Sea Watch ora punta Salvini: "Quereliamo per diffamazione"

I legali di Sea-watch annunciano una querela per diffamazione nei confronti del ministro dell'Interno Matteo Salvini

I legali di Sea-watch, Alessandro Gamberini e Leonardo Marino, annunciano una querela per diffamazione nei confronti del ministro dell'Interno Matteo Salvini. "A seguito del soccorso di 53 naufraghi da parte della Sea-Watch 3 - spiegano gli avvocati - il ministro Salvini ha rilasciato, ancora una volta, innumerevoli dichiarazioni diffamatorie a mezzo stampa insultando la Ong e l'operato della sua nave; operato che si sostanzia, sempre, in legittima attività di soccorso e salvataggio. Occorre precisare che le autorità libiche non hanno dato alcuna indicazione alla nave della ONG da noi rappresentata la quale ha rispettato la vigente normativa internazionale che, come oramai noto, vieta il trasbordo e lo sbarco in territorio libico".

Ieri il leghista aveva avvertito: "La Sea Watch è intervenuta in zona sar libica, anticipando la Guardia Costiera di Tripoli pronta ad intervenire e già in zona. Sappia che, qualora facesse rotta verso l'Italia, metterebbe a rischio l'incolumità delle persone a bordo, sottoponendole a un viaggio più lungo e disobbedendo alle indicazioni di chi coordina le operazioni di soccorso. Non vediamo l'ora di usare i nuovi strumenti del decreto Sicurezza Bis per impedire l'accesso alle nostre acque territoriali. È l'ennesima iniziativa di questo tipo da parte di SeaWatch, una vera e propria nave pirata a cui qualcuno consente di violare ripetutamente la legge".

L'avvertimento di Matteo Salvini contro i talebani dell'accoglienza della Sea Watch che vanno a caccia di gommoni era stato chiaro. Ed è stato ribadito anche oggi: "La nave illegale, dopo aver imbarcato 52 immigrati in acque libiche, si trova ora a 38 miglia dalle coste libiche, a 125 miglia da Lampedusa, a 78 miglia dalla Tunisia e a 170 miglia da Malta. Le autorità libiche hanno assegnato ufficialmente Tripoli come porto più vicino per lo sbarco. Se la nave illegale Ong disubbidirà, mettendo a rischio la vita degli immigrati, ne risponderà pienamente".

I legali della Sea Watch però non mollano: "Il ministro sa bene che fare rientrare chi fugge da guerre, violenze e soprusi in un paese che non è qualificato come "porto sicuro", in costante guerra civile, costituisce una gravissima violazione dei diritti umani, del diritto del mare e del diritto dei rifugiati. Utilizzare l'importante ruolo istituzionale di capo del Viminale in assenza di elementi oggettivi a supporto delle proprie asserzioni costituisce violazione delle proprie competenze e lascia, peraltro, perplessi sull'attenzione e le energie che il ministro ripone sull'attività svolta dalle Ong che oggi ha soccorso solamente 53 naufraghi quando, ricordiamo, ogni giorno arrivano decine e decine di persone a bordo di barche fantasma nonché, come nelle ultime settimane, di navi militari e mercantili. Inoltre, l'esito delle indagini rivolte sull'operato delle Ong smentisce categoricamente il ministro dell'Interno. Pertanto, in qualità di difensori della Ong Sea-Watch, i sottoscritti annunciano una querela per diffamazione a mezzo stampa nei confronti del ministro dell'Interno Matteo Salvini".

Commenti
Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 13/06/2019 - 11:56

Mi sembra un'ottima idea!

dredd

Gio, 13/06/2019 - 11:58

Che ridere. Se Salvini dovesse querelare tutti quelli che lo diffamano... Ma che noia questi barconi

Ritratto di Svevus

Svevus

Gio, 13/06/2019 - 12:00

Ringraziamo i sig.ri delle Organizzazioni per il generoso contributo elettorale in voti per una maggioranza assoluta alla Lega. Sarà compito degli italiani provvedere ad affondare definitivamente navi pirata e loro entusiasti pirati !

Antibuonisti

Gio, 13/06/2019 - 12:01

che barba , che noia . questi della ong oltre ad essere molto dubbi sono anche arroganti

Ritratto di Candidoecurioso

Candidoecurioso

Gio, 13/06/2019 - 12:01

Ma perché non sbarcano a Nizza o a Marsiglia ? Lì parlano già tutti arabo e c'è ancora una minoranza francofona... si integrerebbero prima ! o perché non nel Principato di Monaco ? sono tutti accoglienti, è l'ultimo stato in cui il cattolicesimo è ancora religione di stato e certamente hanno soldi per mantenere almeno i primi 53 mila

il_corsaro_nero

Gio, 13/06/2019 - 12:07

Anche entrare in acque territoriali di una nazione dopo che era stato negato l'ingresso rappresenta una gravissima violazione del diritto internazionale! Allora come la mettiamoo?

polonio210

Gio, 13/06/2019 - 12:07

Che bandiera batte questa carretta dei mari? Se batte bandiera italiana basta solo toglierla e vietarle di avvicinarsi alle acque nazionali. Se batte bandiera di un altro stato,sempre vietarle l'entrata nelle nostre acque e farla andare a scaricare i suoi croceristi nel paese a cui fa riferimento la bandiera.Qualora cercasse di entrare nelle nostre acque nazionali dovrebbe essere abbordata dalla nostra marina sequestrata l'equipaggio arrestato ed i croceristi riportati al punto di partenza.

Trinky

Gio, 13/06/2019 - 12:16

Querelate pure....intanto sbarcate a Tripoli, infami!|

VittorioMar

Gio, 13/06/2019 - 12:17

..a rispondere sarà l'AVVOCATURA DI STATO o peggio l'AVV.BONGIORNO...!!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 13/06/2019 - 12:21

entrino pure da noi;sequestrare la nave,e distruggerla..in modo che i vari "magnati" del mediterraneo non la riconprino per pochi euro

cgf

Gio, 13/06/2019 - 12:31

che sono dei PIRATI non serve il giudizio dei magistrati, parlano i fatti, se ci sono loro ci sono i barchini, se loro non ci sono, nessun barchino, si riescono a trovare in mezzo al mare con una precisione assoluta, se questo non succede, e succede, ci sono i morti

agosvac

Gio, 13/06/2019 - 12:34

Visto che la ong è tedesca e batte bandiera olandese, non si capisce dove dovrebbe essere discussa questa querela. Di sicuro non in Italia. Forse in Olanda, oppure in Germania??? Tra l'altro non si capisce bene come mai la Libia non è "sicura" per questi migranti senza alcun documento di identità, però nessuno li ha mai obbligati a recarvisi, vi sono andati di loro volontà. Cerchiamo di capire: se la Libia fosse non sicura perché vi si sono recati??? Oppure diventa insicura solo dopo la partenza e non durante la permanenza??? Siamo di fronte a palesi contraddizioni.

Ritratto di tox-23

tox-23

Gio, 13/06/2019 - 12:36

Ahia ! L'ultima cosa che vorrei in questo paese è andare a lottare in tribunale contro una ONG, un migrante o un Rom. È finita.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 13/06/2019 - 12:36

Sono solo anarchici e gli anarchici dovevano essere messi al bando prima del Fascismo richiamando nella Costituzione che chi si opponeva con la forza o con l'arroganza alle disposizioni delle leggi dello Stato fosse arrestato. Come chi colpisce un tutore dell'ordine, perchè la divisa rappresenta una istituzione e lo Stato stesso.

Ritratto di tangarone

tangarone

Gio, 13/06/2019 - 12:38

cominciamo anche col togliere il 2, 5 8 per mille dalle dichiarazioni. Chi vuole devolvere va alle Poste e fa beneficenza.

Ritratto di danutaki

danutaki

Gio, 13/06/2019 - 12:48

Salvini, commosso, ringrazia per la amrea di voti in piú che questi minus habentes gli portano in dote !!!!

Una-mattina-mi-...

Gio, 13/06/2019 - 12:59

ESILARANTE DAVVERO: LA MEFITICA CRICCA MOSTRA I MUSCOLI. RAGION MAGGIORE PER METTERLA DEFINITIVAMENTE KO

Ritratto di Loudness

Loudness

Gio, 13/06/2019 - 13:02

El Presidente a che a me sembra un'ottima idea. Poi si lasciano sbarcare i 53 clandestini, si segue la loro vita una volta in Italia e, tutti gli illeciti ed i reati da loro commessi si attribuiscono a chi li ha portati qui e a chi come te, festeggia per l'arrivo di altri delinquenti. LPDM

Amazzone999

Gio, 13/06/2019 - 13:11

Il progetto Eurabia avanza con la complicità dei fanatici imbarcati sulle ONG. Siamo sottoposti a un plurimo ricatto a cui concorrono ONG e ONU, paesi del Nord Europa, che gravitano nell'orbita della Germania, la Francia di Macron, la Libia di Al Sarraji, molti paesi arabi e Fratelli Musulmani, jihadisti e vari gruppi estremisti islamici, élite globaliste e chiesa bergogliana. Un gioco micidiale e perverso si sta giocando sullo scacchiere del Mediterraneo e noi ne siamo al centro. La nuova guerra mondiale si sta sviluppando qui. Ma se siamo dei bravi giocatori e prendiamo in mano l'iniziativa possiamo ribaltare la situazione e rigettare ricatti e minacce ai ricattatori. Convochiamo subito l'ambasciatore tedesco e olandese, richiediamo che i due paesi, l'uno di appartenenza, l'altro di bandiera, firmatari entrambi del Global Compact for Migration, si sobbarchino subito il carico via aerea.

maurizio50

Gio, 13/06/2019 - 13:17

Un momento di gloria anche per tali Alessandro Gamberini e Leonardo Marino, altrimenti perfetti sconosciuti !!!!!!!!!

Ritratto di Candidoecurioso

Candidoecurioso

Gio, 13/06/2019 - 13:18

"naufraghi", "rifugiati" e "migranti" non sono sinonimi, e questo alternarsi allegro della terminologia serve solo a rendere chiara la faziosità delle ONG. Sono in mare per "testimoniare" non si sa cosa, casualmente incrociano "migranti" che "loro" definiscono "rifugiati", anche se il Senegal o il Camerun sono stati sovrani, in pace e in forte crescita economica: infine li salvano come "naufraghi" che non sono mai stati marinai, ma subito dopo li rinominano rifugiati, li aiutano a liberarsi dei documenti, ne ringiovaniscono il più possibile per avere molti minori e avanti così, vedi sopra... che vergogna

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Gio, 13/06/2019 - 13:22

Andreste tutti arrestati, brutti delinquenti al servizio del Governo Ombra Mondiale: dovreste vergognarvi 2 volte perché vi fingete altruisti nel voler soccorrere i "profughi" mentre invece vi rendete solamente complici di politche destabilizzatrici ordite dall'élite globalista il cui intento è solamente creare chaos e disarmonia all'interno del continente europeo. Poi basta vedere il linguaggio (anche razzista) usato da molti membri di queste ONG.

roberto67

Gio, 13/06/2019 - 13:23

Se la nave non può andare in un porto libico, vada in Tunisia. Qui non si mette in dubbio il salvataggio di naufraghi, ma il loro traghettamento dalle coste africane a quelle europee ben più lontane.

frapito

Gio, 13/06/2019 - 13:24

Osservando la testardaggine, l'arroganza, il menefreghismo, di tale ONG, sorge spontanea la domanda "Ma quanto ci guadagnano per ogni migrante?". Non venite a raccontare la barzelletta della bontà e del volontariato, ormai nessuno ormai ci crede. Poi dei pdioti sinistrati mentali si interrogano in modo paranoico, "Perché e come mai, aumentano i consensi di Salvini?". Chissà se un giorno lo capiranno!

steluc

Gio, 13/06/2019 - 13:33

Se i sinistrati, degnamente rappresentati in questo spazio, togliessero il disturbo per sostituirli andrebbero bene anche i clandestini. Viene da vomitare a vedere quanto sono bravi a imporre solidarietà e a non esercitarla, premio Nimby a vita.

Cyroxy80

Gio, 13/06/2019 - 15:12

Come mai partono dalla Libia a 200 miglia dall'Italia e non dalla Tunisia a 30(come fanno quelli delle barche fantasma)?? Non sarà mica che ci stanno marciando sopra sul fatto che non si possono riportare in Libia perché non considerata sicura?? Riportarli in Libia non significa riportarli nei lager dei trafficanti di esseri umani, ma in centri di accoglienza statali.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 13/06/2019 - 15:29

@dredd Salvini querela tutti quelli che lo offendono solo che quasi sempre le cause le perde. L'ultima pochi giorni fa contro Emiliano Fittipaldi, giornalista dell'Espresso...

Ritratto di Loudness

Loudness

Gio, 13/06/2019 - 16:21

El Presidente è iperattivo sul tema clandestini delinquenti scansafatiche. E' ostinato come le ONG che sul traffico ci guadagnano tanti quattrini, scaricando poi tutto lo schifo che ne consegue allo sbarco, agli italiani tutti. Naturalmente El Presidente odia Salvini perchè è l'unico che vuole mettere un freno, riuscendoci peraltro, a tutto questo schifo. Ma non è che tutta questa smania accoglionentista, dei diritti umani, del salviamo vite in mare, di El Presidente serve per nascondere la realtà e cioè che su questi traffici ci guadagna pure lui?

buonaparte

Gio, 13/06/2019 - 19:41

propongo a tutti quelli che ci stanno di fare una class action di tutti gli italiani che sono d'accordo contro la sea waych , giudici siciliani e cooperative per il grave danno erariale causato a tutti noi. 23 miliardi di euro in 6 anni- il 90% di quelli portati qui non sono profughi come dal trattato di dublino e simili e quindi sono stati a nostro carico senza motivi legali.E' STATA UNA ENORME TRUFFA .CHI E' D'ACCORDO?