Se Matteo prova a congelare la crisi

Il voto di ieri sera al Senato sui tempi e modi della gestione della crisi di governo dice chiaramente una cosa: in Parlamento c'è una nuova maggioranza, quella tra Cinque Stelle e Pd. Vi risparmio i dettagli tecnici, ma il succo politico è chiaro: sta vincendo il partito del non voto e dell'inciucio. Se questo embrione vedesse la luce - la strada non è breve né semplice - lo sconfitto numero uno sarebbe Matteo Salvini che, evidentemente, avrebbe sbagliato modi e tempi dello strappo con Di Maio.

Tutto in teoria è ancora possibile, ma il mostro sta prendendo forma. Salvini, formidabile fuori dai giochi di palazzo, non sembra a suo agio nel labirinto della politica politicante e rischia di perdersi, alla faccia dell'enorme consenso popolare di cui ancora gode. Ieri ha cercato di uscire dall'angolo in cui il sistema lo sta spingendo con una mossa a sorpresa, quella di smontare il tormentone dei Cinque Stelle che recita: «La Lega vuole fare cadere la legislatura per non tagliare i parlamentari come prevede una legge che va in votazione a settembre». Sono disponibile - ha detto Salvini - ad approvare tale legge al più presto, anche in settimana «ma poi subito elezioni». Le due cose - taglio dei parlamentari e voto subito - sono inconciliabili per ovvi motivi tecnici (vanno rivisti i collegi elettorali e le regole). Se Di Maio accettasse la sua proposta la crisi di governo verrebbe inevitabilmente congelata per mesi, quelli necessari a riorganizzare la macchina elettorale. Ma forse Salvini, fallito il blitz di Ferragosto, ha fatto questa mossa solo perché ora ha bisogno di un po' di tempo per riorganizzare la sua strategia su più fronti, compreso quello delle eventuali alleanze con cui andare al voto.

Nelle votazioni di ieri il centrodestra si è presentato compatto chiedendo di sfiduciare subito il premier Conte e questo non è poco. Ma sul futuro della coalizione ci sono ancora molti nodi da sciogliere. La proposta fatta da Salvini di diluire Forza Italia in un listone «Salvini premier» è stata giudicata irricevibile da Silvio Berlusconi e così le trattative tra i due partiti sono tornate in alto mare.

Come si vede ci sono ancora troppi fronti aperti e troppi punti interrogativi per fare previsioni attendibili. Ma soprattutto bisogna aspettare che entri in gioco il Quirinale, fino ad ora convitato di pietra di questa commedia.

Commenti

Cicaladorata

Mer, 14/08/2019 - 21:12

X salvare la nuova Lega Nazionale Salvini potrebbe dimettersi da Capo Partito e sostituirsi con Bagnai o Borghi oppure ritornare all'opposizione e votare sempre contro il nuovo partito M5S+PD. Alla sinistra interessa solo la nomina del Presidente della Repubblica quindi staranno attaccati alla poltrona anche senza riuscire a governare il Paese x mancanza di maggioranza effettiva nelle votazioni e poi, i migranti....faranno il resto. Quindi il Presidente di sinistra ce lo dovremo sopportare un altra volta ma, dopo l'elezione Lo Stato allo sfascio richiederà immediate elezioni. Opposizione strenua, dura e pura.

SpellStone

Gio, 15/08/2019 - 17:05

Non concordo. TEMPISMO PERFETTO OER LOGORARE il PD prima della elezione del capo dello stato. ORA O PERDONO 5 punti a testa o non lo eleggono in questa legislatura.

mifra77

Gio, 15/08/2019 - 18:33

In realtà se Salvini ha in tasca la soluzione alla diminuzione delle tasse con la flat tax e il congelamento del probabile aumento dell'iva, non deve fare altro che dirlo e chiedere le urne per scongiurare aumenti di tasse e provvedimenti cottarelliani. Se il capo dello stato non accetterà, se ne assumerà la responsabilità dello sfacelo che ne deriverà ancora una volta per lo strabismo delle sue vedute che tendono a sinistra.

mifra77

Gio, 15/08/2019 - 18:42

Matteo deve chiamare Berlusconi, Meloni, Toti e Tremonti ed insieme preparare per tempo una finanziaria da centrodestra.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 15/08/2019 - 19:28

Se non s ivota subito non è Salvini lo sconfitto, ma i comunisti grillini e PD. Litigheranno su tutto, faranno sfracelli, disastri economici, fino a che verrranno cacciati a calci nel sedere che daranno loro il popolo insorto. Poi spariranno definitivamente, con le buone o con le cattive.

ilrompiballe

Gio, 15/08/2019 - 19:36

Il Quirinale si pronuncerà solo a crisi di governo aperta e darà l'incarico alla nuova alleanza M5S - PD che ha i numeri (stiracchiati) per governare. Amen

carlottacharlie

Gio, 15/08/2019 - 19:39

Appunto, aspettare il Colle e pregare che per una volta, Dio, ce la mandi buona. Siamo stremati il paese è al collasso per gli innumerevoli giochi contro gli italiani che si perpetrano da anni, non ne possiamo più di ganga a soffocarci; l'unica sarebbe dar forfait noi italiani col pagamento delle tasse, togliere il carburante ai farabutti che preferiscono una guerra civile invece d'usare buonsenso e rispetto verso di noi che gli paghiamo lo stipendio. Fin quando i farabutti non capiranno che sono i nostri impiegati e la loro ganga di credersi super è solo ganga, non ne usciremo mai.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Gio, 15/08/2019 - 19:43

Impossibile elencare tutte le giravolte del leoncavallino in questi pochi giorni da quando ha sfiduciato il PdC Conte. Le più macroscopiche: l’offerta ai grillini di votare, prima delle elezioni da lui richieste, la riduzione dei parlamentari; il previsto incontro con Berlusconi per una nuova edizione del CDX, de lui disertato; ora il tentativo di congelare la crisi da lui scatenata... Un individuo del genere nel linguaggio popolare sardo lo definirebbero con disprezzo «su chi est como, non est posca». (ciò che è ora non lo sarà più fra pochi minuti).

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Gio, 15/08/2019 - 19:45

SEGUE. In preda ad una smania irrefrenabile di diventare premier, mena colpi in aria a destra e a manca, in alto e in basso alla cieca. Non ha un progetto, non un programma, Non una visione d’insieme. Contraddice se stesso in continuazione. Sleale con gli alleati, nasconde dietro la propria petulanza verbale, i suoi ammiccamenti agli avversari e quanto con essi, alla fin fine, si mostri accomodante. Salvini è un compagno di viaggio da evitare!

morello

Gio, 15/08/2019 - 21:30

Caro Salvini,mi permetta di suggerirle una mossa : NON SFIDUCI Conte !! Figura di m..? Forse .. Ma pensi allo sputtanamento di PD e M5S pronti a qualsiasi inciucio per la poltrona!In fondo Lei puo' sempre sostenere che visto che non si permetterebbe agli italiani di votare, meglio proseguire con questa legislatura

Ritratto di Sniper

Sniper

Gio, 15/08/2019 - 22:30

Scusi Direttore Sallusti, ma lei cosa intende per “inciucio” ? No, perché mi sembra che il governo attuale, nato da un accordo sotterraneo ed extraparlamentare tra Salvini e Casaleggio, a dispetto della coalizione di CDX cui Salvini faceva capo, e che ha così clamorosamente tradito, sia ben più un inciucio di un governo 5stelle-PD, che in fondo hanno una comune vena sinistrorsa. O no? Oppure per lei “inciucio” è tutto ciò che non comprende il suo Vate Padano?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 15/08/2019 - 23:06

Nessun dialogo è più possibile con coloro che hanno dimostrato disprezzo per la nazione, e che consentono, invitano, proteggono, trafficanti di esseri umani affinchè la nazione venga perennemente invasa da chicchessia. La beffa sarà che verrà concessa loro l'impunità per qualsiasi reato, non come de jure ma come de facto è avvenuto finora.