Bus, multe da 200 euro e rimborsi per i ritardi

I furbetti di bus e metro, ovvero quelli che prendono i mezzi pubblici senza pagare, vanno incontro a multe salate. Lo prevede la bozza del decreto sui servizi pubblici locali, che dedica diversi articoli al Tpl

I furbetti di bus e metro, ovvero quelli che prendono i mezzi pubblici senza pagare, vanno incontro a multe salate. Lo prevede la bozza del decreto sui servizi pubblici locali, che dedica diversi articoli al Tpl. Per contrastare l’evasione nel settore del trasporto pubblico locale chi non "striscia" il titolo di viaggio va incontro a una sanzione pecuniaria da definire con legge regionale e dove la legge manca, si legge nella bozza, la multa "è pari a 60 volte il valore del biglietto ordinario e comunque non superiore a 200 euro".

Inoltre avranno più poteri e supporto i controllori su bus, tram e metro. Le aziende del trasporto pubblico locale per contrastare l’evasione nel settore potranno anche affidarsi a soggetti esterni "qualificabili come agenti accertatori", che, nei limiti del loro servizio, acquistano la "qualità di pubblico ufficiale". È quanto contenuto nella bozza del decreto sui servizi pubblici locali, testo unico attuativo della riforma Madia. Stando alla bozza, è previsto inoltre che il ministero dell’Interno possa mettere a disposizione "agenti ed ufficiali aventi qualifica di polizia giudiziaria, secondo un programma di supporto agli agenti accertatori" per periodi non superiori ai 3 anni e con copertura dei costi a carico dell’ente che fa la richiesta. Sempre al "fine di assicurare il più efficace contrasto al fenomeno dell’evasione tariffaria" possono essere utilizzate anche "le rilevazioni dei sistemi di video sorveglianza presenti a bordo dei veicoli e sulle banchine di fermata". E le registrazioni possono rappresentare "mezzo di prova, nel rispetto della normativa vigente in materia di trattamento dei dati personali, per l’identificazione di eventuali trasgressori che rifiutino di fornire le proprie generalità agli agenti accertatori, anche con eventuale trasmissione alle competenti forze dell’ordine". Infine arriva una stretta su corse cancellate o ritardi, a tutela dei pendolari e di quanti si muove con i mezzi pubblici. Il diritto al rimborso del biglietti scatta dopo 30 mezz’ora se si tratta di mezzi pubblici cittadini o dopo un’ora se si allarga il raggio a livello locale. A meno che i problemi derivino da scioperi, calamità naturali o altri eventi imprevedibili.

Commenti
Ritratto di Flex

Flex

Sab, 20/02/2016 - 15:40

Bene "l'annuncio" ma chi e come faranno i controlli? Servirebbero controlli "SERI" per esempio, ogni tanto, coordinare le Forze dell'Ordine al fine di effettuare controlli su i mezzi Pubblici, Bus, Tram e Metro e verificare se in possesso del "biglietto" altre ad ogni altro controllo di sicurezza per esempio armi e permessi di soggiorno.

linoalo1

Sab, 20/02/2016 - 16:14

Questa Armata Brancaleone al Governo,ne ha fatta un'altra delle sue!!!Questa volta, multa pesantemente,dice il Governo,chi non paga il biglietto sui Mezzi Pubblici!!!Poiché,chi non paga,sono in maggioranza immigrati senza soldi,voglio priprio vedere come farà a farsi pagare!!!!Però,i Governo,dirà con orgoglio l'importo totale delle multe erogate in un anno,però non dirà mai quanti soldi,di quelle multe,ha incassato!!!!

unosolo

Sab, 20/02/2016 - 16:38

mettetevi in testa che nessuno controlla se controllano , striscia più volte ha trasmesso filmati al quale si evidenziava la mancanza e la non volontarietà al controllo dei tornelli di entrata degli accessi , quindi come faranno a fermare e multare se non vogliono vedere o fare il lavoro per il quale sono pagati ? negli accessi non sono mai presenti tutti gli addetti di turno quindi contrallare prima i dipendenti e costringeteli al lavoro o multare loro che non sono presenti ai controlli,.

Cheyenne

Sab, 20/02/2016 - 16:47

il biglietto dei servizi pubblici lo paga solo il 10% degli utenti per svariati motivi: immigrati perchè sanno che nessuno li multerà; notrani perchè qundo vedono salire il controllore scendono e prendono il bus che segue; altri perchè sono schifati da questo stato dove la kasta spadroneggia peggio dei feudatari dell'anno 1000 e loro tirano la cinghia e per piccola rivalsa non pagano; indigenti per ovvi motivi. E' inutile fare la voce grossa prima si rendano sicure le strade e le case degli onesti cittadini e poi si faccia pagare il biglietto ( e ricordiamoci che i controllori rischiano la pelle)

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Sab, 20/02/2016 - 17:04

solita messa in scena per abbellire le previsioni di aumento del pil per il 2017

jbg70

Sab, 20/02/2016 - 17:39

Bell'annuncio, con buoni propositi, peccato che non ci sono i mezzi di valutazione! Ennesima presa in giro. Chi e come verifica se l'autobus è in ritardo? Gli abbonati come vengono rimborsati? A Roma, bus dichiarati sul sito ATAC a frequenza di 9 min arrivano a passare anche dopo 50 minuti, e comunque mai viene rispettata la frequenza. Tanto per fare un esempio l'80 che aspetto tutti i giorni a poche fermate dal capolinea e quindi basso rischio ritardo, non ha mai rispettato la frequenza dichiarata, dimostrando che proprio dal capolinea parte con voluto ritardo. Ancora una volta ennesima dimostrazione di propaganda che non porta utile reale.

Ritratto di tokarev

tokarev

Sab, 20/02/2016 - 17:44

i controllori rischiano la pelle come tutti gli strozzini...sanità, trasporti e scuola devono essere gratis...o paghiamo le tasse solo per ingrassare il potere e la borghesia infame...naturalmente gli idioti preferiscono le guerre tra poveri...

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 20/02/2016 - 17:47

Il solito FUMO NEGLI OCCHI da provvedimento INUTILE ed INFRUTTUOSO di SINISTRA. Che le LORO RISORSE continueranno imperterrite a IRRISPETTARE, consapevoli del fatto che non hanno soldi,non hanno documenti,NON hanno residenza e quindi come dicono a Napoli, CHI AVUTO AVUTO AVUTO!!! Se vedum.

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 20/02/2016 - 18:03

Ma basta con queste buffonate! Smettetela almeno di prenderci per il culo! Secondo voi, chi sono quelli che viaggiano senza biglietto e che buttano le cicche per terra? Tutti nullatenenti, in maggior parte immigrati clandestini o zingari. E come pensate di andare a riscuotere 200 o più euro da questi? E se non pagano, cosa gli fate? Ve lo dico io: NIENTE! Solo spese in più per la notifica, il tentativo di riscossione e l'eventuale processo... e le paghiamo, come sempre, noi cittadini. Vergognatevi!

Ritratto di navigatore

navigatore

Sab, 20/02/2016 - 18:03

ma anche i clandstini e gli zingari vengono sototmessi a questa italica LEGGE ?? o loro essendo risorse e protetti dal PD/BOLDRINI potranno sempre fare i cxxxi loro ??

Efesto

Sab, 20/02/2016 - 18:22

Potreste mai spiegarmi che glie ne frega allo zingaro di venir multato per 200 o 2000 €? Non paga e basta.

donati

Sab, 20/02/2016 - 18:35

che buffonata ! in 10 anni che prendo mezzi pubblici ho visto solo 1 (uno) controllo ! Gli extracomunitari non timbrano mai il biglietto, e molti italiani pure - così, schifato, mi son messo anch'io a viaggiare senza biglietto ! altrimenti sono solo io che pago per tutti gli altri ! L'unica soluzione -praticata anche all'estero nei paesi civili - è di mettere il tondello alla porta d'ingresso del mezzo tale che da' accesso solo timbrando il biglietto (come in metropolitana, dove bisogna mettere anche il controllo del biglietto ai tondelli d'uscita !! come fanno all'estero !!) altrimenti siamo sempre i soliti ...buffoni, buffoni e buffoni !!!

DIAPASON

Sab, 20/02/2016 - 18:44

Demenza veterocomunista che discrimina chi paga.

VermeSantoro

Sab, 20/02/2016 - 19:05

ma che cazzataaaaaa.. ma fate proposte di legge serie, sembra che vivete su marte. Mi dite come si fa a contestare un ritardo se alle paline non c'è un maledetto orario dei passaggi ? Ma chi è sto fenomeno che ha avuto questa ispirazione del BELIN ? Forse a Milano o su di li sara' anche applicabile perche sono precisi, ci sono gli orari ect ect, ma nella mia città del sud dove se arriva e a che ora arriva lo sa solo il padreterno io a chi lo vado a dire ? In poche parole è un disegno di legge di mxxxa che è inapplicabile su tutto territorio nazionale

roberto zanella

Sab, 20/02/2016 - 19:40

Perchè sugli autobus pubblici IN SALITA non viene messa il tornello che si apre con la lettura del ticket o dell'abbonamento ? Che si apre solo verso la salita . Mentre nelle porte centrali e finali si metta il tornello apribile solo nelle DISCESE ?

LuPiFrance

Sab, 20/02/2016 - 19:40

Ma perché pubblicate ste str..zate ?

Ritratto di giangol

giangol

Sab, 20/02/2016 - 20:52

le multe ovviamente saranno solo per gli italiani! africani clandestini, zingari e stranieri sono esentati! basta filmare di nascosto un qualsiasi controllore per vedere che se la fanno sotto a fermare un negro clandestino

alfa553

Sab, 20/02/2016 - 20:59

Quella oca del tg4 che annuncia una troiata come fossero atterrati gli alieni in pza garibaldi.Pensate, 30 minuti di ritardo e ti rifondono € 1,5 o giu di li, chissa come,dietro domanda e attestazione di ritardo,e chi lo fara? e poi le multe, si puo non pagare per fretta ,per dimenticanza o per furbizia,ma 200 euro e come condannare a morte,chissa perche simile castigo senza contare, che ai neri e marocchini chiederanno i 200 euro da pagare e dove intestano la multa ,presso ministero dell'intrni? La solita cacchiata di questo stupido governo,che fa il duro con la gente che lavora,perche a berlusconi non capitera mai una multa cosi,ma a un 'operaio o un disgraziato sara facile vederlo multato.La sinistra amica dei deboli,vero?e voi votatelo,e piangete se vincono,commuovetevi come se vedete l'arcangelo gabriele.

alfa553

Sab, 20/02/2016 - 21:01

A londra chi non ha il tesserino o il conactless non entra in sulla vettura.e l'unica forma per usufruire dei mezzi, imparate e uccidetevi.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 20/02/2016 - 22:20

A Chiavari nel 1980 si saliva dalla porta anteriore,se non vedeva il biglietto l'autista non partiva.L'Ataf di firenze è di fatto fallita perchè il consiglio di amministrazione nel suo complesso percepiva quasi 200milaeuro MESE,oltre 2milioni di euro annui.Per la consociata Li-nea,anch'essa fallita,percepivano inntorno al 60% di Ataf.Questi erano tutti politici PCI/DS/PD trombati in politica e messi in panchina d'oro. nopecoroni.it

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Sab, 20/02/2016 - 22:53

Chiacchiere, chiacchiere e chiacchire. Li voglio vedere gli zingari e i clandestini pagare 200 euro di multa !!! BUFFONI

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 20/02/2016 - 23:37

che buffoni chi sarebbe quel controllore temerario che ferma un gruppo di sud americani magari forniti di machete che non hanno pagato il biglietto? Per andare a casa tutto intero, dovrebbero essere una decina tutti armati di bombolette spray. voglio vedere l'ufficio di riscossione che dovrà mandare a casa gli avvisi di pagamento che naturalmente non pagheranno e quindi riempiremo gli scaffali di scartoffie che poi qualche giudice li invaliderà. Rimettiamo dando un posto di lavoro il bigliettaio sul bus e due porte una davanti di uscita e una indietro di entrata come lo era una volta.Ora cosa succede che per risparmiare, ci perdono un sacco di soldi per i "portoghesi".

ziobeppe1951

Dom, 21/02/2016 - 00:43

Tokarev....capisco che dove vivi tu in korea dal Nord i servizi sono gratis...peccato che....

Ritratto di mircea69

mircea69

Dom, 21/02/2016 - 09:27

Oggettivamente 200eur di multa per chi sale su un bus senza biglietto sono uno sproposito. Può andare bene solo se a chi non li paga si danno 200 legnate sulla schiena (come fanno a Singapore). In caso contrario è solo l'ennesima discriminazione nei confronti di chi lavora e risparmia.

Ernestinho

Dom, 21/02/2016 - 10:17

Una volta sugli autobus c'erano i "bigliettai". Erano garanzia di puntuale acquisto del biglietto e di occupazione per molti. Gli stipendi pagati a costoro erano di gran lunga inferiori ai danni provocati dai mancati guadagni di tutti coloro che viaggiano senza biglietto!

vince50_19

Dom, 21/02/2016 - 10:36

Mi sa che su certe linee saranno più i controllori che i controllati. Con relativa spesa..