!!!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 22/11/2012 - 11:20

La preside è una ragazza sveglia. Ha capito che più si pensa in chiave multiculturale e progressista e più si fa carriera. A proposito: a quando un bel gay pride nella scuola primaria?

angelo.p

Gio, 22/11/2012 - 11:20

siamo un popolo di sciocchi "calabraghe". il guaio è che oggi lo facciamo volontariamente, ma fra qualche anno ci obbligheranno a farlo. CIO' CHE NON SI COMPRENDE E' PERCHE' UNA MAGGIORANZA DEBBA RISPETTARE LE TRADIZIONI DI UNA MINORANZA, CHE AL CONTRARIO NON ACCETTA QUELLE DELLA MAGGIORANZA IN CASA PROPRIA.

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Gio, 22/11/2012 - 11:21

Ormai il nostro Paese sta sparendo e con lui la nostra identità di Italiani : costruiamo Moschee, leviamo il Crocifisso dalle Scuole e dagli Ospedali, facciamo aprire negozi di schifezze alimentari senza controllo igenico, lasciamo giare la gente per strada con il volto coperto, lasciamo che degli interi quartieri diventino terra di stranieri senza controllo ed ora leviamo anche il Presepe perchè potrebbe causare traumi agli stranieri. Benissimo e allora se gli stranieri soffrono di questi traumi se ne tornano a casa loro e festeggiano con le loro usanze. Noi abbiamo le nostre e vanno mantenute.

tresi rosi

Gio, 22/11/2012 - 11:21

noi dobbiamo rispettare le altre religioni,e la nostra loro la rispettano?

Ritratto di PaoloDeG

PaoloDeG

Gio, 22/11/2012 - 11:24

Togliere ai bambini la Festa dei Bambini é una vergogna e chi lo fà non é all'altezza del suo compito! Con la scusa del multicultura­lismo soffocare la nostra cultura é un reato! Basta un poco di Judicium per capire, che la festa del Natale non é un'offesa alle altre culture e non toglie niente alle altre culture! Dopo tutto ci troviamo in Italia e rispettare la Cultura Italiana fà parte del multicultura­lismo! Non esiste una legge e non ci sarà mai, che proibisce la Festa del Natale, che é la Festa più importante della Cultura Italiana! Il Natale é la Festa della Famiglia, la Festa dei Bambini e la Festa dell'amore verso il prossimo! Il Natale é una Festa che non offende nessuno, ma che incita all'amore del prossimo!

Ritratto di mark911

mark911

Gio, 22/11/2012 - 11:25

C'è una barzelletta che gira in cui racconrta di Obama che visita il grande capo degli indiani x chiedere consiglio su cosa fare dopo la sua recente vittoria...ebbene il grande capo gli ha detto di fare attenzione al problema dei clandestini illegali perchè oltre 200 anni fa i capi indiani avevano sottovalutato questo problema ed ora si trovano nelle riserve!Noi tra illegali e regolari presto ci troveremo non solo a perdere le nostre tradizioni (vedi Natale) ma non saremo + a casa nostra !!!

tresi rosi

Gio, 22/11/2012 - 11:25

per vigpi,bravo ,ottima proposta!

Axel1963

Gio, 22/11/2012 - 11:26

Fate una breve ricerca su Google e vedrete chi è questa signora.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 22/11/2012 - 11:27

Il cristianesimo viene oggi distrutto così come all' epoca dei Romani venne distrutto il paganesimo. Corsi e ricorsi storici. Anche allora si volle stabilire la separazione tra stato e religione e la conclusione fu il crollo dell' Impero (i grandi imperi crollano sempre e solo per cause interne, spirituali). Mi sembra stupido prendersela con gli islamici. Non mi pare che sia colpa loro se abbiamo dirigenze internazionaliste, presidi bolscevici, stampa come Repubblica o pretaglia come quella di oggi

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 22/11/2012 - 11:29

Nei paesi islamici usano le bombe contro i cristiani e i nostri comunisti predicano l'integrazione obbligandoci ad adattarci alle loro usanze.Quelle mamme sono sempre incinta.

Chattanooga

Gio, 22/11/2012 - 11:29

Un'altra mazzata nei confronti della religione cristiana da parte di questi cosiddetti "progressisti" che non si sa verso dove stiano realmente progredendo. A mio avviso la società tutta ha ben poco da guadagnare e moltissimo da perdere a "nascondere nel cassetto" l'unica religione che dovrebbe esserci cara e che invece continua ad essere bistrattata solo perché la nostra ipocrisia non ci consente di sopportarne degnamente il peso.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Gio, 22/11/2012 - 11:32

Chi viene in Italia, che sia islamico, ebreo, ateo, buddista, o di scientology deve imparare a rispettare le nostre tradizioni. Qua da noi c'è addirittura chi si è permesso di far volare i crocefissi dalle finestre e nessuno dice nulla (anzi, i piddini sono compiaciuti). Sì ai presepi nelle scuole e se agli stranieri non sta bene se ne tornino a casa.

Massimo Bocci

Gio, 22/11/2012 - 11:32

Iscriviamoci tutti alle primarie dei compagni filo mussulmani ROSSI, quelli che li hanno invitati con il per voi tutto gratis, si la strategia anti Bunga Bunga del voto all'immigrato,prima di quella imposta dalla Crucca,Napoleonica del GOLPE SPREAD, poi sembra che non ci si rimette nemmeno tanto con il cambio due paradisi pieni di piaceri e gratificazioni (solo gli Oi,Oi) che non gradiscono le vergini, e preferiscono il paradiso farselo qui con i nostri soldi.

Ritratto di il bona

il bona

Gio, 22/11/2012 - 11:33

Ma allora il 25 dicembre perchè non li mandano a scuola? Il Natale, ok avrà origini pagane, ma è prettamente una festività cristiana.

buri

Gio, 22/11/2012 - 11:34

Perché la responsabile della scuola non inizia a rispettare la nostra religione? oppure dovremo convertirci all'islam per essere rispettati?

bisesa dutt

Gio, 22/11/2012 - 11:36

pericoloso idiota e suicida eliminare i simboli e i riti religiosi culturali di una etnia per presunto rispetto di altre fedi, non è multiculturalismo, ma idiozia. comunque il presepe può essere istallato in altro luogo identificabile come simbolo/rito della cultura cattolica, non necessariamente una scuola che è luogo pubblico non luogo privato per i solo cattolici

Ritratto di roberta martini

roberta martini

Gio, 22/11/2012 - 11:40

Non ho ancora notato che altre religioni sacrifichino i loro simboli o i loro riti in favore della nostra. Noi abbiamo una religione, corredata da un bagaglio di cerimonie e tradizioni e non vedo perchè dobbiamo eliminare il tutto per fare piacere a chi? A chi non pensa neanche per un nanosecondo di fare lo stesso. La religione cattolica cristiana è la nostra, conserviamola e approfittiamone, con buon senso. Il multiculturalismo non serve, negli USA, paese del multiculturalismo, i cinesi non si mescolano con gli ebrei, i neri con gli asiatici e cosi' via. Ci sono dei quartieri e delle enclaves con delle precise connotazioni e mai si sono unite, mescolate fondendo le loro identità.Smettiamola di identificare ogni atto o fascista o di sinistra, cerchiamo di istruirci un po' di più e non essere in balia dell'ultimo cretino che ha parlato. Siamo diventati il popolo più ignorante dell'emisfero, vi assicuro, facciamo pena!!

piluga

Gio, 22/11/2012 - 11:43

Lo detto altre volte e lo ribadisco ora, NON ABBIAMO PIU' LA SPINA DORSALE, ma tanto scriverlo non cambia le cose, tra poco non si metteranno più nemmeno le luminarie, e si vieterà di festeggiare il natale per non offendere le varie comunità straniere.

vince50_19

Gio, 22/11/2012 - 11:47

Ci sono un numero interminabile di sentenze che chiariscono la faccenda: la religione cattolica è una tradizione riconosciuta dalla maggior parte dei partiti - pd compreso, ergo i simboli vanno lasciati dove sono sempre stati. Questo buonismo peloso in salsa bertinottiana è più fastidioso del morso di mille zecche. Cara direttrice sei una cacasotto: in questo modo infastidisci la maggioranza che spesso è silenziosa, per non "disturbare" pochi che poi, sotto sotto, se ne strabattono di queste cose.. Chiaro?

Ritratto di elisa65

elisa65

Gio, 22/11/2012 - 11:51

Questa preside dobrebbe vergognarsi, altro che scelta "pedagogica"! Se mio figlio frequentasse quella scuola, lo porterei via immediatamente...al di là della laicità dello Stato, le nostre tradizioni sono queste (per fortuna) e, se a qualcuno dessero fastidio, potrebbe sempre andar via...speriamo nella Misericordia del Signore, siamo caduti davvero in basso.

michele lascaro

Gio, 22/11/2012 - 11:59

Ogni anno assistiamo alle solite cavolate (oggi si chiamerebbero outing) di direttori d'istituto e insegnanti di mezza tacca. Ma cosa vogliono dimostrare? Per me dimostrano solo di essere ignoranti e, quindi, di non essere degni di occupare il ruolo attuale. Ignoranti perché gli studi fatti, sempre per il ruolo che rivestono, parlano di un certo San Francesco, che, in quel di Gubbio, e nel lontano 1200, ha creato una tradizione intatta nei secoli. Che vergogna cosmica!

Ritratto di Pierobuono

Pierobuono

Gio, 22/11/2012 - 12:01

Perchè non eliminiamo ( non fisicamente) la Preside?? La mandiamo a fare la segretaria presso Rifondazione. La mamma dei cretini è sempre incinta!!!!!!

michele lascaro

Gio, 22/11/2012 - 12:02

E ancora per i sostenitori del multiculturalismo: Una Nazione può essere, per la propria intergrità morale e storica, multietnica, mai multiculturale.

gianni.g699

Gio, 22/11/2012 - 12:04

Mettetegli pure il muro del pianto ... BUROCRATI BUFFONI e ACCATTONI !!! distruttori della nazione e delle nostre tradizioni !!! ... da licenziare in tronco con tutto il seguito che la appoggia !!! ... che schifo !!! ... e questa sarebbe integrazione ?!?!?!

pieropomiga

Gio, 22/11/2012 - 12:04

ho fatto le scuole tanti anni fa, imperante la DC: pur tuttavia non si faceva alcun presepe o altro, a quelle cose pensavano le famiglie o la parrocchia, semmai. A scuola di religione parlava solo il prete. E nessun altro. Era la scuola laica di un paese dove i cattolici erano in maggioranza. Adesso i cattolici sono in via d'estinzione eppure pretendono di contaminare ogni ambito con i loro riti

Ritratto di Maurizio Brollo

Maurizio Brollo

Gio, 22/11/2012 - 12:06

Un Paese che perde la propria identità non è più un Paese. Grazie sinistra !

Pautasso

Gio, 22/11/2012 - 12:10

Ci risiamo! Questi schifosi venduti che pretendono di educare i nostri figli andrebbero cacciati dalla scuola se non dall'Italia. E poi noi, furbissimi, festeggiamo Halloween e magari partecipiamo al Ramadan. Che schifo!

nonmi2011

Gio, 22/11/2012 - 12:11

Ricordo, sommessamente, che l'Italia è uno Stato laico per costituzione. Ed uno stato laico per costituzione non può, semplicemente non può, organizzare feste religiose negli edifici pubblici e quindi laici per costituzione. E mi sembra anche goffo il tentativo di chi, conoscendo bene tutto questo, sostiene che non si tratta di festa religiosa ma di festa di tradizione, di festa dalle radici culturali. Ovviamente così non è. Di conseguenza, via non solo le feste religiose, di qualunque religione, dagli edilifci pubblici, quindi laici per costituzione, e via anche il crocefisso o ogni altro simbolo religioso, di qualunque religione, da tutti gli edifici pubblici, dagli ospedali alle scuole ai tribunali. Poi ci sarebbe un discorso molto lungo sui genitori che si sentono cristiani solo per natale, a cominciare da quel consigliere regionale di un partito i cui esponenti di punta sostengono la necessità di affondare a cannonate i barconi con i migranti a bordo, comportamento assolutamente e coerentemente cristiano. O no?

francegarofalo

Gio, 22/11/2012 - 12:12

è una vergogna! dobbiamo far si che le altre culture non inavdino la nostra e non la nostra le loro, perchè l'integrazione la deve cercar di fare chi è ospite e non chi è da sempre quà1

agosvac

Gio, 22/11/2012 - 12:13

Ma guarda un po?!!! Dobbiamo essere noi a rispettare la religione altrui, non loro, quelli che vengono in Italia , a rispettare la nostra!!! Ma si vuole capire o no che la nostra religione è il cristianesimo cattolico? Io questa preside la metterei direttamente fuori da ogni scuola, non dico senza pensione ma con quanto maturato finora da prendere, ormai si sa, al compimento del 65° anno!

Patrick

Gio, 22/11/2012 - 12:13

Purtroppo questo e' accaduto anche al "giorno del Padre", siccome non tutti ce lo hanno (divorziati, single, etc, etc...) in alcune scuole lo hannto tolto. Pero il giorno della madre e' rimasto, perche' tutti ce l'hanno! La tipica ignoranza politically correct.

paci.augusto

Gio, 22/11/2012 - 12:18

Cosa c'entra la multiculturalità con una gioiosa e innocente rappresentazione di un evento religioso riguardante la dottrina professata dalla stragande maggioranza degli italiani! L'ipocrisia e la stupidità di questa preside sono disarmanti! Come un presepe possa urtare la suscettibilità di un ragazzo me lo dovrebbe spiegare questa ipocrita! Certamente urta la stupidità di tutti i pregressisti, spesso anche atei, fedeli discepoli di un certo criminale che scrisse ' religione oppio dei popoli '!

comos

Gio, 22/11/2012 - 12:19

La direttrice rinunci anche allo stipendio in favore degli immigrati.

Olimpico 797

Gio, 22/11/2012 - 12:23

Chi ha preso una simile stupida decisione dimostra anche di non avere un minimo di conoscenza della Fede che si preoccupa di non offendere. Il Corano cita più volte Gesù come profeta anche se non gli riconosce natura divina e Maria come un Donna da ammirare (anche il Suo nome ricorre molteplici volte nel Corano), Quindi celebrare la nascita di Gesù che anche per i Musulmani é un profeta non può assolutamente offenderli. Ma la signora insegnante o dirigente scolastica che sia ha ottenuto quello che in fin dei conti voleva : andare in prima pagina. Olimpico797

Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Gio, 22/11/2012 - 12:25

divento volgare sempre quando leggo queste cavolate . scusi preside ma lei è l'amante di un bischero musulmano ?

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 22/11/2012 - 12:30

SE questo e quello che ci aspetta fra poco festeggeremo il compleanno di maometto e tutto il ramadan.Rimanessero a casa , senza andare scuolaquesti figli di beduini e le maestre atee e comuniste dovrebbero andarsene alla mecca .Hanno cominciato con il crocifisso, il natale , san martino, la prossima sara la proibizione di benedire l olivo a pasqua . IO sono poco praticante ma in questo modo divento razzista. SE non vanno bene le nostre usanze , fuori dai collioni.

Ritratto di unLuca

unLuca

Gio, 22/11/2012 - 12:31

Prima si costruisca una chiesa alla MECCA, poi si realizzi una moschea in Italia.

elio42

Gio, 22/11/2012 - 12:33

Ma è una cosa vergognosa che una preside qualsiasi cambi la libertà dei nostri bimbi di godere della festa di Natale per suoi scopi politici!!!!!!

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Gio, 22/11/2012 - 12:35

Perché abolire il racconto dell’Amore innocente? Indipendentemente dal credere o meno in Dio, cosa c’è di più sacro di più santo della nascita di un bimbo atteso con Amore e generato per dare Amore! Perché chiudere la porta in faccia ad un Bambino? Hanno forse paura di ritrovare almeno per un giorno, in quelle braccine aperte l’innocenza perduta, ma che il cuore non ha mai dimenticato, lasciandolo vuoto? Talmente vuoto che cercano di riempirlo con tutto, meno che con quello che il cuore desidera? Che pena!!! E allora, visto che si lasciano dominare dalla razionalità estrema, se persone simili fossero coerenti, dovrebbero riscrivere il calendario, dato che proprio l’evento del Natale che si è verificato più di duemila anni fa, ha spaccato la storia in due: A.C. e D.C. Dovrebbero ritornare indietro nei secoli e vedere di continuare la conta degli anni partendo dal punto della Storia a loro più congeniale, proponendo il loro prima e il loro dopo. Non solo, ma visto che abiurano tutte le tradizioni legate alla cultura cristiana, dovrebbero rinunciare a tutti i benefici che tali tradizioni portano con sé. Di conseguenza la cultrice multiculturale, dovrebbe battersi per tenere aperte le scuole nei periodi che cozzano con la loro visione della Storia e della Cultura, per chiuderle solo nelle varie ricorrenze storiche e culturali che secondo loro, hanno portato al cambiamento radicale. Saremmo alle comiche finali. Mi chiedo come facciano persone che si reputano libere e intelligenti, farsi manipolare così da un’ideologia che di libertà e democrazia da sempre, ne hanno fatto scempio.

Pourparler

Gio, 22/11/2012 - 12:37

Ma andate a vedere chi è questa dirigente scolastica. Figlia d'arte di un assessore regionale, ex assessore alle politiche giovanili del comune di Piacenza. Ex PRC, poi PDCI Laureata in filosofia, pittrice, insegnate, preside. Al centro di uno scandalo dopo che alcune sue foto in costume "diabolico" hanno testimoniato la sua partecipazione ad una festa "poco rotodossa" dove erano tutti vestiti da preti, cardinali, chi da Gesù con la croce, da suore un po' mignotte. Proprio per questo è stata mandata a casa. Guarda caso decide di prendere tale provvedimento... e tanto per prendere per il culo tutti i cattolici da buona e brava comunista... afferma che..."Non rispondo in merito agli sviluppi politici di questa vicenda, perché non sono un politico. Sono un dipendente pubblico, e credo che la politica debba stare al di fuori della scuola pubblica" A 37 anni dirigente scolastica!! C'è gente che a 60 non è ancora di ruolo!!! Vergogna!!!!

Soldato

Gio, 22/11/2012 - 12:40

Da agnostico quale sono, quando leggo queste cose, sento l'irrefrenabile impulso di dichiarami cattolico integralista! Il guaio è che il corpo insegnante è pieno zeppo di sessantottini e seguenti, gente che non sa distinguere la religione dalle tradizioni e questi sono i risultati. Tra un po' chiederemo scusa per essere stati, come popolo, cristiani.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 22/11/2012 - 12:42

nel mio presepe gli angeli son appesi ad una bottiglia di porto e la capanna è una radice, ci sono un panzer, un puffo, monciccì, una civetta e il maiale sta tra il bue e l'asinello, c'è tutto, tutti possono stare nel mio presepe, persino la figurina della juventus tranne preside, collegio e professori se non andranno a lavorare a natale e tutte le feste religiose...per rispetto delle altre religioni terranno la scuola aperta.

coolflames

Gio, 22/11/2012 - 12:42

Non credo che sia questo il passo giusto da fare per l'integrazione. Il pericolo è che questi bambini crescano dando sempre meno importanza alle nostre tradizioni e al Natale, una festa che per quanto contestata alla fine ogni anno ci mette tutti davanti o per lo meno ci fa riflettere sui valori caposaldo della religione Cristiana quali la famiglia, la fede, la speranza e la pace. Perchè dobbiamo perdere le nostre tradizioni, rinunciare alle nostra credenze in nome di uno squallido e arido buonismo? Avrei trovato più utile invitare i bambini di altre religioni a spiegare o con qualche disegno da appendere vicino al presepio o con qualsiasi altro mezzo quali sono i loro valori.

gi.lit

Gio, 22/11/2012 - 12:43

Se fosse accaduto nel Meridione chissà quante cretinate (con l'immancabile accostamento all'Africa) avrebbero vomitato tutti quei dementi che si atteggiano a padani puri e duri.

J.S.Mill

Gio, 22/11/2012 - 12:44

Ma questa preside è spalleggiata dal collegio dei docenti, una banda di odiosi e rancorosi sinistri. La sceneggiata del rappresentante del PD è la solita maschera adottata per non perdere i voti dei cattolici della ex margherita. Bindi, dove sei? Che squallore. E questi vorrebbero governare l'Italia con il 35% del 50% degl'Italiani??? Che sventura sarebbe!!!

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 22/11/2012 - 12:49

Ma sì! vietiamo pure Giotto, Michelangelo, Raffaello Sanzio, Leonardo da Vinci e così via vietando. Alla fine vietiamo pure l'Italia agli italiani e così saranno tutti felici e contenti.

paul_29

Gio, 22/11/2012 - 12:54

...« Il nichilismo. Non serve a niente metterlo alla porta, perché ovunque, già da tempo e in modo invisibile, esso si aggira per la casa. Ciò che occorre è accorgersi di quest'ospite e guardarlo bene in faccia » (Martin Heidegger)

J.S.Mill

Gio, 22/11/2012 - 13:01

Pourparler Gio, 22/11/2012 - 12:37 Grazie 1000 per il ritratto della preside, che descrive una raccomandata dal partito di Peppone, senza arte nè parte: una lazzarona. Ma mi domando: le mamme di Caorso non sono indignate e preoccupate ad affidare i loro figli a questa comunista??? Perchè non ritirano i bambini dalla scuola? Io, lo farei!

mbotawy'

Gio, 22/11/2012 - 13:02

Ospiti Padroni! Provare per credere: fate lostesso in uno stato mussulmano, e poi raccontatemi come e' andata a finire!

Ritratto di marione1944

marione1944

Gio, 22/11/2012 - 13:05

Nessun problema, se la "direttrice" (di ca@@ate)continua nella sua idea idiota o non viene rottamata d'autorità, i genitori farebbero bene a ritirare dalla scuola i loro figli. Poi vediamo come va a finire. Stupida ignorante hai già fatto cazzate in passato e continui a farne ora? vai nella striscia di Gaza a insegnare, la ti concerebbero subito per le feste, non natalizie.

soldellavvenire

Gio, 22/11/2012 - 13:06

io invece la abolirei per rispettare quelli che non possono permettersi di spendere la tredicesima che non hanno per la festa del dio denaro. l'altro dio quello dei poveri, è festeggiato tutti i giorni

Ritratto di gino5730

gino5730

Gio, 22/11/2012 - 13:20

Perchè,su questa oscenità ci sono commenti da fare? Vedo che le idee delle sinistre e di Vendola in particolare, cominciano ad essere applicate.Complimenti a quel preside !! Nei loro Paesi ammazzano cristiani e incendiano Chiese,noi,come contro partita,li ossequiamo in tutte le maniere dall'abolizione dei simboli del Natale,a quella precedenza negli asili ,da quella nelle abitazioni e negli ospedali ai ricongiungimenti con tre a quattro mogli,dalla costruzione di Moschee alla partecipazioni alla festa del Ramadam.Un ministro della cultura serio licenzierebbe in tronco quel preside razzista e discriminatore al contrario.Se non lo fa è perchè ha timore di essere chiamato sporco fascista. Come aveva ragione la Oriana Fallaci,quella maledetta dalla sinistra.

soldellavvenire

Gio, 22/11/2012 - 13:20

togliere i simboli religiosi dai locali pubblici non vi aggrada? allora metteteceli: budda, calì, pareti scritte col corano e la torà, cristi e madonne e presepi e sangennari, francamente allora avrete rispettato tutti, ma... che casino!

AndreaScotti

Gio, 22/11/2012 - 13:21

la solita maestrina cattocomunista, persa nei suoi deliri. La scuola é un grande pollaio dove i nostri figli vengono allevati come polli in batteria, ingozzati con mangime tossico dei sinistri, pronti a diventare tanti mentecatti no-global.

soldellavvenire

Gio, 22/11/2012 - 13:23

ah pardon: volete solo i simboli della VOSTRA religione? allora prego, le scuole cattoliche esistono!

Ritratto di Sal1846

Sal1846

Gio, 22/11/2012 - 13:32

A dire il vero ha cominicato Ratzinger a dire che il bue e l'asinello sono una fantasia di Agostino d'Ippona e che la verginità non è poi tanto tale....anche perchè non si capisce come abbiano fatto gli scrittori a sapere che era vergine pur essendo spasata. Chi glielo avrà detto ? Lei ? difficile dato che ha avuto altri 6 figli almeno ( v. Mt. 13.55)

Ritratto di fornacchia

fornacchia

Gio, 22/11/2012 - 13:35

Io non capisco cosa ci sia di pericoloso e di offensivo ricordare la nascita di Gesù. Rispetto per le altre religioni? Mi sembra che di rispetto, ed anche troppo, lo si sia portato fin'ora, a dispetto della mancata reciprocità. In Libia ad un mio collega hanno fatto togliere il piccolo crocefisso che aveva al collo, ma qui in Italia nessuno qui ha imposto alle donne islamiche di togliersi lo chador e mettersi la gonna corta. Gesù Cristo ha portato al mondo un messaggio universale di pace ed amore, possono dire, le altre religioni, altrettanto?

lorenzo464

Gio, 22/11/2012 - 13:42

a scuola si dovrebbe studiare, non fare presepi, chi vuole il presepe se lo faccia a casa sua; già buttiamo via non so quanti soldi per mantenere fino alle superiori inutili e sbeffeggiati insegnanti di religione (inutile e sbeffeggiati già quando gli studenti erano tutti cristiani e non c'era ombra di musulmani..).

chiara 2

Gio, 22/11/2012 - 13:48

Rinfondazione comunista...FAREBBERO MEGLIO A CHIAMARLI RIFONDAZIONE ISLAMISTA (brutti eversivi senza morale)

caron

Gio, 22/11/2012 - 13:48

E' mai possibile che dobbiamo subire degli insegnanti cretini!!!!!! Devono lincenziarle per non attenersi al programma scolastico. E' sempre stata e spero che ci sarà sempre la recita di Natale. La stupidità purtroppo è sempre presente.

macemax

Gio, 22/11/2012 - 13:49

La migliore integrazione, è quella che ognuno comprenda le diversità dell'altro. Con l'oscurantismo, si accentuano le differenze. Sarebbe stato utile spiegare ai bambini quali sono le religioni e le loro differenze, lasciando quindi ad ognuno la libertà di festeggiare il proprio credo. La soluzione trovata dalla preside in questione, crea solo odio.

onofri

Gio, 22/11/2012 - 14:00

premesso che mi fa molto più schifo la mercificazione OCCIDENTALE del presepe e del natale piuttosto che un iniziativa del genere, credo che se l'intento è davvero quello di non offendere un'altra confessione (e la cosa ha indubbiamente un senso alto in un paese laico) basterebbe fare il presepe (tradizione) "on demand". lo fai in una stanza separata ma pubblica a disposizione di chiunque voglia vederlo.

Fracescodel

Gio, 22/11/2012 - 14:00

Non mi sento piu' cattolico da tempo, avendo abbracciato una fede priva di restrizioni istituzionalizzate, ma il Natale celebrativo e' parte del tessuto della societa' italiana ed e' inconcepibile che ci si debba adeguare per rispettare gente che viene a vivere da noi...sono loro che devono abbracciare la nostra cultura, altrimenti che restino fuori. Non vogliamo certo un'Italia con divisioni etniche e religiose...vogliamo una societa' coesa. Il Natale e' sempre stato celebrato e dovrebbe continuare ad essere cosi'.

chiara 2

Gio, 22/11/2012 - 14:02

Che poi, cosa c'è di offensivo nel Presepe? Nulla. E' solo una questione di volenza ideologica che muove queste persone. Per questo io sarei per chiedere le dimissioni della persona. In secondo luogo, se i genitori avessero un po' di nerbo, chiederebbero che a scuola non si parli più di islam, nè di usanze islamiche in quanto OFFENDONO le altre religioni. Questo almeno sarebbe coerente.

onofri

Gio, 22/11/2012 - 14:07

nonmi2011: sono d'accordo. in effetti non si capisce perchè il presepe lo si debba fare a scuola. ad ogni modo bisogna pure essere un pochino tolleranti con sti cattolici della domenica così sensibili al messaggio amorevole del presepe tanto quanto luciferi nell'augurare le peggio cose a chi è diverso da loro.

Valerio64

Gio, 22/11/2012 - 14:08

Ausonio il Cristianesimo non ha voluto cancellare alcuna ideologia(es.paganesimo)manifestandi il proprio Credo(in Gesù)e queste si sono annientate da sole.Ora è l'elite post-illuminista che mira ad annientare il Cristianesimo per imporre il suo unico pensiero.Che poi ci riuscirà dipende da quanto credenti sono i Cristiani,ma di piu'se lo permetterà il Creatore.E qui ha la risposta.Saluti

Fracescodel

Gio, 22/11/2012 - 14:12

Mi associo a chi chiede le dimissioni della direttrice.

Valerio64

Gio, 22/11/2012 - 14:21

nonmi2011.ha detto delle gran dabbenaggini:si rilegga .Visto che la maggioranza del 99.9% di quella scuola sostiene la tradizione di fare il presepio e, pagando la retta per i propri figli,ha il diritto (e se lo aspetta!)di farlo rappresentare e chi non è d'accordo puo' stare -come lei o la pensa come lei -tranquillamente a casa! Le minoranze vanno tutelate ma non a scapito della stragrande maggioranza.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Gio, 22/11/2012 - 14:30

La stupidità di costei non hà confini,non c'è nessuno di noi che proibisce ad una massa esaltata di scannare in mezzo alla strada i montoni,con o senza la paranoica Brambilla,e così continuiamo a farci del male. Professoressa si trasferisca nei paesi di Maometto,così non vedrà più i presepi.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Gio, 22/11/2012 - 14:32

#chiara2# Concordo in toto. Rinnegare il Natale, specie per chi riesce a coglierne il significato più profondo, é come rinnegare la parte più luminosa di sé. Cordialmente. Rosella

Valerio64

Gio, 22/11/2012 - 14:35

onofriiii: se tu vuoi girare nudo fallo in casa tua,se vuoi accoppiarti con un cane idem,ma non farlo per strada o imporlo ad altri come diritto inalienabile, dato che sono solo tuoi "voleri".Và poi a finire che piu' prima che poi qualcuno piu' "in alto" di te calpesterà le cose cui tu tieni di piu'...Poi non ti lamentare...saluti

Fracescodel

Gio, 22/11/2012 - 14:38

@Onofri, purtroppo le interazioni umane tra culture, etnie e religioni sono da sempre difficili e tese. Questo per ignoranza certo, ma per adesso e' giusto volere una societa' coesa con valori condivisibili. La speranza e' che in futuro questi valori condivisibili siano scevri da restrizioni religiose o etniche e che si rivolgano ad una societa' aperta e civile. Ma per oggi, e per un bel po', l'Italia si dovra' difendere per mantenere una sua identita'. Vede, io non sono cattolico e gli altri cattolici, in genere, non augurano il peggio a nessuno...vogliamo solo che i nostri valori siano rispettati e che se ci deve essere una transizione verso un futuro piu' civile, questa avvenga secondo i nostri termini, per favorire i nostri bisogni ed i nostri voleri, visto che l'Italia l'abbiamo ereditata noi dai nostri avi; mi sembra giusto, logico e normale che noi italiani da generazioni vogliamo determinare il modus vivendi e qualunque transazione verso il futuro, in Italia. Noi rispettiamo gli altri, ma esigiamo rispetto, a casa nostra. Molti di noi, poi, non abbracciano l'entusiamo del Pres. Napolitano ad ospitare immigrati. Le nazioni sono cose serie, ed il globalismo puo' essere un fenomeno pericolosissimo e destabilizzante se velocizzato e non sintonizzato armoniosamente. Ex-Yougoslavia docet.

baio57

Gio, 22/11/2012 - 14:39

@ bisesa dutt - Prima affermi che è un'idiozia ,poi dici che sarebbe meglio spostarlo in "altri" luoghi .Tipico distinguo dei sinistro-labili ,un po' come la frase " diversamente ladri" da voi coniata .

vivaitaly

Gio, 22/11/2012 - 14:41

a voi amanti degli stranieri e della multietnicita'. Questo e' quello che succedera' se lasciamo invaderci da gente di religione diversa. Non capisco quanto ignoranti e ingenui siete, vengono a casa nostra, e molti di loro clandestinamente e li facciamo comandare. Ma come e' possibile che volete distruggere le nostre tradizioni, cultura, religione Cristiana e identita'? Certo che l'ignoranza e' arrivata al culmine. Se andiamo di questo passo diventeremo un paese del terzo mondo, facciamo entrare gente del terzo mondo e diventeremo del terzo mondo. Grazie all'ignoranza dell'ideologia di sinistra e della chiesa cattolica anti Dio.

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 22/11/2012 - 14:42

Xonofri - Non siamo noi a vivere in altra nazione.S e da noi GRAZIE A DIO credente o no abbiamo queste tradizioni nella nostra cultura, non vedo perche dobbiamo cambiarle solo per favorire quattro beduini . E mi fermo qui per censura. SE a queste maestra o i genitori mussulmani o scimmieschi che siano non va bene la recita di natale , rimanessero a casa. Oppure smammano da questa Italia che oramai comincia ad avere le pulle piene di tipi come lei che per partito preso sputano anche sui nostri secolari costumi.Fuori ritornassero all oasi tanto amata´, qui cé trippa solo per gatti , ma non per certi usuari.

ElenoireS

Gio, 22/11/2012 - 14:45

Addirittura togliere la magia del Natale ai nostri bimbi? Ma quale rispetto, ci stanno piano piano togliendo tutto!!! Domanda: a "casa loro" avremmo avuto lo stesso trattamento???

gian carlo galli

Gio, 22/11/2012 - 14:48

ci deve essere un primo, una prima, che si inventa l'anti italianita' ! a questa classe di maestri / e e prof. una grande vaffa !!! questa 'gente' si ricordi che nel professare il loro ruolo, sono pagati/e da tutti noi. rispettino prima di tutto l'essere italiani !!!!

gian carlo galli

Gio, 22/11/2012 - 15:00

questa preside Sig.ra Bruschini e' da manicomio. mandare i bambini alla 'sua scuola' vorra' dire partecipare alle scelte di una persona 'deviata'.

Hannes

Gio, 22/11/2012 - 15:04

Non c'è niente da fare: ogni anno ce n'è una di queste presidi/professoresse ignoranti come bestie. Una proposta: spedire tutti i musulmani in Afghanistan e tutti i comunisti in Corea del Nord. Dovrebbero essere contenti, sono i loro rispettivi paradisi... Forse così lo diventerebbe anche l'Italia per tutte le persone di buon senso. PS. Solidarietà a polizia e Carabinieri!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 22/11/2012 - 15:14

#marforio. Egregio, signore ma non sarebbe meglio a togliere la gratifica di natale a chi non é credente della religione cattolica? io questo ho domandato a dei Turchi che disprezzavano il natale, loro mi hanno risposto che se noi siamo talmente cretini da dare ai mussulmani la 13a allora questo é colpa nostra!. Io, faccio una proposta a onofri é a tutti quelli che non vogliono i presepi nelle scuole, andate a a lavorare il 24 25 e 26 dicembre, e rinunciate alla 13a in favore dei mussulmani, anzi perche non andate a vivere dai vostri amici in Nigeria, Sudan,Marocco o Turchia?! BASTA CHE VI TOGLIETE DALLE PALLE!. Questa, gentaglia prima si é venduta ai Russi é adesso si vendono ai Mussulmani, il nostro é un Paese Cattolico, anzi é stato il primo Paese al Mondo a diventare Cristiano dopo la caduta Dell,Impero Romano, chi non vuole essere Cristiano vada dalla Sacra Rota a rinnegare Cristo é si prenda la Religione dei Mullah!, noi siamo da piu di 2000 anni cristiani, é i comunisti che non hanno Religione possono andare a fan Kulo!. BELLO CHIARO E TONDO! QUESTO É IL MIO MODO DI PENSARE; CHI NON STÁ BENE IN ITALIA É LIBERO DI ANDARE VIA!. distinti saluti, pasquale.

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Gio, 22/11/2012 - 15:16

la spinta al razzismo. -Eppure pare che dovrebbe essere un docente che avrebbe dovuto frequentare tanti corsi di didattica per poter tenere a bada ed acculturare al meglio dei bimbi ed impartire loro un buon indirizzo-guida nella vita. Che t'aggia dì :"Bbbbbbrava!".

Rascalino

Gio, 22/11/2012 - 15:16

Penso che il compito di una educatrice sia quello di educare e non di reprimere. Al suo posto non avrei proibito la celebrazione della natività di Nostro Signore che si concretizza nella fattispecie nel Presepio (cosa sicuramente voluta dalla stragrande maggioranza della popolazione) ma avrei posto l'accento sul modo diverso di celebrare certe ricorrenze da parte dei popoli islamici senza prevaricare o ledere od offendere i sentimenti della stragrande maggioranza della popolazione. sono sicuro cmq che queste "attenzioni" poste da certe educatrici sono apprezzate dai popoli islamici ed io dico a questi soggetti che sarebbe opportuno che andassero a vivere nell'islam.

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Gio, 22/11/2012 - 15:23

ma la cosa potrebbe dipendere dalle frequentazioni della "signora", si copisce che il benessere può dare di stomaco!

lamwolf

Gio, 22/11/2012 - 15:25

Genitori, buttatela fuori dalla scuola come si fa a toccare la festa più sentita da tutti e soprattutto dai bambini. Si vergogni sigora Bruschini lei è lì per insegnare e portare avanti le trazioni italiane che siano religiose da duemila anni e anche quelle civili. Lei non è degna di far parte degli educatori cambi mestiere. Ogni genitore porti una statuina del Presepe e un addobbo per l'albero e fatelo tutti insieme con i vostri figli.

Solasipe

Gio, 22/11/2012 - 15:29

Sveglia ci stanno togliendo la nostra identità !!!! Ci stanno svendendo !! Non abbiamo sangue nelle nostre vene: questa è la verità. Se abbiamo le palle ora è il momento di tirarle fuori. !!!! Non ci sono possibilità di scrivere a qualcuno il disgusto italiano per questo ? Stiamo diventando schiavi delle altre religioni. Avete visto ad Odifreddi cosa è successo perchè ha espresso il proprio punto di vista verso gli ebrei ? Epurato dal sito di Repubblica!!! Dobbiamo fare anche noi lo stesso !! mettere all'angolo questa preside e tutte quelle come lei.

tommy1950

Gio, 22/11/2012 - 15:33

Se questo è il prezzo che dobbiamo pagare per fare spazio agli stranieri di altre religioni(che di solito non rispettano la nostra) e cioè ai mussulmani, ebbene vi dico che se ne vadano affan......da dove sono venuti.Questi pseudo insegnanti devono essere sospesi dalla scuola e mandati via per incapacità all'insegnamento ed esiliati in uno stato arabo per un anno(così imparano meglio la tolleranza).

Ritratto di kinowa

kinowa

Gio, 22/11/2012 - 15:34

Mi chiedo, ma questi bimbi cristiani, avranno dei genitori? A loro và bene che vengano mortificati i loro figli per non offendere gli altri ?(sempre che si sentano offesi o è solo una sega mentale della preside). Dico a voi, ribellatevi o siete come quella madre orgogliosa se il figlio scned in piazza e tira i sassi alla Polizia???????

adriano1

Gio, 22/11/2012 - 15:35

In un bel pomeriggio di agosto, un porcospino se ne andava girovagando per il bosco. Come spesso succede in estate, improvvisamente il cielo si mise a brontolare, le nuvole ad ammassarsi e di lì a poco cominciò un temporalone estivo con gocce grandi come una palla da golf, con lampi, fulmini, saette e tuoni da far paura . Il porcospino, ormai tutto inzuppato, si mise a correre di qua e di là in cerca di un rifugio, senza però trovarlo. Ad un certo momento vide tra le radici di un grandioso pino, un buco dove ripararsi. Ma si trattava di una tana già occupata da una lepre. Allora il porcospino, rivolgendosi alla lepre le disse :" Per favore, sii buona - sono tutto bagnato - stingiti un poco e lascia che mi ripari anch'io !" La lepre , che tutto sommato era una buona diavola, disse : " Va bene, entra; ma quando la pioggia smette, te ne devi andare !" Il porcospino assentì e entrò all'asciutto e al caldo . Poi, come tutti temporali d'estate, anche quello smise, cominciò a spiovere e dopo poco un sole splendido inondava il cielo e la terra . La lepre allora disse al porcospino che non c'era più ragione che se ne restasse nella sua tana .A quelle parole il porcospino , invece di ringraziare e andarsene, aprì gli aculei ferendo la lepre che gli stava accanto . " Ma cosa fai - disse la lepre- mi fai male ! Piega i pungiglioni e vattene !" Il porcospino, senza fare una piega e mantenendo gli aculei sempre aperti , rispose : " Mah.. io sto bene così.. e chi non sta bene , che sia lui ad andarsene !" Dunque, tolleranza e accoglienza, bene! Ma stiamo attenti a non fare la fine della lepre !

Ritratto di petrus

petrus

Gio, 22/11/2012 - 15:36

Ma è possibile che dobbiamo accettare passivamente queste cose? Dove si trova l' Onore ITALIANO? Cacciate via sta preside imbecille, e non solo .....lei...

Ritratto di giorgio ventavoli

giorgio ventavoli

Gio, 22/11/2012 - 15:38

noto con piacere che il 90% dei commenti è decisamente contrario, anche se con motivazioni diverse, alla preside e alle di lei decisioni. Immagino che tra questi critici ci siano lettori di destra ma anche di sinistra. Come diceva Guareschi "Litigavano, si picchiavano, ma sulle cose importanti si trovavano d'accordo". Un po' di speranza, finalmente!

Noel66

Gio, 22/11/2012 - 15:39

Viva il presepe nelle scuole,alla faccia di quei primitivi di Rifondazione. Che si rifondassero il cervello,na buona volta. @Ausonio: ribadisco, leggere te e leggere il Mein Kapft non fa differenza.

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 22/11/2012 - 15:41

"Per rispetto delle altre religioni" ! ? - - - Questo paese è diventato il miglior Centro Allevamento Cretini a livello planetario. Propongo tale Ma­nuela Bruschi­ni quale migliore allieva del reparto pedagogico del Centro in questione.

emi46

Gio, 22/11/2012 - 15:52

un paese serio avrebbe internata la preside. masiamo una nazione di pulcinella (senza offesa per pulcinella) percui tutto è ammesso. sarà per questo che a 66 anni sto cercando di andarmene dall'italia

LMF

Gio, 22/11/2012 - 15:52

Leggere Questo è molto triste vedere anche in Italia le cose sono cambiate .. PENSAVO L'italia Fosse restata Una Nazione Migliore delle tante altre, invece sto notando Che in Italia seguite le altre come la Usa !!! Questo e'pazzesco...essendo Italiana e vivendo Negli USA mi dispiace leggere queste assurde Notizie ..

luxorsin

Gio, 22/11/2012 - 16:16

All'egregia dirigente ed al collegio dei docenti che la spalleggia direi che, se fossero coerenti e non volessero offendere nessuno, dovrebbero rinunciare alle vacanze di Natale ed in quei giorni recarsi a scuola a fare lezione a chi non riconosce le nostre festività religiose. E' troppo comodo dare lezioni di multiculturalismo godendo comunque nel contempo di vacanze retribuite.

Gadget Kitsch

Gio, 22/11/2012 - 16:24

Tocca ancora leggere di queste notizie? Tocca ancora dovere ricordare a certi "insegnanti" ignoranti che, anche in un'ottica multiculturalista, è doveroso affermare con orgoglio e rispetto le proprie tradizioni culturali e religiose, che il S.Natale si chiama così perchè festeggia la nascita del Cristo ed è dunque una festa cristiana?? Il multiculturalismo non è una sbobba da mescolare sciogliendoci dentro i nostri valori, ma una vetrina in cui devono brillare le diverse e distinte culture, nel rispetto reciproco e mantenendo anche giuste e rispettose distanze.

Gadget Kitsch

Gio, 22/11/2012 - 16:26

Dateci la mail della scuola che commentiamo direttamente ai Signori Insegnanti.

Giovanni Aguas ...

Gio, 22/11/2012 - 16:26

La signora in questione, per essere coerente con le sue idee dovrebbe girare con il velo in modo da non offendere i religiosi uomini mussulmani. O si diventa cosi' riguardosi solo quando si tratta della religione Cristiana? Rispetto per tutti, non solo a chi si vuole.

patrenius

Gio, 22/11/2012 - 16:26

La soluzione c'è: per non offendere gli italiani mandiamo la direttrice a pulire cessi nel sociale.

scotlandfree

Gio, 22/11/2012 - 16:37

Come minimo mi aspetto che la signora vada a lavorare durante le vacanze natalizie, per non dare un messaggio negativo ai poveri studenti di diversa cultura che ne resterebbero irrimediabilmente turbati.

Max Devilman

Gio, 22/11/2012 - 16:39

giorgio ventavoli: speranza vana, le persone di sinistra concordano al 100% con la preside, non si faccia illusioni, diversamente non sono di sinistra, al massimo democristiani che votano a sinistra.

vince50

Gio, 22/11/2012 - 16:43

Se il mondo intero ci mette i piedi in testa,non è colpa del mondo ma nostra.Ecco perchè l'italia è allo sfascio perchè siamo un popolo senza dignità senza etica e senza nessun orgoglio nazionale.Non siamo rispettati perchè non lo meritiamo,ecco perchè ci sarebbe bisogno di manganello e olio di ricino,per ripristinare la dignità e il rispetto che ci siamo persi.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 22/11/2012 - 16:51

Ma le vacanze pagate ai professori quelle si devono fare giusto? tutti a scuola a Natale professori in testa, Babbei e bimbominkia quando vi scrivo che l'Italia è morta non scherzo.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 22/11/2012 - 16:59

Scommetto il mio magro stipendio che e' sinistra.

Max Devilman

Gio, 22/11/2012 - 17:00

vince50: non credo che metodi che propone OGGI possano avere qualche risultato, basterebbe fornire ai cittadini MAGGIORE CONSAPEVOLEZZA, sulle proprie capacità, basterebbe infondere fiducia e ottimismo.......si esatto, l'opposto di quello che fa questo governo. E' chiaro che noi in Italia abbiamo un ideologia medioevale comunista che ci frena sotto ogni punto di vista e questo citato nell'articolo è uno dei tanti esempi, siamo l'unico paese d'europa che al posto di allontanare il comunismo lo vorrebbe portare.

scotlandfree

Gio, 22/11/2012 - 17:03

Come minimo, per mostrarsi coerente, la signora dovrebbe recarsi a lavoro a scuola anche durante le immotivate vacanze natalizie altrimenti i bambini di diversa cultura ne resterebbero irrimediabilmente segnati,

chiara2012

Gio, 22/11/2012 - 17:06

una curiosità:la sinistra signora è a scuola durante le vacanze del famigerato NATALE,o se ne resta a casa a vacanzare?redazione,informatevi,molti ve ne saranno grati.

enzo1944

Gio, 22/11/2012 - 17:09

Preside,sei solo una perfetta ASINA!!

linoalo1

Gio, 22/11/2012 - 17:33

Quella Direttrice andrebbe mandata a dirigere le scuole in Africa!Ma,è mai possbile che dobbiamo essere noi ad adattarci alle religioni degli Invasori e non loro alla nostra?Mica li abbiamo chiamati noi!E,allora,o si adeguano alle nostre usanze o se ne tornano a dove sono venuti!O no?Lino

lakos29

Gio, 22/11/2012 - 17:33

mi chiedo se alle mamme islamiche faccia togliere il burqua quando entrano nella struttura, quello si che traumatizza i nostri bimbi ed è anche un simbolo che identifica l'inferiorità della donna nella cultura di certa gente. comunque mi chiedo perché tutti attacchino i simboli della nostra cultura, quando ero piccolo io c'erano bambini stranieri a scuola ma nessuno si azzardava a toccare il presepe. se poi vogliamo dirla tutta per gli islamici Gesù è l'ultimo grande profeta di Allah prima della venuta di Maometto, quindi mi chiedo come possono gli islamici scandalizzarsi se si festeggia la nascita di un loro profeta?

Patriziaa

Gio, 22/11/2012 - 17:34

Rispetto si per le altre religioni , ma non possiamo e non dobbiamo permettere di perdere la nostra identità .Non credo che i nostri figli verrebbero rispettati nei loro credi religiosi se andassero a scuola in un paese mussulmano.La scuola dovrebbe insegnare integrazione e rispetto per gli altri , ma non per questo dobbiamo perdere il rispetto di noi stessi.Cmq la preside dovrebbe lasciare la scuola aperta durante il periodo natalizio chi non e cattolico visto che ci tiene tanto!!!!!!

riccardo888

Gio, 22/11/2012 - 17:35

A parte, caro Donigaglia, risparmierei i commenti sarcastiti su Caorso, vorrei vedere te abitare sotto una centrale nucleare, il problema é che la Bruschini non é molto lineare. Se non ricordo male v'era stato un precedente strano di festa di Halloweem seguita da intervento dei templari. Detto questo, il rispetto per le religioni si ottiene coinvolgendo tutti non evitando le celebrazioni. Mi spiego meglio: si festeggi il natale e si faccia il presepe. Se poi ci sono bambini mussulmani, si organizzi qualcosa per il Ramadam o altre celebrazioni. Non vi pare piú logico ed educativo?

barbanera

Gio, 22/11/2012 - 17:37

C'è un gusto sadico nei sinistrorsi.Godono profondamente a dire e fare cazzate,ben sapendo che non avranno seguito,ma così,per il gusto di rompere,di fare dispetto.E' tipico principalmente nelle femministe e negli uomini "femministi"(barba,sciarpa,unità sotto il braccio,ecc.).Che volete fare,ci vuole pazienza e il pelo sullo stomaco.Questi sono come i funghi,appassiscono e diventano brutti e insipidi.

Altaj

Gio, 22/11/2012 - 17:49

E quali sarebbero le altre religioni da rispettare ? Chi, venendo a vivere in Italia, si sente offeso dalle nostre tradizioni ? Il 70% degli immigrati è di religione comunque cristiana siano essi protestanti od ortodossi, allora questo provvedimento da cornuti, viene applicato per non urtare la sensibilità di una minoranza non cristiana, del tipo Islam, dea Kalì, Manitù o roba del genere. Se vogliamo far ridere, con questi presidi da quattro soldi bucati, ci stiamo perfettamente riuscendo. A zappare la terra, altro che fare gli insegnanti.

mario.de.franco

Gio, 22/11/2012 - 17:53

E' il riscontro degli effetti negativi delle radiazioni....

plaunad

Gio, 22/11/2012 - 17:58

Quelle maestre non solo sono eschine ma pure di una ignoranza aissale. Gesù Cristo non é affatto odiato dai mussulmani che lo considerano un Profeta. Se poi pensiamo agli omaggi che i nostri Amministratori rendono al Ramadan ed il Sindaco di Milano che addirittura sponsorizza la festa indù abbiamo la misura dell'abisso in cui siamo sprofondati.

scotlandfree

Gio, 22/11/2012 - 18:05

Siamo alle solite sinistrate; prendersela con i cattolici ed i loro simboli è talmente facile e comodo... un po' come accade per il gaypride: comodo farlo per le vie di Roma offendendo il Papa, provate ad andare a farlo per le vie di Teheran e poi vediamo.

vivaitaly

Gio, 22/11/2012 - 18:17

Dichiaro una protesta e un referendum per uscire da questa legge Schengen e non far entrare piu' stranieri, altrimenti una RIVOLUZIONE.

Ritratto di Markos

Markos

Gio, 22/11/2012 - 18:24

Licenziata subito e privata della cittadinanza Italiana , subito accompagnata alla frontiera ed espulsa dal territorio nazionale come persona non gradita.

Ritratto di Markos

Markos

Gio, 22/11/2012 - 18:27

Francesco Porcari , il suo cognome la definisce molto bene non ce bisogno di aggiungere altro , vada vada in porcile .

brizz53

Gio, 22/11/2012 - 18:37

se vai in un paese islamico,e non rispetti la loro religione,ti impiccano.qui possono fare quello che gli pare ,la cosa non esiste proprio,questa pseudo direttrice, se non ha le palle per fare rispettare religione e tradizione,lasci il posto a persone piu determinate e vada a vendere cicoria al mercato.

Ritratto di Tora

Tora

Gio, 22/11/2012 - 18:37

Il "multiculturalismo", il "pacifismo", l'"antirazzismo" militanti coprono con un velo di presunto perbenismo la ormai secolare lotta comunista. Con la complicità, consapevole o da utili idioti, dei media, la cosiddetta "società civile" si contrappone alla società "incivile"? che considera la propria storia e le proprie tradizioni come un unicum da proteggere, una bussola, un solco da ripercorrere nella lunga strada della vita. Ben venga l'apertura ad idee nuove, a concetti diversi, ma che siano funzionali e asservibili ai nostri territori, alle nostre genti, non devono servire a disintegrare il tessuto sociale autoctono. Occorre essere fieri di ciò che si è e non permettere a nessuno di metterci in discussione, per distruggerci. Per quanto riguarda il sentirsi offesi, io e molti altri ci sentiamo offesi il 25 aprile, giorno in cui preferiamo festeggiare San Marco.

Ritratto di Sig. A

Sig. A

Gio, 22/11/2012 - 18:42

Ecco un caso in cui multiculturalismo fa rima con stupidità!

Ritratto di centocinque

centocinque

Gio, 22/11/2012 - 18:46

Ma cosa ci si può aspettare in un paese che ha abolita l'Epifania e però ha introdotto il festeggiamento di Halloween?

Ritratto di Manieri

Manieri

Gio, 22/11/2012 - 18:47

Ausonio, lei dice delle cose estremamente giuste riguardo il multiculturalismo, delle cose sbagliate riguardo il cristianesimo, delle cose estremamente sbagliate riguardo l'ebraismo. Lei ha una conoscenza troppo superficiale della spiritualità cristiana, troppo distorta dall'immagine materializzata che da secoli offre di essa la imperante cultura laica e l'ideologia illuminista (che ha contaminato in epoca moderna anche e soprattutto il cattolicesimo). Ha mai letto Meister Eckharth ad esempio, o gli autori cristiani tardo antichi? Lo faccia e si formi una coscienza critica diretta, non mediata da quello spirito che lei crede di combattere radicalmente e che invece in parte la condiziona. Sul terzo punto le ripeto, non esiste "il complotto ebraico", esiste "un complotto di ebrei"

mariolino50

Gio, 22/11/2012 - 18:48

Io non sono di destra, consiglio alla preside di farsi un giretto in qualche paese islamico, ma non nei villaggi turistici, vada da sola a fare il turista fai da te, e vedrà come sono tolleranti da quelle parti, chi ragiona o meglio sragiona in quella maniera, ha sicuramente visto il mondo solo alla tv, dovrebbe mettersi il velo e il barracano anche d'estate, e guai a far vedere una croce, io posso accettare tutti, ma quella gente li non la sopporto, anche ieri ho visto delle cretine vestite in quel modo, verrebbe voglia di strappargli tutto di dosso, che imparino a vivere come qui, altrimenti raus, nessuno li ha chiamati.

tiptap

Gio, 22/11/2012 - 18:53

Sono gli stranieri che devono integrarsi, se vogliono stare in Italia! Noi abbiamo le nostre leggi, i nostri gusti, le nostre tradizioni e, soprattutto, le nostre radici cristiane, che sono la fonte della nostra saggezza e della nostra civiltà (che è senza alcun dubbio migliore di quella musulmana). Chi si sente a disagio se ne torni a casa sua (e magari!!!).

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Gio, 22/11/2012 - 18:57

Ma questa dirigente dell'istituto ha mai sentito parlare del "principio di reciprocità"? Loro cosa fanno nei nostri confronti? Che tristezza!!

Ritratto di semovente

semovente

Gio, 22/11/2012 - 18:57

La prostituzione sta dilagando.

ninito

Gio, 22/11/2012 - 18:58

Spero che quella deficente di una preside, che si dice italiana, e che rispetta le tradizioni e la cultura italiana, sia stata trasferita in Marocco.

Ritratto di Markos

Markos

Gio, 22/11/2012 - 19:03

IL CORANO DICE : QUANDO MUORE UN UOMO A SECONDA DEL SUO COMPORTAMENTO IN VITA LA SUA ANIMA VA IN PARADISO O ALL'INFERNO , LE DONNE NON HANNO ANIMA QUANDO MUOIONO NON VANNO DA NESSUNA PARTE, IO FAREI UNA DEROGA PER LA PRESIDE , VAI ALL'INFERNO.

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 22/11/2012 - 19:09

xpasqualeesposito- Questa signora e un prodotto 68ttino. quelli che volevano cambiare il mondo laureate da chissacchi, vorrei sapere ´che hanno studiato per la strada tra una manifestazione e l altra .ecco il risultato. Oggi va bene cosi . Purtropppo debbo ammettere che sono pochi gli stranieri che vorrebbero cambiare qualcosa , c´e sempre un cretino progressista che leva le castagne dal fuoco pretese assurde qui in tutta europa.Anche io mi sono mille volte chiesto perche i tedeschi davano weihnachtgeld a mussulmani, io li farei lavorare senza extra nei giorni natalizi :poi vedendo la reazione qui di certi brutti ceffi di sinistra mi domando e meglio convertire gli stranieri e mandare fuori paese tutta l accozzaglia rossa.

idleproc

Gio, 22/11/2012 - 19:10

E' che sono idioti. Non è una questione di idee diverse, sono solo idioti. Le tradizioni di un popolo si rispettano sempre a casa propria e fuori da casa propria, quelle degli altri. Il nostro popolo per cultura e tradizione è cattolico. Tutte le persone che conosco, agnostici come me e atei compresi, festeggiano il Natale. Ce ne è solo uno che fa finta che il Natale non esista. E' un liberal-anarchico-fondamentalista. Gli mandiamo regolarmente tutti gli anni a Natale, feste comandate, quella del patrono e pure all'onomastico auguri con foto di processioni e santini. Vi consiglio di procedere allo stesso modo, qualche dubbio su cosa sia il rispetto e la tolleranza reciproca, prima o poi gli verrà.

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 22/11/2012 - 19:22

nonmi2011 22/11 12:11 scrive: "… l'Italia è uno Stato laico … Di conseguenza, via non solo le feste religiose, di qualunque religione, dagli edifici pubblici, quindi laici per costituzione, e via anche il crocefisso o ogni altro simbolo religioso, di qualunque religione, da tutti gli edifici pubblici, dagli ospedali alle scuole ai tribunali …" - - - Bravo, il suo commento è davvero IDIOTA e le spiego perché. Perché lei, ed altri al par suo che insultano la normale decenza e intelligenza su questa rubrica, dovrebbe allora chiedere, ad esempio, all'UE o anche all'ONU di togliere il simbolo della croce dai vessilli nazionali. Ben 17 nazioni hanno la croce nella loro bandiera (perfino le Isole Tonga che nello stemma reale ne ha 3). Poi dovrebbe richiedere alla Redazione di questo quotidiano nonché alle più alte Istituzioni di questa Repubblica di non menzionare l'anno 2012 e prossimi futuri poiché fa riferimento ad un episodio religioso e per di più (che orrore) cristiano. È ora di finirla con questo imperialismo! Perché tutto il mondo, ma proprio tutto, usa il calendario che fa riferimento alla data di nascita di Gesù? Non trovo però la formula da applicare per rispetto agli atei, agnostici, non confessionali più o meno convinti e/o menefreghisti in genere. Aspetto che uno dei vari commentatori "laici" mi illumini in materia informandomi quale dovrebbe essere la data laica odierna. Solo in tal modo il ns stato laico sarà effettivamente laico; magari adottando la soluzione della ex DDR che utilizzava sì il calendario Gregoriano, ma sostituendo il noto AD (Anno Domini) con il tanto laico quanto ipocrita "UZ" (unserer zeitrechnung), alias "nostro computo del tempo", alias più ridicoli di così, impossibile. A questo punto e per analogia, organizzate un referendum, meglio se a livello europeo, per obbligare subito tutti i paesi membri ad abolire i Santi Patroni per i vari ordini/corpi SPECIE QUELLI MILITARI! Togliere subito anche le effigi religiose da tutti gli stemmi, stendardi e gonfaloni comunali, provinciali, regionali. In Italia si può cominciare dalla bandiera della Marina Militare e Mercantile, via il Leone di S. Marco con tutto il suo Vangelo, buttiamolo a mare. Siamo o non siamo uno stato LAICO? Cambiamo il nome delle due navi S. Giusto e S. Giorgio con due nomi laici e progressisti, magari Baffone e Baffino e, già che ci siamo, aboliamo da domattina il noto invito "In nome di Dio, taglia!" rivolto dalle madrine ai vari delle navi. Nello stemma di Altidona (Ascoli Piceno) c'è una Croce su una collina; e come si permettono di esporre tale immagine magari in comune? Idem per i nomi di valli, passi, vie, contrade, piazze, città. Conclusione : Se il ridicolo fosse un virus letale, lei e altri come lei, sareste già da tempo a spingere radicchio.

Ritratto di semovente

semovente

Gio, 22/11/2012 - 19:37

La prostituzione sta dilagando.

Ritratto di semovente

semovente

Gio, 22/11/2012 - 19:38

La prostituzione sta dilagando

ireago

Gio, 22/11/2012 - 19:50

vigliacca e traditrice vendi la nostra cultura. Miserabile, vergogna. Astro

FERCAS

Gio, 22/11/2012 - 20:48

Due cose sono infinite : l’Universo e la stupidità umana. Ma per quanto concerne l’Universo non ne ho ancora acquisito la certezza assoluta [Albert Einstein]

Ritratto di MARINA58

MARINA58

Gio, 22/11/2012 - 20:49

Solo un piccolo pensiero, molto amareggiato che ripropongo ancora oggi, perchè più attuale che mai!! "questo è il Paese dello sconforto, piove, tira vento e suona a morto" Oggi...più che MAI!!! povera...ITALIA!! E...RA FINI CHI SEI FENDI!!!

killkoms

Gio, 22/11/2012 - 20:49

dovremmo diventare tutti atei per non offendere i i seguaci di maometto?ma il bello è che a parte qualche beota,la maggior parte della gente d'importazione non ha mai sollevato questioni! sono i comunisti che con la scusa degli stranieri,ne approfittano per colpire il senso religioso degli italiani!mi piacerebbe un parere in merito della pinzochera più bella che intelligente!

Francesco Porcari

Gio, 22/11/2012 - 21:37

Egr. Utente Max Devilman (spero sia il suo vero nome). Nessun sarcasmo; i valori che lei enuncia sono obsoleti da un pezzo; i libri sacri devono andare in soffitta. Gli stati teocratici (come l' Italia che lega nella costituzione la CCAR allo stato) sono i più conservatori e alla occorrenza reazionari (nel senso fisico). La religione, qualunque sia, ha valore solo come momento spirituale privato. Per questo và espulsa dalla educazione pubblica assieme ai suoi simboli. Il mio plauso alla direttrice, a chi la ha preceduta senza che lo sapessi, a chi verrà dopo di lei, è chiaro, sincero, senza trucchi.

dare 54

Gio, 22/11/2012 - 21:52

e da domani studio obbligatorio dell'arabo....per rispetto di tutti coloro che in Italia non parlano l'italiano! Via il bianchetto dal Veneto, la bagna cauda dal Piemonte, la pizza dalla campania e le orecchiette dalla Puglia! E smettiamola pure di mangiare il panettone, altrimenti discriminiamo la minoranza che preferisce il kebab! E facciamo sparire tutti i maiali dal territorio nazionale, per rispetto di coloro la cui religione ne vieta il consumo. Dove vogliamo arrivare? Vogliamo veramente cancellare la nostra identità e le nostre tradizioni?

pajoe

Gio, 22/11/2012 - 22:14

la preside in questione, multiculturalista del nulla, fa finta di non sapere che le tradizioni Cristiane fanno parte della cultura dell'Occidente e gli immigrati che vengono qui' devono attenersi alle nostre leggi e tradizioni e non, come la signora pretende, noi alle loro, la tolleranza ha un limite anche per i miei amici Leghisti!!

kayak65

Gio, 22/11/2012 - 22:15

suggerisco alla dirigente di emigrare in corea del nord;la' non e' ammessa alcuna religione,pertanto si trovera' senz'altro a suo agio.paghiamogli noi il viaggio di sola andata.ne sara' senz'altro contenta

silvano_agg

Gio, 22/11/2012 - 22:28

Guardatevi attorno, gli stranieri sono in maggioranza. La sinistra ha raggiunto lo scopo:domani avranno il diritto al voto e potrà governare, il Paese è stravolto per la presenza di Persone diverse da noi ... e chi se ne frega, la sinistra avrà raggiunto lo scopo: la poltrona.

silvano_agg

Gio, 22/11/2012 - 22:32

Rassegnatevi, ormai l' Italia è in mano agli stranieri ... grazie al buonismo sinistro. I politici sinistri vi hanno ingannato ancora, ormai non c'è più scampo vi hanno incocconati, indottrinati.

mastiff89

Gio, 22/11/2012 - 23:09

ke vergogna...qst sono tt le conseguenze di un paese dove i comunisti hanno sempre il sopravvento grazie alle leggi di marchio rosso

lorenzo11

Ven, 23/11/2012 - 00:11

Ma questa direttrice è mai stata nei paesi islamici e mussulmani?, penso di no perchè sicuramente non hanno tutte queste attenzioni verso le altre religioni. Se non vuole disturbare gli ospiti stranieri dovrebbe obbligare gl'insegnanti ad andare a scuola il giorno di Natale e altre feste religiose in quanto per loro non essendo giorno festivo devono andare regolarmente a scuola.

Ritratto di Lorenzo Mazzi

Lorenzo Mazzi

Ven, 23/11/2012 - 00:18

Allora io dovrei offendermi per tutti quelli che occupano in massa i marciapiedi pregando scalzi e in posizione da scoreggioni. Dovrei offendermi per le moschee e la puzza che fuoriesce da dove cucinano i kebab,per il loro modo di macellare gli animali e per la loro prevaricazione sulle donne. Ma quello che mi offende veramente sono tutti gli italiani che abiurano le proprie radici e la propria cultura, buonisti (o codardi) nei confronti di chi ci sorride davanti ma nel profondo ci disprezza.

battintesta

Ven, 23/11/2012 - 00:22

La logica del rispetto degli stranieri, oltre a non aver il benchè minimo riscontro presso le altre culture, equivale ad annientarsi gratuitamente, un po' come quello che si astiene dall'andare con la moglie per non mettere in imbarazzo i gay!!! Ma certe presidi la materia grigia ce l'hanno o hanno comprato la laurea?

Marcello.Oltolina

Ven, 23/11/2012 - 00:55

La preside che ha vietato o pensato di vietare la festa del Natale a scuola è priva dei requisiti minimi per occupare la posizione e va rimossa immediatamente per tradimento verso la cultura e la tradizione Italiana - tradizione che va rafforzata e consolidata, non indebolita.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 23/11/2012 - 01:06

Cosa ci si poteva aspettare da una ex comunista del PCI? L'ennesima azione demagogica rivolta a scardinare le nostre tradizioni in nome di un'ideologia obsoleta. QUESTI TRINARICIUTI ROVINANO ANCHE L'INNOCENZA DELL'INFANZIA.

Nadia Vouch

Ven, 23/11/2012 - 05:29

Ogni anno, da qualche anno, la stessa storia. Allora, sapete cosa? Aboliamo anche i compleanni, gli Onomastici assolutamente, e poi tutte le sfilate di Santi. Anzi, per coerenza, aboliamo anche il Miracolo di San Gennaro. Penso che tutti i Napoletani saranno favorevoli.

Pento Gaetano

Ven, 23/11/2012 - 08:02

Mandatela in Iran, ne sarà felice. Gaetano

disalvod

Ven, 23/11/2012 - 09:01

DA QUANDO INCOMINCIO A SENTIRE E LEGGERE SEMPREPIU' COSE ASSURDE CHE AVVENGONO IN ITALIA MI SONO ORMAI CONVINTO CHE MOLTE PERSONE CHE OCCUPANO POSTI DI RESPONSABILITA' PER LA VITA ALTRUI RASENTANO ORMAI LA PAZZIA E QUINDI NON POSSONO METTERE A RISCHIO LA VITA ED I VALORI MILLENARI DI UNA NAZIONE E PERTANTO DEVONO ESSERE ALLONTANATE PRIMA CHE PROVOCANO GRAVI DANNI AGLI ALTRI..PERCHE' QUESTA DIRETTRICE NON VIENE MANDATA NEI PAESI DOVE ESISTONO ALTRE RELIGIONI ED ASSUMENRE LE STESSE DECISIONI NEL RISPETTO ANCHE DELLE ALTRE RELIGIONI?MANDATELA VIA.

Ritratto di vency

vency

Ven, 23/11/2012 - 09:10

Giusto. Basta con queste stupide bambocciate religiose. Insegniamo ad adoperare la ragione e il buon senso. basta con le 'feste' religiose. basta con le cretinate!

onofri

Ven, 23/11/2012 - 09:14

Fracescodel : guardi, in linea di principio e proprio in nome dei valori cattolici etc. etc. lei ha torto. in pratica ha ragione da vendere. magari si può pensare ad una tolleranza leggermente diversa, ma credo sia difficile non essere d'accordo con lei.

onofri

Ven, 23/11/2012 - 09:21

abj14: il suo post è talmente inutile che mi ha fatto ridere. a proposito, negli ambienti cattolici il simbolo della croce non è che gli piaccia poi tanto. stia sereno e non confondi TRADIZIONE con ICONE, altrimenti chiamo Lutero eh !

DeboraDD

Ven, 23/11/2012 - 10:14

Non riesco a capire come possa un presepe essere tanto offensivo! In fin dei conti, se togliamo il significato che noi cattolici gli attribuiamo, altro non è che la rappresentazione della nascita di un bambino, evento che avviene in TUTTE le parti del mondo! Io mi devo privare delle tradizioni che fanno parte del mio Credo per non "offendere" altre persone che hanno un Credo diverso: ma IO non ho il diritto di essere rispettata?...O il rispetto è a senso unico? Domanda: se mi recassi in un'altra nazione, potrei chiedere alla gente del posto di rinunciare alle proprie tradizioni religiose? La risposta è NO! Addirittura nei paesi islamici se dici di essere cristiana rischi di essere pure ammazzata!!! L'Italia è un paese cattolico? Le tradizioni che riguardano la religione cattolica DEVONO ESSERE CONSERVATE! Se agli stranieri da fastidio, sono liberi di non partecipare o di ritornare nei loro paesi (nessuno li ha costratti a venire in Italia...e nessuno li costringe a rimanere)! Gli abbiamo consentito di professare "liberamente" il proprio credo religioso, gli abbiamo permesso di costruire strutture dove poter pregare (moschee, etc..): il nostro dovere l'abbiamo fatto...di più queste persone non devono pretendere!!

DeboraDD

Ven, 23/11/2012 - 10:39

Non riesco a capire come possa un presepe essere tanto offensivo! In fin dei conti, se togliamo il significato che noi cattolici gli attribuiamo, altro non è che la rappresentazione della nascita di un bambino, evento che avviene in TUTTE le parti del mondo! Io mi devo privare delle tradizioni che fanno parte del mio Credo per non "offendere" altre persone che hanno un Credo diverso: ma IO non ho il diritto di essere rispettata?...O il rispetto è a senso unico? Domanda: se mi recassi in un'altra nazione, potrei chiedere alla gente del posto di rinunciare alle proprie tradizioni religiose? La risposta è NO! Addirittura nei paesi islamici se dici di essere cristiana rischi di essere pure ammazzata!!! L'Italia è un paese cattolico? Le tradizioni che riguardano la religione cattolica DEVONO ESSERE CONSERVATE! Se agli stranieri da fastidio, sono liberi di non partecipare o di ritornare nei loro paesi (nessuno li ha costratti a venire in Italia...e nessuno li costringe a rimanere)! Gli abbiamo consentito di professare "liberamente" il proprio credo religioso, gli abbiamo permesso di costruire strutture dove poter pregare (moschee, etc..): il nostro dovere l'abbiamo fatto...di più queste persone non devono pretendere!!

Raoul Pontalti

Ven, 23/11/2012 - 18:32

Commento per onor di firma una vicenda ormai stereotipa e quindi identica a mille altre: con la scusa del multiculturalismo e il rispetto delle sensibilità degli stranieri certi cialtroni laici e massoni coartano, castrano, sopprimono le nostre tradizioni religiose. I bananas se la prendono con gli islamici, chi ha testa sopra il collo se la prende con gli insegnati bastardi che vanno presi a ceffoni se femmine e a calci negli zebedei se maschi.

dbeilis

Ven, 23/11/2012 - 18:59

Vedo che Ausonio e' sempre presente. Gli suggerisco una visita da un buon psichiatra .

Ritratto di abj14

abj14

Ven, 23/11/2012 - 19:04

onofri 23/11 09:21 : "De minimis non kuraz"

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 24/11/2012 - 01:28

# vency se il suo commento fosse ironico lo condividerei ma ho il vago sospetto che sia frutto di una ignoranza abissale. UN "PENSIERO" CHE E' DEGNO DI UN'AMEBA.

Ritratto di mingardilella

mingardilella

Sab, 24/11/2012 - 08:48

In molti paesi la gente muore per la fede,per la libertà,per difendere quei diritti che a noi sembrano quasi non interessare più. Anche quest'anno in alcune scuole,per non offendere gli altri si deciderà di non fare il presepe. OK...non offendiamo nessuno,ognuno porti in cartella la sua piccola natività se cristiano,e la metta sul suo banco. Gli altri facciano uguale,ognuno ricordi a modo suo il Natale,chissà forse è meglio,forse bisogna perdere qualcosa per capire cosa si è perso. Ricordiamo quanto è importante per noi che qualcuno sia intervenuto per salvarci ,mettiamo la natività come immagine del nostro profilo.E' un piccolo gesto,ma ha un grande significato.

cgf

Sab, 24/11/2012 - 09:36

Perché il personale tutto della sQuola pubblica, compresi i sindacati, non rispettano la decisione dei genitori di poter mandare a pari condizioni i propri figli nelle sQuole private? Forse perché dalla suore si festeggia il Natale?

Olimpico 797

Sab, 24/11/2012 - 18:18

Dear all, cancelling the Christmas celebrations to appease to some radicals calling themselves Muslims is betraying religious freedom, democracy and impartiality. I as a born Muslim declare that Jesus and Christianity is recognized and respected in Islam. I as a born Muslim in Australia have the biggest Christmas tree in my house and my house has the best and most colourful Christmas decoration in the neighbourhood. Please do not betray your traditions. The radicals have hidden agendas and no matter how hard you try to please them, they shall never be satisfied and want more up to the establishment of Islamic government, Islamic Quranic law and under an Islamic Caliphate all true the world. Merry Christmas to you all, Hassan Sagvand from Sydney Australia Quello che precede é un messaggio che un nostro compagno del Corso Olimpici dell'Accademia Navale Iraniano di Religione Islamica che dice tutto sulla stupida iniziativa presa in quella scuola (per andare in prima pagina??) Il messaggio andrebbe diffuso e potreste farlo Voi dalla Vostra testata. Cordiali saluti Olimpico797

Fiorenzo Gamaleri

Sab, 24/11/2012 - 20:55

Mi sembra di ricordare che la figura di Gesù e ricordata anche dalla religione islamica, come un Profeta. quindi non capisco questa decisione. E' l'Ebraismo che non lo riconosce

avalon123

Lun, 24/11/2014 - 22:39

eppure gli italiani vogliono questo se votano PD...anche nn votare ..vuol dire far decidere agli altri il tuo futuro,,,,

giorgio704

Ven, 28/11/2014 - 10:14

bisognerebbe licenziare in tronco questa direttrice, incapace mentale, vai in arabia ad insegnare.

1938musica38

Sab, 06/12/2014 - 19:17

A ogni Natale spunta fuori un Demente.C'è un allevamento ?Lo fanno per avere 5 minuti di celebrità? Questi Idioti ,li manderei tutti in MUSULMANIA ,forse si renderebbero conto che loro non sono rispettosi e permissivi di chi non è come noi.Se questi sono gli Educatori e formatori dei nostri figli,povera Italia.