Se con l'uragano vola il succo d'arancia

In Florida prezzi alle stelle per la speculazione su Irma

Speculazioni da film. L'uragano Irma manda in orbita il succo d'arancia concentrato congelato vero protagonista del film di Natale, Una poltrona per due o, in originale, Trading places regolarmente trasmesso in tv a ogni Natale. La bufera che rischia di abbattersi in Florida, secondo produttore al mondo di arance, rende anacronistiche le previsioni del Dipartimento dell'agricoltura Usa e mette infatti le ali al Fcoj, ovvero «frozen concentrated orange juice», trattato sull'Intercontinental exchange (Ice) attraverso future, contratti a consegna posticipata.

Proprio le contrattazioni del succo d'arancia, icona di una colazione american style, è prima utilizzato dai fratelli Duke per spiegare l'abc di Wall Street all'ex accattone Billie Ray Valentine, alias Eddie Murphy, raccolto letteralmente dalla strada e per scommessa posto sulla poltrona di Luis Winthorpe III (Dan Aykroyd), broker di successo e membro dell'élite del luogo. E, in un secondo momento, le previsioni sull'andamento dei raccolti di arance sono utilizzate come articolato strumento di vendetta, da Luis e Billie per mandare sul lastrico Mortimer e Randolph Duke.

E sono proprio i future ad avere preso il volo in questi giorni toccando i 1,47 dollari a libbra dai 1,30 dollari di inizio mese. Un prezzo record che si avvicina ai livelli delle complicate scene finali del film su cui i fan, ogni anno, calcolatrice alla mano, cercano di venire a capo. Luis e Billie vendono infatti future tra gli 1,42 e gli 1,02 dollari per libbra, per poi dare il via agli acquisti a una cifra compresa tra gli 0,46 e gli 0,22 dollari con un guadagno tale da potere vivere felici ai Caraibi per il resto della loro vita con 394 milioni di dollari. Se qualche meteorologo, carte alla mano, avesse previsto correttamente l'andamento di Irma avrebbe potuto programmare una speculazione contraria, comprando mesi fa e rivendendo oggi, pur con un'uguale soddisfazione.

Nei cinema come nella realtà a dettare legge sono infatti le stime del Dipartimento dell'agricoltura Usa. Nella pellicola del 1983 diretta da John Landis, Luis e Billie mettono le mani sul vero rapporto di gennaio e ne consegnano uno falso ai Duke, per indurli in errore e quindi in bancarotta prima della diffusione ufficiale del rapporto (certo si tratta di insider trading, ma Trading palaces è pur sempre una commedia). Nella realtà il rapporto di luglio stimava per la Florida, secondo produttore al mondo dietro al Brasile di succo d'arance, una produzione del 9% di arance a livello mondiale e del 16% di succo (il settore si calcola che valga 8,6 miliardi e impieghi 45mila persone). Ma il Dipartimento a luglio non aveva fatto i conti con Irma.