Sequestrati beni per 500mila euro all'ex abate di Montecassino

Pietro Vittorelli avrebbe utilizzato denaro appartenente all’allora diocesi di Montecassino destinato a finalità di culto e, attraverso passaggi di conti correnti gestiti dal fratello

La guardia di finanza ha eseguito un sequestro di beni nei confronti di Pietro Vettorelli, ex abate di Montecassino, e del fratello Massimo. Secondo la procura il prelato, che durante il suo mandato aveva accesso illimitato ai conti dell’Abbazia, si sarebbe indebitamente appropriato del denaro (per oltre mezzo milione di euro) destinato a finalità di culto e a opere caritatevoli. Gli importi sottratti - sempre secondo l’accusa - sarebbero stati riciclati in varie tranche attraverso passaggi su vari conti correnti gestiti dal fratello, intermediario finanziario, per poi tornare nella disponibilità del prelato. Il sequestro di oltre 500 mila euro è stato disposto dal Gip del tribunale di Roma Vilma Passamonti, su richiesta del pm Francesco Marinaro.

Vittorelli aveva rinunciato al governo dell’abbazia nel giugno del 2013 per motivi di salute. Ne era diventato abate nell’ottobre del 2007. Nel 2012 venne colpito da una grave crisi cardiaca che gli ha comportato una lunga degenza e terapia riabilitativa.
Nato a Roma nel 1962, nel 1989 si laureò in medicina e subito dopo entrò come postulante nell’abbazia di Montecassino. Nel 2003 è stato membro del comitato provinciale di bioetica dell’azienda sanitaria locale di Frosinone.

Commenti

Solist

Mer, 11/11/2015 - 12:25

anche se tardi la finanza ha capito dove andare a scoperchiare gli altarini, bravi!

berserker2

Mer, 11/11/2015 - 13:48

C'è l'ha messo bertone a casino.......

moshe

Mer, 11/11/2015 - 14:00

... quante volte l'ho scritto ... "... dacci il nostro scandalo quotidiano" ... e, nonostante tutto, vengono a farci prediche ... PARASSITI !!!

Boxster65

Mer, 11/11/2015 - 14:27

Lo so io dove glielo ficco l'8 per mille alla Chiesa....

Rossana Rossi

Mer, 11/11/2015 - 15:26

Non si salva nessuno, altro che predicare la povertà con i milioni in banca.......e lo schifo continua.........

elena34

Mer, 11/11/2015 - 16:00

Ci mancava nella lista l'ex abate. Eccoci accontentati .

lento

Mer, 11/11/2015 - 16:02

L'otto x mille e' manovrato dai commercialisti ! Hanno fatto accordo con istituti religiosi ,dove non fanno sapere niente ai loro clienti,della destinazione della donazione.....

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 11/11/2015 - 16:11

PANEM ET CIRCENSIS- Glie l'hanno gia detto a Francesco???? Pax vobiscum dal Nicaragua

apostata

Mer, 11/11/2015 - 16:25

Non è la storiella della trafugazione di documenti enfatizzata da francesco (utile indicatrice, anzi, del marcio), a suscitare scandalo sono fatti come questo di montecassino, non isolato, ma costume diffuso da faraoni ladri e pedofili che non arretrano di un passo. Il vero guaio è nell’otto per mille che fa tradire il voto di povertà e diffonde nella chiesa il vizio. Solo il 20% del miliardo, intascato in parte scorrettamente, è forse destinato a carità (circa 4 milioni di euro sono spesi, al momento giusto, per suggestivi spot pubblicitari della rai). La cifra ottenuta in modi spesso illeciti, è però molto superiore, secondo Odifreddi il costo delle altre entrate della chiesa, per lo stato italiano, (escludendo comuni, province e regioni), supererebbe i nove miliardi di euro.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 11/11/2015 - 17:31

Montecasino......

PEPPA44

Mer, 11/11/2015 - 17:34

Il Papa ha detto di non sentire e vedere la televisione; forse non ci vuole far sapere le ruberie e altre nefandezze della chiesa e dei suoi compari?

berserker2

Mer, 11/11/2015 - 18:11

beh però..... a Cassino ha ospitato un sacco di clandestini a spese sue e di bertone!

Ritratto di sirio---

sirio---

Mer, 11/11/2015 - 20:44

UN FRATE COME FRANCESCO!!!!, MENTRE IL SANTO POVERELLO SI SPOGLIO' DI TUTTI I SUOI BENI. QUESTO BLASFEMO RUBAVA AI POVERI DISEREDATI E NON E' IL PRIMO, E NEMMENO L'ULTIMO !!!!

zingozongo

Gio, 12/11/2015 - 07:44

ma la cosa piu scandalosa e che spendeva tutto in festinei nei localy gay di berlino e milano ! i suoi preferiti eragano ragazzotti arabi, ora capisco tante cose beati i poveri..si si quando i poveri sono gli altri allora devono essere beati, se tocca a loro essere poveri ??